domenica , 24 ottobre 2021
Home / Notizie Neroverdi / Paolo Cannavaro: “Berardi come Cavani, a Sassuolo sembra di essere all’estero”

Paolo Cannavaro: “Berardi come Cavani, a Sassuolo sembra di essere all’estero”

Nell’ultima puntata di Flash Neroverdi, Paolo Cannavaro si racconta in modo scherzoso e informale. Il difensore del Sassuolo ripercorre un po’ tutte le fasi della sua storia in neroverde, parlando di sé e dei suoi compagni.

Si parte dall’inizio, da quel gennaio 2014 che lo vide passare in maglia neroverde dopo otto stagioni nel Napoli: “Sono arrivato a Sassuolo insieme a tanti giocatori nel mercato di riparazione. Mi dissero che questa squadra mirava a salvarsi e poi a raggiungere l’Europa. Io ci ho creduto e la società ha mantenuto le promesse.

Promesse mantenute grazie a un grande tecnico: “Di Francesco è un allenatore che ti convince quando ti spiega qualcosa. Dà un motivo a tutto, ti entra nella testa e ti fa capire che ciò che ti dice è ciò che effettivamente ti fa fare meglio in campo. Più che un allenatore è un istruttore. Nel calcio tutti i tecnici dovrebbero essere come lui“.

Uno dei migliori giocatori di questo campionato è Francesco Acerbi: “Quando sono arrivato Acerbi era fuori per i suoi problemi di salute. Poi è ritornato in maniera devastante, con una grinta pazzesca. Il soprannome Leone è azzeccatissimo per lui. Veramente può insegnare tanto ai giovani“.

Leggi anche > SASSUOLO CONTESTATO: E’ GIUSTO COSI’?

IMG_0792

Ma il gioiello del Sassuolo è ovviamente Berardi: “Quello che c’è in Berardi, nella mia carriera l’ho visto solo in un giocatore: Cavani. Nella sua voglia di fare gol quando arriva davanti alla porta, in partita come in allenamento. Andrà sicuramente in una grande squadra e vincerà tanto“.

Il Sassuolo è un modello per via dei suoi forti investimenti nei giovani italiani: “Oggi le società hanno capito che il calcio in Italia c’è da una vita. Ha sfornato giocatori come Zola e Baggio. Investire nei giovani permette di avere i nuovi Cannavaro, Nesta, Buffon… Solo dando loro fiducia si possono creare questi giocatori e il nostro campionato sta finalmente intraprendendo questa strada“.

Nel distretto ceramico, il numero 28 ha trovato una cultura sportiva diversa da quella delle piazze calde: “Qui mi sembra di non essere in Italia. La cultura sportiva che c’è qui è come quella che c’è all’estero. Gli anziani che vengono a guardare l’allenamento cercando un posto all’ombra e applaudendo spontaneamento. In Italia ci siamo disabituati a queste cose. Sentiamo sempre storie di tifosi che protestano, minacciano

Infine, una nota personale-biografica: “Da bambino mi chiamavano Willy il Principe di Bel Air per il mio carattere scherzoso. Sono appassionato di musica, la mia canzone preferita è di Gigi d’Alessio ed è ‘All’atu munno’, la canzone mia e di mia moglie“.

Leggi anche > VERSO ROMA-SASSUOLO: ROMPERE IL DIGIUNO DEL GOL

IMG_0802

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

Kevin Bruno

Italia Under 17, Bruno confermato nei 20 convocati per la prima fase di qualificazione europea

Kevin Bruno rappresenterà il Sassuolo nella prima fase di qualificazione all’Europeo di categoria, che l’Italia …