martedì , 16 Aprile 2024
stefano piccinini padova
foto: vispesaro1898.it

Stefano Piccinini: “Vis Pesaro squadra ideale per crescere, a Sassuolo ho imparato l’importanza di questo sport”

Stefano Piccinini, giocatore del Sassuolo attualmente in prestito alla Vis Pesaro, si è raccontato in una lunga intervista pubblicata dal club marchigiano. Classe 2002, ha debuttato in serie A con il Sassuolo di Roberto De Zerbi, in Sassuolo-Udinese, ultima gara del campionato 2019-2020.

Ho cominciato a giocare a calcio in maniera un po’ strana. Non è stato il mio primo sport, ero appassionato di biciclette, insieme a mio fratello. Mi sono appassionato insieme a mia madre, coi Mondiali 2006, che mia mamma voleva vedere, voleva aggiornarsi. Guardammo insieme la finale con lei e da lì io e mio fratello ci appassionammo al calcio e a giocare, grazie all’Italia che vinse. Ci iscrivemmo alla Reggio Calcio, scuola calcio vicino casa. Ci allenavamo, cominciammo così a giocare, per divertimento. Cominciai a conoscere i miei amici, giocando per divertimento e senza molte pretese, non avevo grandi obiettivi”.

Leggi anche > DJURICIC IN SCADENZA A GIUGNO: PROVE TECNICHE DI RINNOVO

Sono passato al Parma dopo l’interessamento della Reggiana. In quinta elementare. Feci due anni prima del fallimento, poi passai al Sassuolo, per un paio d’anni in Under 14 e Under 15, poi alla Reggiana per un anno e mezzo. Nell’ambiente Sassuolo ho imparato l’importanza di questo sport, a crederci un po’ in più ma con molto equilibrio e razionalità, grazie ai miei genitori. Ho capito realmente cosa significasse”.

Giocare in serie A, con De Zerbi, è stata la fine e l’inizio di un piccolo percorso. Sentivo la sua fiducia, ci speravo. Quando è successo non mi sono nemmeno reso conto. A ripensarci, è stata una bella emozione”.

Mio fratello grande gioca a Pisa, con lui ho un rapporto strano. Eravamo molto competitivi, ciò ci ha fatto migliorare. Poi crescendo il nostro rapporto si è rafforzato, specie in quarantena, con la quale abbiamo condiviso tanti momenti. Ora ci vediamo poco ma abbiamo un bellissimo rapporto”.

Quest’estate sono arrivato alla Vis Pesaro. Volevo giocare coi grandi e non più nelle giovanili. Ho accettato di buon grado di venire qui, ho deciso in pochissimi giorni. Era importante fare questo tipo di esperienza e ne sono convinto. Mi sono messo in gioco. Non mi aspettavo di trovare così tanto spazio. Credo che non bisogna mai accontentarsi e migliorare tanto. Qui ho alcuni compagni che vengono dal Sassuolo, ma mi trovo davvero bene con tutti. Ho un ottimo rapporto col mister, mi sta dando fiducia. Qui c’è un clima disteso e tranquillo. Si lavora e si può lavorare. È la squadra ideale per crescere”.

Ho casa a Pesaro, qui sul mare. Voglio bene a questa città. È tranquilla, è serena, ci si sta bene. Fuori dal campo? Non ho altre passioni tranne il calcio. Ho finito la scuola e vorrei iniziare a studiare Scienze Motorie all’università”.

Leggi anche > CALCIOMERCATO SASSUOLO: BERARDI CAMBIA AGENTE E TROVA L’INTESA CON LA FIORENTINA

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Vis Pesaro 1898 (@vispesaro1898)

Riguardo Giuseppe Guarino

Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

mattia giani

Tragedia nel calcio: morto Mattia Giani. Era stato allenato da Bigica

Una tragedia ha scosso il mondo del calcio: ci ha lasciati Mattia Giani, calciatore del …