domenica , 20 ottobre 2019
Home / Campionato / Verso Roma-Sassuolo: la partita degli otto ex
Lorenzo Pellegrini alla Roma (foto: barforzalupi.it)

Verso Roma-Sassuolo: la partita degli otto ex

Dopo l’eliminazione europea subita ieri nonostante la vittoria sul Lione, in casa Roma già si pensa al Sassuolo. Domenica sera i neroverdi saranno infatti ospitati all’Olimpico per il posticipo della giornata numero 29. In casa Sassuolo ci sono un bel po’ di giocatori con trascorsi giallorossi, ben sette. Dal settore giovanile della Roma vengono Antei, Pellegrini, Politano, Ricci, Mazzitelli, Aquilani e Scamacca. E poi, come dimenticare Eusebio Di Francesco, che a Roma ha giocato ed è stato campione d’Italia?

Luca Antei non ha mai esordito nella prima squadra giallorossa ed è passato prima in prestito e poi in partecipazione al club di Squinzi dal gennaio 2013, prima di essere riscattato completamente nel giugno dello scorso anno.

Discorso simile per Politano, che non ha mai fatto presenze con la formazione A della Roma: dopo aver giocato in prestito a Perugia e in comproprietà a Pescara fu riscattato dai capitolini, che lo girarono di nuovo in prestito al Sassuolo, del quale è diventato un giocatore a tutti gli effetti lo scorso maggio. La sua prima rete in serie A fu proprio ai danni della sua ex squadra, il 20 settembre 2015. Sul numero 16 del Sasol la Roma possiede ancora un diritto al 20% del valore di una eventuale futura rivendita da parte dei neroverdi.

Leggi anche > BUON COMPLEANNO ALBERTO POMINI, OGGI 36 ANNI!

Luca Antei alla Roma (foto: as.roma.it)
Luca Antei alla Roma (foto: as.roma.it)

Mazzitelli, invece, con la Roma è riuscito ad esordire: il 18 maggio 2014 a Marassi contro il Genoa, nell’ultima giornata di campionato. Questa è la sua unica presenza con la prima squadra giallorossa. Dopo essere stato in prestito al Südtirol e al Brescia, il numero 22 è stato acquistato dal Sassuolo lo scorso febbraio, rimanendo in prestito in Lombardia fino alla fine della stagione. Su Luca Mazzitelli i giallorossi hanno un diritto di recompra triennale, per un valore attuale di circa 10 milioni.

Lorenzo Pellegrini, romano e romanista, ha giocato la sua unica partita con la maglia della formazione maggiore capitolina in Cesena-Roma del 2014-15, prima di passare a titolo definitivo al Sasol. Anche su Pellegrini la Roma ha un diritto di riacquisto a cifre alte: siamo a circa 12 milioni di euro. Di un suo ritorno alla base si è parlato molto nell’ultima trance di mercato, con il centrocampista neroverde al centro delle voci insieme al compagno Defrel.

Quattro invece le presenze in giallorosso per Federico Ricci, tutte nella stagione 2013-14 e prima del prestito biennale al Crotone e quello attuale al Sassuolo. Su di lui, i neroverdi hanno un diritto di riscatto a 4 milioni e mezzo, con opzione per un controriscatto a 7 milioni e mezzo da parte della società di Pallotta.

Leggi anche > SCOMMETTIAMO? QUOTE E PRONOSTICI SU ROMA-SASSUOLO

Lorenzo Pellegrini alla Roma (foto: barforzalupi.it)
Lorenzo Pellegrini alla Roma (foto: barforzalupi.it)

Alberto Aquilani a Roma aveva le sorti del predestinato. Dopo la trafila delle giovanili, esordì in prima squadra a 18 anni, nel 2003. Dopo un anno di prestito in serie B, era già pronto il suo ritorno a casa e un avvenire da bandiera, come Totti e De Rossi. Non andò così. A Roma rimase per altre cinque stagioni, portando a casa due Coppe Italia e una Supercoppa Italiana, ma anche una caterva infinita di infortuni che finirono per lasciarlo ai margini della squadra e fargli tentare il rilancio con il Liverpool, in Premier League. Per lui a Roma, 149 presenze e 15 gol.

Il giovane Gianluca Scamacca, arrivato a Sassuolo durante il mercato invernale e aggregato alla Primavera, ha iniziato a tirar calci proprio nella capitale, quando la Lupa lo strappò ai cugini della Lazio. Praticamente cresciuto in casa Roma con Roberto Muzzi a fargli da mentore, in giallorosso è arrivato fino agli Allievi Nazionali, dove in una stagione ha segnato 38 goal in 26 presenze. Poi, la decisione di lasciare la Città Eterna per tentare fortuna nei Paesi Bassi, prima di tornare in Italia.

Infine c’è Eusebio Di Francesco. Il mister in giallorosso ha giocato quattro stagioni, due con Zeman e due con Capello. Arrivato dal Piacenza nel 1997, alla Roma ha raggiunto i massimi livelli della sua carriera da calciatore. Per lui un totale di 121 presenze e 15 reti, con tre stagioni da titolare e poche presenze soltanto nell’ultima, la 2000-01 dello scudetto.

Leggi anche > FOCUS ON ROMA-SASSUOLO: PRECEDENTI, CURIOSITA’ E GLI HIGHLIGHTS DELL’ANDATA

di-francesco-montella

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

Il Tabellino di Sassuolo-Inter 3-4: sconfitti, ma a testa alta

Fosse durata dieci minuti in più, il Sassuolo avrebbe potuto portare a casa anche un …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi