domenica , 9 maggio 2021
Home / Settore Giovanile Sassuolo / Primavera Sassuolo / Primavera: l’analisi del campionato alla sosta invernale
Primavera Sassuolo

Primavera: l’analisi del campionato alla sosta invernale

Con l’arrivo della sosta invernale, tutte le squadre del settore giovanile del Sassuolo si sono fermate: è il momento giusto per fare un resoconto della stagione fin qui disputata, formazione per formazione. Iniziamo oggi dal vertice alto della piramide delle giovanili neroverdi, la Primavera di mister Paolo Mandelli.

Il girone d’andata, per la Primavera, non è ancora finito, manca ancora la sfida clou con l’Udinese per arrivare al giro di boa del campionato, ma si può già dire che i risultati fin qui conseguiti rappresentino un successo. In un girone competitivo, stabilito non più su criteri geografici ma di ranking, i ragazzi di Mandelli occupano la quarta posizione in classifica, in piena zona playoff, ma per ben due volte sono saliti fino al primo posto. La rosa è rimasta pressoché intatta rispetto a quella che ha conquistato i playoff a maggio scorso: sono rimasti tre fuori quota, Ravanelli, Zecca ed Abelli, a costo di sconfessare la stessa società che, durante la scorsa stagione, faceva dell’assenza dei fuori quota un vanto. Entrare tra le prime 5 è un risultato assolutamente alla portata della Primavera neroverde, ma, come dichiarato da Nicholas Pierini un mese fa, questa rosa può lottare anche per i primi due posti, che garantirebbero l’accesso alle fasi finali senza passare dai playoff.

LEGGI ANCHE > NICHOLAS PIERINI: “GIRONE B? POSSIAMO ARRIVARE TRA LE PRIME DUE”

La fortuna del Sassuolo fin qui è dovuta ai punti conquistati contro le piccole: salvo due pareggi contro Carpi e Pro Vercelli, sono arrivate solo vittorie contro squadre che occupano la parte sinistra della classifica. Le concorrenti, come Juventus, Empoli ed Udinese, hanno perso punti contro squadre che non sono in lotta per i playoff (Benevento, Avellino, Carpi). Il problema del Sassuolo è l’aver perso quasi tutti gli scontri diretti contro le big: ha perso a Vinovo contro la Juventus, a Caselle contro il Chievo e a Venaria contro il Torino, finora le uniche tre sconfitte stagionali dei ragazzi di Mandelli. Sono arrivate soltanto una roboante vittoria contro l’Empoli a Castellarano ed un successo di misura sul Bari, ora più defilato dalla bagarre, sullo stesso campo. Per il girone di ritorno possono fare affidamento proprio sul fattore campo, che finora ha portato 16 dei 18 punti disponibili (gli unici due persi con la Pro Vercelli nell’ultimo turno), considerato che tutti gli scontri diretti vedranno il Sassuolo ospitante e, a turno, Torino, Chievo e Juventus ospiti.

Primavera Sassuolo

Capitolo nuovi innesti: con l’aggiunta della rosa Berretti e con la permanenza dei fuori quota, non sono molti i giocatori aggiunti al roster ai nastri di partenza del 2016/2017. Leonardo Vitali, portiere, è la seconda scelta di Mandelli, che continua a preferirgli Bryan Costa: per l’ex Perugia soltanto tre presenze. Per il ruolo di terzino destro, invece, il nuovo arrivo dal Mantova Giulio Gambardella, chiamato a rimpiazzare Ghizzardi (partito per la Correggese), non si è perso neanche un minuto in campionato ed ha pure siglato un gol nel 5-0 all’Empoli. A centrocampo, è approdato in Emilia dalla Romania Marius Marin: si è preso il ruolo di mezzala nel 4-3-3 di Mandelli giocando titolare in 10 occasioni su 12. E’ stato anche convocato da Di Francesco per la partita con la Sampdoria. In attacco, si sta ritagliando spazio a partita in corso l’ex Under 17 Alessandro Romairone, mai partito titolare ma già con due gol all’attivo (una rete ogni 78 minuti). Reclama spazio anche Mattia Palma (6 presenze), mentre Francesco Ferrario dalla Vibonese, con sole 3 apparizioni, non ha disputato una prima parte di stagione da incorniciare.

La grande sfida, per la Primavera, sarà fare fronte alle numerose assenze dovute all’emergenza infortuni della prima squadra: lo sta già facendo con Claud Adjapong, ormai diventato un elemento della rosa di Di Francesco, lo ha fatto saltuariamente con Pierini, Erlic, Marin, Franchini e Caputo, già convocati nel recente passato. Le suddette assenze, protratte nelle giornate, potrebbero pesare. Ma, in fin dei conti, a cosa serve la Primavera se non a fornire giocatori alla prima squadra?

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Gabriele Boscagli

Gabriele Boscagli
Appassionato di calcio, ha deciso di condividere la passione per il Sassuolo con noi di Canale Sassuolo. In redazione è il pilastro del settore giovanile. Per contattarmi scrivere a settoregiovanile@canalesassuolo.it

Potrebbe Interessarti

diretta lazio sassuolo primavera

Sassuolo Primavera: date e orari delle partite con Ascoli, Samp, Bologna e Genoa

La Lega Serie A ha reso noto il programma di anticipi e posticipi del Campionato …