giovedì , 22 aprile 2021
Home / Coppa Italia / La UEFA intervista Magnanelli: “Sul Sassuolo potrei scriverci un libro”

La UEFA intervista Magnanelli: “Sul Sassuolo potrei scriverci un libro”

Francesco Magnanelli capitano e bandiera del Sassuolo, con la maglia neroverde il Magna ha esordito nel 2005 in Serie C2, una cavalcata lunga 11 anni che lo ha portato, sempre con la stessa maglia, a calpestare il prestigioso palcoscenico della UEFA Europa League, a 31 anni. Intervistato da Uefa.com, il capitano del Sassuolo racconta il suo percorso in neroverde.

Leggi anche > INTERVISTA UEFA A PAOLO CANNAVARO SU GENK-SASSUOLO

magnanelli

Di seguito l’intervista a Francesco Magnanelli tratta dal sito ufficiale della Uefa:

UEFA.com: Capitano del Sassuolo in una vittoria per 3-0 contro una squadra blasonata come l’Athletic Club. Potevi immaginarti una cosa del genere quando sei arrivato a Sassuolo?

Francesco Magnanelli: No, sinceramente no. La partita contro il Bilbao è stata una serata magica. Ma tornando a casa, paradossalmente mi è sembrata una serata normale. Poi se penso a tanti anni fa, non avrei mai immaginato di poter arrivare a un traguardo del genere. E tra qualche anno, guardando indietro, risalterà anche di più. Adesso sono felice, contentissimo ma anche sereno. Favole e miracoli non esistono. Qui c’è solo tantissimo lavoro. Forse miracolo perchè la città è piccola e la squadra non ha una grande storia alle spalle, ma dietro c’è solo tantissimo lavoro da parte di una società fortissima che tante piazze ci invidiano.

UEFA.com: Tu hai vissuto tutta questa cavalcata del Sassuolo. Raccontacela un po’…

Magnanelli: Potrei scriverci un libro. Sapete benissimo in 12 anni quante avventure ci sono state, quanti compagni, quanti mister, quante situazioni. Quanti momenti belli e brutti ho vissuto qua. Ho visto crescere una società e una piazza in modo esponenziale. Siamo cresciuti insieme. Con una programmazione che la società ha sempre cercato di fare con gli uomini giusti, gli allenatori giusti e uno zoccolo duro che è andato avanti negli anni. Poi le situazioni cambiano, i palcoscenici cambiano. Il mio merito è quello di essermi fatto apprezzare giorno dopo giorno, e ho la fortuna di essere ancora qua.

UEFA.com: Hai anche ricevuto le chiavi della città dal sindaco. Come ci si sente?

Magnanelli: Un momento particolare. In pochi hanno avuto il privilegio di poterle ricevere. Non so fin quanto è meritato. Ci sono tantissimi altri personaggi importanti in questa città, in questa provincia. Per me è un grandissimo onore. E’ una cosa strana, particolare, sono molto affezionato a questo posto perchè è tanti anni che sono qua. Al di là del calcio, la mia famiglia, i miei bimbi sono nati qua. C’è tantissimo altro, oltre al rettangolo di gioco. Ho conosciuto persone fantastiche, ho amici strettissimi.

UEFA.com: E quanti sono i meriti di Eusebio Di Francesco?

Magnanelli: Beh è normale che a capo di tutto questo ci sia chi il campo lo vive tutti i giorni. Lui è l’attore principale, il regista. Tantissimi meriti sono i suoi perchè ha saputo costruire, ha saputo rimettersi in discussione, ha portato una mentalità di lavoro importante e l’inserimento dei giovani è un suo grande successo. Si è affidato a gente di esperienza che gli può dare una mano e non ha avuto paura di inserire dei giovani. Poi schiera una squadra che propone sempre calcio, vuole divertirsi e vuole sempre giocarsela con chiunque. In squadra abbiamo i giovani italiani più forti. Lirola, Pellegrini, Ricci, Domenico [Berardi], Mazzitelli, Sensi.. Abbiamo un potenziale giovanile davvero importante e in questo contesto possono crescere. Noi più grandi ci mettiamo a disposizione e loro fanno altrettanto con noi. Un connubio vincente.

UEFA.com: Quanto aiuta questi giovani il poter giocare in Europa League?

Magnanelli: Tantissimo. Una competizione in più ti permette di giocare di più, di confrontarti con mentalità e stili di gioco diversi, è una crescita fondamentale e costante. Sia per chi ha una certa età, sia per i più giovani. La competizione europea è una scuola per il futuro davvero molto importante.

UEFA.com: La prossima a Genk. Ci andate con più fiducia?

Magnanelli: Io conosco troppo bene il calcio per sbilanciarmi. Sicuramente cercheremo di andare a fare la nostra partita e portare a casa più punti possibili. Non eravamo presuntuosi dopo la sconfitta contro la Juve e non siamo fenomeni adesso. Si fa presto a tornare giù nel calcio.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Redazione

Avatar
La redazione di Canale Sassuolo è costantemente al lavoro per fornirvi informazioni in tempo reale riguardo al Sassuolo Calcio.

Potrebbe Interessarti

finale coppa italia mapei stadium

La finale di Coppa Italia si disputerà al Mapei Stadium

Dopo 12 anni, la finale di Coppa Italia non si disputerà più allo Stadio Olimpico …