martedì , 15 giugno 2021
Home / Notizie Neroverdi / Il Sassuolo chiude ottavo: sfuma il sogno Conference League
fifa limite prestiti
foto: La Nazione

Il Sassuolo chiude ottavo: sfuma il sogno Conference League

Si è appena conclusa la stagione di Serie A edizione 2020-2021 e il Sassuolo ancora una volta si è confermata la “prima delle altre”. I neroverdi chiudono all’ottavo posto, a pari punti con la Roma settima, in pareggio anche negli scontri diretti ma alla fine ad andare in Conference League saranno proprio i giallorossi grazie a una migliore differenza reti.

De Zerbi chiude la sua avventura con una vittoria

Il campionato degli emiliani si è concluso con una vittoria netta e meritata contro la Lazio che non aveva più nulla da chiedere al campionato, decimata dagli infortunati ma che ha comunque onorato l’impegno e se l’è giocata sino alla fine. A decidere l’incontro è stato un rigore di Domenico Berardi, al 17° goal stagionale, che ha trasformato il penalty conquistato dal rientrante Ciccio Caputo. Proprio l’assenza di Caputo per lunghi tratti della stagione fa crescere i rimpianti per ciò che avrebbe potuto essere e che non è stato e sono in molti a pensare che con l’attaccante barese a pieno regime il Sassuolo avrebbe potuto insidiare anche il sesto posto della Lazio che andrà in Europa League insieme al Napoli. Europa League che resta l’obiettivo dichiarato dei neroverdi in vista della prossima stagione, in una competizione in cui al 26 di maggio, secondo le scommesse sportive di Betway Sports, il Manchester United è la favorita indiscussa per la vittoria della Coppa nella finale che i mancuniani disputeranno contro il Villareal. Oltre alla chiusura della stagione, la vittoria contro la Lazio pone fine anche al bellissimo ciclo con De Zerbi alla guida del progetto tecnico, con il tecnico lombardo che l’anno prossimo allenerà gli ucraini dello Shakhtar Donetsk che prenderanno parte alla Champions League. De Zerbi lascia un gruppo che sotto la sua gestione si è attestato come uno dei migliori del campionato, che è cresciuto in maniera esponenziale sia nel collettivo che nei singoli, con Locatelli e Berardi che sono diventati dei pilastri anche della Nazionale di Roberto Mancini che si presenta ai prossimi Europei come una delle squadre da battere.

Cosa si può ancora migliorare

Dalla Serie D all’ottavo posto Serie A in dieci anni, passando anche da un 6° posto raggiunto a termine della stagione 2015/2016. Questo il bilancio del Sassuolo sotto la gestione della famiglia Squinzi e del gruppo Mapei. Dieci anni di crescita continua, lenta e inesorabile che ha permesso agli emiliani di trasformarsi da Cenerentola e splendida principessa. Oggi il Sassuolo è una delle squadre migliori della Serie A, una delle più solide dal punto di vista finanziario e, soprattutto, una delle più giovani in assoluto. Migliorare l’ottavo posto di questa stagione non sarà facile, ma i tempi sono maturi per sognare in grande e la sensazione è che con qualche piccolo innesto il Sassuolo possa compiere l’ultimo salto di qualità. Lazio e Roma, seppur con rose e disponibilità finanziarie decisamente superiori, sono lì a poca distanza e in più di un’occasione gli emiliani hanno dimostrato di potersela giocare anche con le prime della classe. Ciò che resta da migliorare è il rendimento con le cosiddette piccole che in più di un’occasione sono riuscite a fare risultato contro la squadra di De Zerbi nonostante il divario tecnico fosse sensibile. Resta poi da sciogliere il nodo relativo a chi sarà il prossimo allenatore degli emiliani. Raccogliere un’eredità pesante come quella del tecnico lombardo non sarà semplice e anche per questo cresce l’interesse per scoprire chi dal prossimo anno siederà sulla panchina dei neroverdi. Nelle ultime ore si rincorrono le notizie che vedrebbero un clamoroso arrivo di Vincenzo Italiano, il tecnico attualmente in forza allo Spezia che dopo aver conquistato una clamorosa promozione a guida dei liguri è riuscito a replicare l’impresa anche in Serie A portando i bianconeri alla prima salvezza nella storia del club. Italiano, come detto, al momento sembra il profilo migliore per raccogliere l’eredità di De Zerbi ma sono in molti a pensare che non sia escluso l’arrivo di Gennaro Gattuso. Il tecnico calabrese saluta Napoli dopo un anno e mezzo e ha voglia di rilanciarsi in un progetto che possa coinvolgerlo nuovamente.

Staremo a vedere cosa ci riserveranno le prossime settimane, ma la sensazione è che questo Sassuolo non abbia nessuna voglia di accontentarsi del terzo posto e che, anzi, continuerà a cercare di migliorare il proprio rendimento per compiere un percorso simile a quello dell’Atalanta.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Redazione

La redazione di Canale Sassuolo è costantemente al lavoro per fornirvi informazioni in tempo reale riguardo al Sassuolo Calcio.

Potrebbe Interessarti

Benedetta Orsi

Benedetta Orsi protagonista della docuserie Campionesse su Rakuten TV

Rakuten TV, una delle principali piattaforme video on demand, ha annunciato le protagoniste della docuserie …