sabato , 16 ottobre 2021
Home / Campionato / Martin Erlic timbra contro il Sassuolo: storia di un talento ceduto per mille euro
foto: Getty

Martin Erlic timbra contro il Sassuolo: storia di un talento ceduto per mille euro

Martin Erlic ha segnato il suo primo gol in Serie A contro il Sassuolo. Capitano tutte a noi, avrete pensato voi; facciamo resuscitare proprio tutti. Non stiamo certo parlando di Ronaldo – pure lì, i primi ad essere purgati fummo noi – bensì di un giocatore all’esordio nella massima serie italiana, nemmeno titolare fisso, ma che respira aria di Serie A da sei (!) anni. Erlic era ancora nel settore giovanile del Parma quando, appena diciassettenne, ricevette le prime convocazioni con i grandi: era l’anno del fallimento e del conseguente trasferimento. A Sassuolo, voluto fortemente dal responsabile delle giovanili Francesco Palmieri.

Leggi anche > SASSUOLO-SPEZIA 1-2: SCONFITTA INASPETTATA, MA NON PUO’ PIOVERE PER SEMPRE

In Primavera era sprecato, e in redazione c’è anche chi lo seguiva fin dai tempi degli Allievi a Parma: un’altra categoria, a detta di molti addetti ai lavori. Non può vantare, nel palmares personale, il Torneo di Viareggio vinto nel 2017 (era infortunato e non giocò mai), ma in coppia con Ravanelli ci ha portato ai playoff per ben due anni di fila, un traguardo mai raggiunto dal Sassuolo, né prima né dopo. Un anno in prestito al Sudtirol, ai piani alti della Serie C, e poi dritti allo Spezia in Serie B, sempre in prestito.

Martin Erlic, Luca Ravanelli
Martin Erlic e Luca Ravanelli, coppia difensiva della Primavera

L’impatto di Martin in cadetteria è impietoso: lesione al menisco mediale sinistro in allenamento ad agosto. Non scenderà mai in campo, e forse anche per questo il Sassuolo ha deciso di non rinnovare il prestito e cederlo a titolo definitivo allo Spezia a fine stagione. Che non rientrasse nei piani di De Zerbi era evidente, dal momento che a luglio 2019 il difensore croato è rimasto ad allenarsi al Mapei Football Center mentre il resto della squadra era a Vipiteno. Ragioni economiche? Lo escludiamo: Erlic è andato via per mille euro, come recita il bilancio del Sassuolo del 2019. A mo’ di cifra simbolica. Limitazioni nel numero dei prestiti? Chi può dirlo. Fatto sta che non pende nessun diritto di riacquisto sulla sua testa, come stipulato invece per altri giocatori per aggirare il tetto dei prestiti nelle serie inferiori.

Per questo, quando Erlic diventa protagonista della cavalcata dello Spezia in Serie A, e successivamente segna il primo gol in Serie A proprio contro il Sassuolo – senza esultanze plateali, bensì ringraziando il cielo – una piccola, piccolissima parte di noi non può che essere felice per lui. Complimenti Martin, te lo meriti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Martin Erlic (@martin.erlic)

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Gabriele Boscagli

Appassionato di calcio, ho deciso di condividere la passione per il Sassuolo e per la scrittura con Canale Sassuolo. In redazione è il pilastro del settore giovanile. Per contattarmi scrivere a settoregiovanile@canalesassuolo.it

Potrebbe Interessarti

Genoa Sassuolo

Serie A, domenica c’è Genoa-Sassuolo: un cambiamento che richiede tempo

L’8^ giornata di Serie A vede lo scontro tra Genoa e Sassuolo, match in programma …