sabato , 23 ottobre 2021
Home / Settore Giovanile Sassuolo / Primavera Sassuolo / Sassuolo Primavera, Ryan Flamingo: “In Italia per diventare un difensore migliore”
diretta sassuolo roma primavera
foto: sassuolocalcio.it

Sassuolo Primavera, Ryan Flamingo: “In Italia per diventare un difensore migliore”

Ryan Flamingo, acquisto della sessione invernale del Sassuolo, si è raccontato al sito Voetbalzone.nl. Il centrale difensivo olandese è diventato fin da subito un titolare della retroguardia di mister Bigica: dall’esordio con l’Ascoli alla vittoria con il Bologna, Flamingo si è distinto per qualità in impostazione e ottime doti difensive (cliccare qui per leggere l’intervista in lingua originale).

Sul Sassuolo: “Sono venuto qui per giocare e sono a completa disposizione del mister. Giochiamo due volte a settimana e spesso abbiamo trasferte lunghe. Ascoli, per esempio, era a quattro ore di macchina. Partiamo sempre il ​​giorno prima e trascorriamo la notte in hotel, in Olanda non facevo così. Abbiamo ancora molte trasferte, come Lazio, Roma e Cagliari. Non vedo l’ora di giocare con la Juventus, mentre il Milan l’abbiamo già incontrato. Dal NEC Nijmegen al Milan: sì, è molto diverso. L’impressione che mi dà il Sassuolo è che tutto sembra a posto e in ordine”.

Sull’esperienza in Olanda: “Il Covid19 mi ha danneggiato molto (Ryan lo ha contratto, ndr): ho dovuto rimettermi in forma e non ho avuto la possibilità, anche perché la squadra stava andando molto bene e non c’era spazio per me. All’inizio non riuscivo più ad essere quello di prima perché non ho giocato per molto tempo. Mi sono sempre allenato per mantenermi in forma, ma dopo il mio diciottesimo compleanno non ho potuto fare niente perché non era consentito l’allenamento in gruppo”.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Almere City FC (@almerecityfc)

Sul trasferimento: “È stata una scelta difficile. Ho pensato che il Sassuolo fosse l’occasione migliore per arrivare in prima squadra. Il Sassuolo è un club che vuole davvero dare una possibilità ai giovani, ha uno dei migliori settori giovanili in Italia. Tutto è ben organizzato, con cura e con strutture che servono per recuperare dagli infortuni. Le strutture sono di prim’ordine, la prima impressione del club è molto buona. È stato un passo avanti nella mia carriera. La prospettiva offerta dal Sassuolo non è stata l’unica motivazione per la scelta del Sassuolo: in Italia si chiede un po’ di più a un difensore. Mi accorgo che sto diventando un difensore migliore giocando e allenandomi qui. Come giocare ad alti ritmi, come restare in linea con i compagni di reparto, come allenarmi al meglio: questo tipo di cose è ciò che imparo di più qui, ci viene insegnato ogni giorno. Anche De Ligt ha scelto consapevolmente l’Italia per imparare a difendere meglio. Ha raggiunto un livello altissimo in giovane età ed è sicuramente un esempio”.

UNISCITI AL GRUPPO TELEGRAM DI CANALE SASSUOLO!

Sulla lingua: “Parlo già qualche parola di italiano, ma non riesco ancora a pronunciare delle frasi: conosco solo qualche parola. Sto lavorando duramente per padroneggiare la lingua. Qui devi imparare la lingua, a loro piace che tu la sappia parlare. È anche bello poter imparare una nuova lingua. Il mio compagno di stanza parla un po’ di inglese. Se non so qualcosa, gli chiedo come devo dirlo. Ci sono solo pochi ragazzi che parlano inglese, l’allenatore riesce a malapena. Di conseguenza, devo imparare la lingua velocemente, ora conosco tutti i termini legati al calcio. All’inizio ho avuto qualche difficoltà a capire gli esercizi, ho anche avuto un allenamento che è andato veramente male perché non sono riuscito a capire cosa stessero spiegando. Devo solo cercare di adattarmi il ​​più rapidamente possibile ed essere flessibile. Il mio debutto è andato bene, meglio del previsto“.

Ryan Flamingo
foto: sassuolocalcio.it

Sulle differenze tra calcio italiano e olandese: “Qui si sta solo sul campo per due o due ore e mezza, soprattutto perché c’è molto allenamento sulla parte tattica, è molto diverso giocare a calcio qui. Vengono fischiati molti più falli e gli attaccanti si buttano ad ogni tocco. Nei Paesi Bassi i difensori sono più a loro agio perché l’arbitro fischia molto meno. Qui si mangia più tardi rispetto all’Olanda, devo solo abituarmi al ritmo ma ciò avverrà rapidamente, soprattutto nella mia testa. All’inizio avevo fame tra le sei e le sei e mezza. C’è un cuoco che cucina per me, non devo preoccuparmi di questo. Devo solo alzarmi in orario, poi c’è un taxi che mi viene a prendere e mi porta all’allenamento”.

SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM!

Sul suo futuro: “Ho scelto questa tappa per crescere più velocemente. Alcune cose le devo fare da solo, mi è capitato di dover andare in banca oggi. Oppure vado al supermercato a comprare delle cose. Non posso rilassarmi con i tuoi amici, è un peccato. Penso al calcio e i miei amici possono sempre venire. La cosa più importante è che qui posso concentrarmi completamente sul calcio e raggiungere il mio obiettivo”.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Martino Cozzi

Appassionato di calcio sin da piccolo. Ha trovato in Canale Sassuolo la redazione su misura per lui nella quale poter coltivare il suo sogno: vivere raccontando il gioco più bello del mondo!

Potrebbe Interessarti

bigica dopo sassuolo torino

Primavera, Bigica dopo Sassuolo-Torino 1-1: “Se fossimo rimasti in undici l’avremmo vinta”

Mister Emiliano Bigica ha parlato in esclusiva ai microfoni di CanaleSassuolo al termine del match con il …