venerdì , 20 maggio 2022
Home / Notizie Neroverdi / Paolo Bianco: “Lo Shakhtar l’esperienza più bella della vita, ora voglio allenare”
Paolo Bianco shakhtar

Paolo Bianco: “Lo Shakhtar l’esperienza più bella della vita, ora voglio allenare”

Paolo Bianco, dal 2019 nello staff di Roberto De Zerbi e con un’esperienza nelle giovanili del Sassuolo come allenatore della Berretti e vice-allenatore della Primavera, ha parlato ai microfoni della trasmissione Stadio Aperto di TMW Radio:

Sullo Shakhtar: “L’esperienza allo Shakhtar è stata la più bella della vita: ho conosciuto persone splendide e un popolo con valori saldi e principi importanti, con un senso d’appartenenza. Dal 2014 lo Shakhtar non è più nel Donbass per le varie vicissitudini, eravamo fissi a Kiev. Ma il ritorno col Monaco di Champions, per esempio, abbiamo scelto di giocarlo a Kharkiv, un’altra città splendida, dove avevamo lo stadio pieno perché lì vive tanta gente di Donetsk. Questa è stata la nostra esperienza, con un epilogo che non si aspettava nessuno”.

Sul ricordo più vivido: “Quando senti le bombe pensi a come andare via, e allora giù con le telefonate e il pensiero rivolto alla famiglia. Non è facile dire a mia moglie che il giorno dopo sarebbero saltate le comunicazioni. Io non ho visto palazzi crollare come adesso, era l’inizio dell’invasione: scontri e bombe li sentivamo, ma ora è un disastro totale. Il problema è che in questa situazione a rimetterci sono i civili, che non c’entrano niente”.

Leggi anche > DE ZERBI: “NON VADO VIA DALLO SHAKHTAR”

Sul rientro: “Il senso di sicurezza l’ho avuto per la prima volta una volta superato il confine con l’Ungheria. I due momenti più toccanti sono stati quando abbiamo lasciato l’hotel scortati – perché c’era il coprifuoco – per poter prendere il treno; e quando siamo partiti da Kiev in direzione Leopoli, è salito un senso di angoscia e malinconia mai provato perché in quel club ci sono persone speciali e abbiamo interrotto un percorso di crescita professionale e umana. Il legame tra noi e lo Shakhtar si è rafforzato, ma già era forte. Più di quanto non successo con altri club italiani: in questo momento il mio pensiero è rivolto a tutte quelle persone che lavorano al club, che si stanno nascondendo e scappando. Per molti di loro è la seconda volta in otto anni, è dura e ci dicono che non ce la fanno più. Ora devono pensare solo a portare a casa la pelle”.

paolo bianco invasione ucraina
Paolo Bianco e Roberto De Zerbi (foto: sassuolocalcio.it)

Sul calcio adesso: “I primi dieci giorni non riuscivo a guardare partite in tv, solo telegiornali. Il mio pensiero è sempre là e faccio fatica a staccarmi, anche se dovrò iniziare a pensare al futuro professionale. Sono cose più grandi di me, credo che chi possa fare qualcosa di forte e cambiare le sorti di questa situazione sia il popolo russo. Sono tanti, con qualche milione di persone in piazza lo stesso Putin dovrebbe fare riflessioni. Penso anche agli sportivi russi, Medvedev per esempio si è schierato. Noi dello staff non avremmo percepito lo stipendio da qua a giugno anche senza intervento della FIFA, così come non andremo altrove fino ad allora. Andrà pensato un supporto economico a quei ragazzi che avranno presto bisogno di guadagnare, al di là del lavorare”.

Paolo Bianco sul proprio futuro: “Roberto ha sempre saputo che volessi allenare, a ottobre 2019 quando mi ha chiesto di collaborare stavo facendo il master. Sono stati due anni e mezzo spettacolari tra Sassuolo e Shakhtar, ho imparato tantissimo e lo ringrazierò sempre. A tutti e due sarebbe piaciuto proseguire insieme ma ho i miei obiettivi e ambizioni, lo sa, gli avevo già comunicato che al termine di quest’anno mi sarei staccato. Avessi un’occasione, mi piacerebbe anche andare ancora all’estero“.

Segui CS anche su Instagram!

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Gabriele Boscagli

Appassionato di calcio e di sport in generale, ho deciso di condividere la passione per il Sassuolo e per la scrittura con Canale Sassuolo. In redazione curo la sezione del settore giovanile. Per contattarmi, scrivere a settoregiovanile@canalesassuolo.it.

Potrebbe Interessarti

Serie A

NON E’ DOMENICA – Ultimi 90 minuti, indizi sparsi sul tavolo? Importanti, ma non teniamone conto per capire come finirà questa stagione…

Articolo di Giovanni Pio Marenna Scudetto, Europa League e ultimo posto in palio per rimanere …