giovedì , 14 dicembre 2017
Home / Settore Giovanile Sassuolo / Berretti Sassuolo / Berretti – Stefano Morrone: “Sassuolo è un mondo straordinario”

Berretti – Stefano Morrone: “Sassuolo è un mondo straordinario”

Dopo l’addio di Paolo Bianco alla guida dei Berretti del Sassuolo, la società neroverde ha scelto come successore Stefano Morrone. Non ha bisogno di presentazioni mister Morrone: ex giocatore di ruolo centrocampista ha collezionato 514 presenze tra i professionisti, 301 in Serie A, in carriera ha vestito le maglie di Empoli, Piacenza, Venezia, Chievo, Palermo e Livorno. Smessa la carriera da calciatore, Morrone decide di frequentare il corso di allenatore a Coverciano e consegue il patentino da allenatore e nell’estate del 2015 diventa l’allenatore della formazione Berretti del Parma.

Stefano Morrone e Francesco Palmieri (foto: sassuolocalcio.it)

L’amore per questo sport non ha mai abbandonato Stefano che fin da giovane giocatore osservava con ammirazione il ruolo dell’allenatore: “Sono sempre stato affascinato dalla figura dell’allenatore. Sino da quando ho esordito in Serie A a 19 anni. L’idea di poter mettere in difficoltà le squadre avversarie, le strategie, preparare la settimana, questo mi è sempre piaciuto. In questi due anni sono cresciuto come allenatore. Siamo partiti da un Parma ridotto in macerie dopo il fallimento e siamo arrivati in Serie B. Giorno dopo giorno siamo cresciuti e migliorati insieme” – ha dichiarato Morrone a CanaleSassuolo.it.

Abbiamo avuto il piacere di fare una lunga chiacchierata con mister Morrone, che dopo due stagioni passate al Parma, ha scelto Sassuolo come nuova destinazione: “Ho deciso di cambiare perché ci sono state un paio di situazioni che non mi vedevano più coinvolto in quello che era il mio percorso. Mi è stato proposto di allenare gli Allievi Nazionali, ma non percepivo più la possibilità di poter continuare a crescere e migliorare in un ambiente nel quale non mi sentivo più me stesso. Avevo voglia di misurarmi con un nuovo contesto per poter continuare a crescere. Quando c’è stata la possibilità di venire a Sassuolo l’ho colta al volo. A Parma ho comunque vissuto due anni meravigliosi che mi hanno dato la possibilità d’iniziare un nuovo percorso. Sono legato alla città e al club, ma nel calcio le cose cambiano e bisogna fare delle scelte. Quando ho deciso di lasciare, avevo pensato di fermarmi per partecipare al Master, poi c’è stata la chiamata del Sassuolo e non ho potuto rifiutare. In neroverde ho ritrovato la stima morale e professionale di cui avevo bisogno per continuare a fare questo lavoro”.

Leggi anche > CAMPIONATO PRIMAVERA: IL CALENDARIO DEL SASSUOLO

Mister Morrone si prepara è pronto per la sua nuova avventura sulla panchina neroverde che inizierà ufficialmente il 7 Agosto, quando la sua nuova squadra si radunerà ai suoi ordini. Con quale spirito affronterà questa nuova sfida?: “Sono partito due giorni fa con la Primavera. Palmieri mi ha chiesto di iniziare a conoscere quello che è il mondo Sassuolo. Lunedì parto con i miei ragazzi. Sono molto motivato e ho voglia di iniziare. Quando fai questo lavoro devi essere capace di dare tutto te stesso, ogni giorno. I ragazzi richiedono tantissimo. Loro vanno stimolati, e sono cambiati rispetto a 15/20 anni fa, quando ho iniziato. L’allenatore moderno deve essere pronto sotto ogni punto di vista”.

Vi siete dati qualche obbiettivo?: “L’obbiettivo è quello di far crescere i giovani per portarli in prima squadra attraverso un lavoro quotidiano. Ma l’obbiettivo principale deve essere quello di portare in Primavera i nostri ragazzi preparandoli nel miglior modo possibile. In questa categoria, a questi livelli, i ragazzi devono essere ambiziosi e devono avere voglia di fare i calciatori. A questo ci si arriva confrontandosi sul campo”.

Nella lunga carriera da calciatore, Morrone ha incontrato diversi allenatori, gli abbiamo chiesto a quale tecnico si ispirasse: “Da tutti si prende un po’, perché tutti sono diversi con pregi e difetti. Alcuni sono più bravi sul campo, altri nei modelli gestionali. Un nome direi quello di Guidolin. È stato il mister che mi ha dato di più anche perché lo ho conosciuto per più tempo. Era molto meticoloso, preciso e organizzato. Non lasciava nulla al caso. Aveva la qualità di riuscire a tirare fuori il meglio da ogni giocatore”.

Sassuolo potrebbe dare l’idea di un club con poche pressioni, ma da anni la mission della società è quella di puntare su giovani calciatori, magari valorizzandoli da proprio vivaio. Allenare una categoria come i Berretti neroverdi è una responsabilità importante per un allenatore?Assolutamente sì. Vedendolo da fuori Sassuolo è un mondo straordinario. Si dice che sia una delle società più importanti d’Italia, sotto tutti i punti di vista. Non potevo trovare soluzione migliore. Qua c’è un progetto e un percorso. Ci sono tanti obbiettivi da raggiungere. Dai ragazzi a chi lavora in sede Sassuolo ricorda una catena di montaggio. Ognuno sa cosa fare. C’è un altissimo livello di professionalità. non vedo l’ora di cominciare“.

A mister Stefano Morrone un in bocca al lupo per la stagione che sta per cominciare da parte di tutta le redazione di CanaleSassuolo.it

*** E’ POSSIBILE RIPRODURRE QUESTA INTERVISTA CITANDO LA FONTE www.canalesassuolo.it***

GUARDA ANCHE: .

Riguardo Redazione

La redazione di Canale Sassuolo è costantemente al lavoro per fornirvi informazioni in tempo reale riguardo al Sassuolo Calcio.

Potrebbe Interessarti

Antonio Piscicelli

Non basta Piscicelli, la Berretti fermata sul pari dal Piacenza

Nel posticipo della nona giornata di campionato, l’ultima del girone d’andata, la Berretti del Sassuolo …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi