martedì , 6 Dicembre 2022
bigica dopo atalanta sassuolo
Foto: sassuolocalcio.it

CS – Primavera, Bigica dopo Sassuolo-Torino 3-0: “Kumi un trattore, ci godiamo il momento”

Un Sassuolo Primavera in formato deluxe si sbarazza della pratica Torino con un secco 3-0: al Ricci sono decisive le due reti di Kevin Bruno ed il sigillo di Flavio Russo. A fine partita, il nostro inviato ha intervistato Emiliano Bigica, allenatore del Sassuolo: queste le sue parole.

Sulle tre vittorie e la quarta porta inviolata di fila: “Si prospettava una partita difficile perché incontravamo una squadra che ci avrebbe lasciato il pallino del gioco, che avrebbe vissuto sui nostri errori e sulle nostre defaillances. I ragazzi hanno fatto una partita molto intelligente, abbiamo sbagliato pochissimo. Ho scelto Tourè in mediana perché gli spazi, soprattutto centralmente, sarebbero stati pochi: Amadou mi garantisce qualità nel palleggio. Ho rivisto Kumi fisicamente straripante, che poteva fare almeno due gol con i suoi inserimenti. Insieme alla partita con la Juve, credo sia la miglior prestazione stagionale della mia squadra. Ci godiamo il momento: sono tutti uniti nell’intento di fare qualcosa di diverso rispetto agli scorsi anni. Vediamo gli sviluppi da qui alla sosta, che quest’anno sarà corposa: proveremo a fare più prestazioni positive possibile”.

Sulla fluidità di manovra: “Abbiamo sfruttato bene i pochi spazi concessi dal Torino, li abbiamo occupati bene. Abbiamo giocato anche con i tempi giusti ed in questo Romagna ci ha dato una grande mano: da dietro vede i tempi da giocatore importante quale è. Ma hanno fatto bene anche Cannavaro, Casolari, Pieragnolo: ho visto ragazzi concentrati, battere il Torino 3-0 considerando che tipo di squadra è non era assolutamente facile”.

Sul ruolo di Kumi, meno goleador e più uomo squadra: “Credo che Justin abbia nelle sue corde 7/8 gol a campionato: è un centrocampista che ha sempre fatto dell’inserimento, della corsa e dello strapotere fisico la sua forza. Non dobbiamo dimenticare che Kumi viene da un’estate dove ha fatto i Giochi del Mediterraneo, subito dopo ha avuto il Covid. Non è stato facile per lui a livello fisico ritrovare lo smalto dei tempi migliori: oggi l’ho rivisto straripante, si sente bene, è un trattore. E’ mio compito e suo compito migliorarlo tecnicamente: se succederà, potrà essere un giocatore importante per il futuro del Sassuolo. Bisogna avere la costanza e la voglia di migliorare sempre: penso che la tecnica si possa migliorare anche a 40 anni, se c’è la ripetitività del gesto”.

Sulla doppietta di Bruno: “E’ un giocatore che vede cose che altri non vedono: è dinamico, capisce sempre dove cade la seconda palla ed è sempre lì. A volte può essere più o meno fortunato, ma ha la qualità per recuperare palloni ed essere già in corsa con il primo controllo. Aggiungiamoci anche la qualità tecnica e il tiro, oltre al fatto che queste reti stanno aumentando l’autostima nei suoi mezzi”.

Sul cambio di modulo: “Ho deciso di giocare col trequartista e le due punte perché non avevo D’Andrea, Bruno non voglio metterlo esterno perché lo depotenzierei. Ho badato sia ad essere coperto nelle transizioni del Torino, che a mettere i giocatori nelle condizioni migliori di esprimersi: i ragazzi hanno interpretato bene il modulo, anche Baldari ha giocato bene”.

Segui CS anche su Instagram!

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Gabriele Boscagli

Appassionato di calcio e di sport in generale, ho deciso di condividere la passione per il Sassuolo e per la scrittura con Canale Sassuolo. In redazione curo la sezione del settore giovanile. Per contattarmi, scrivere a settoregiovanile@canalesassuolo.it.

Potrebbe Interessarti

sassuolo correggese primavera

Sassuolo Primavera, mercoledì amichevole contro la Correggese: i dettagli

Il Sassuolo Primavera torna a scaldare i motori in vista della seconda parte di stagione …