martedì , 20 ottobre 2020
Home / Calciomercato Sassuolo - Tutte le notizie di calciomercato / Aquilani in neroverde: chi è il nuovo giocatore del Sassuolo

Aquilani in neroverde: chi è il nuovo giocatore del Sassuolo

Il primo rinforzo arrivato a Sassuolo in questo calciomercato invernale è Alberto Aquilani. Veterano del nostro campionato di calcio con un paio di esperienze internazionali, il centrocampista romano ha firmato un prestito semestrale che gli farà vestire la maglia neroverde fino al prossimo 30 giugno.

Aquilani sembrava avere nei geni il DNA del predestinato: classe 1984, giovanili giallorosse ed esordio in prima squadra a 18 anni, da titolare in Coppa Italia contro la Triestina. Arriva così anche la prima apparizione in serie A, il 10 maggio 2003. La partita è Roma-Torino e Aquilani entra in campo al 91′ per far rifiatare il Puma Emerson.

Ma è in nazionale che il giocatore si fa scoprire per quello che è: veste le maglie di tutte le selezioni a partire dall’Under-15 e vince l’Europeo Under-19 del 2004, risultando il miglior giocatore del torneo.

Leggi anche > CALCIOMERCATO SASSUOLO: IL PUNTO ALL’APERTURA DELLE TRATTATIVE

aquilani-e1480099019540

La società giallorossa decide quindi di mandarlo un anno a farsi le ossa in serie B, alla Triestina, dove vive una stagione assolutamente positiva: 41 presenze e 4 reti che gli valgono il ritorno a casa. Sembra quindi poter essere un nuovo Totti o un nuovo De Rossi, Alberto Aquilani. E lui a Roma resta e vuol restare, per cinque stagioni.

Nel periodo giallorosso vince due Tim Cup e una Supercoppa Italiana, esordisce in Champions League, ottiene la convocazione in nazionale maggiore e partecipa agli europei del 2008 e regala ai tifosi un memorabile assist di rabona per Amantino Mancini che mette in moto Totti e permette ai suoi di espugnare San Siro contro il Milan. Per i tifosi diventa Il Principino, data la somiglianza col “Principe” Giannini.

Tuttavia, le sue cinque stagioni alla Roma sono segnate da una serie di guai fisici che ne mettono a rischio la carriera. Rimasto ai margini della squadra dopo l’ennesimo infortunio, nell’estate 2009 il Liverpool gli offre l’occasione di un rilancio. Aquilani coglie al volo la possibilità, fa le valigie e vola in Inghilterra. Alla Roma vanno 17 milioni di sterline.

Leggi anche > SASSUOLO: PRIMO ALLENAMENTO E PRIME BUONE NUOVE

foto: mirror.co.uk
foto: mirror.co.uk

Nemmeno in Inghilterra, le cose vanno troppo bene. Nella squadra di Benitez, arrivato con l’aura di chi può fare la differenza ma con un brutto infortunio alla caviglia, fatica ad imporsi, soprattutto fisicamente. Solo 18 le sue apparizioni in Premier League, ma la bellezza di sei assist rivelano il tocco di genio del giocatore.

A fine stagione rientra in Italia. La Juve ancora in crisi da Calciopoli lo chiede in prestito con diritto di riscatto. Nella squadra di Del Neri diventa subito una certezza e, nonostante il settimo posto finale di Madama, si conferma uno dei migliori giocatori della stagione. Ma a Torino di Principino ce n’è già uno e, nell’estate 2011, gli si affianca un mostro sacro come Andrea Pirlo. Ovvio che per Aquilani gli spazi si facciano stretti e, sebbene a malincuore, la Juve lo rimanda a Liverpool.

Il copione si ripete anche nella stagione successiva. Il Milan orfano di Pirlo lo prende in prestito con diritto di riscatto. A San Siro incanta con qualche giocata preziosa, ma non riesce ad imporsi più di tanto e gioca anche molto meno per colpa di un ennesimo colpo alla caviglia. A fine stagione non viene riscattato ed è costretto – ancora una volta – a far ritorno in Gran Bretagna.

Leggi anche > CALCIOMERCATO SASSUOLO, TIENE BANCO LA PISTA CIGARINI

foto: SKY
foto: SKY

Ma stavolta alla finestra c’è la Fiorentina del suo ex compagno di squadra Vincenzo Montella, che riesce ad ottenerlo dal Liverpool a titolo definitivo e gratuito.

In maglia viola Aquilani ritrova tutto lo smalto perduto e torna ad essere il giocatore dei tempi di Roma, formando un trio di centrocampo delle meraviglie con Pizarro e Borja Valero. Riconquista anche la nazionale, per la Confederations Cup 2013 e la Coppa del Mondo 2014.

Ma la favola si spezza con l’addio di Montella. Con l’esonero del tecnico napoletano, Aquilani rimane svincolato. Passa quindi una stagione non proprio esaltante nel campionato portoghese, con la maglia dello Sporting Lisbona, dove si alterna tra campo, panchina e tribuna. All’inizio della stagione in corso, dunque, si accasa al Pescara, dove collezione solo 9 presenze ed una rete, alla nona giornata, contro l’Udinese.

Leggi anche > SASSUOLO, NATALE A 17 PUNTI: -11 RISPETTO AL 2015

aquilani-fiorentina

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

Nico Manara

Calciomercato Sassuolo: primo contratto da professionista per Nico Manara

Grande soddisfazione per Nico Manara: l’attaccante classe 2001, in forza al Sassuolo Primavera, ha firmato …