lunedì , 5 Dicembre 2022
sassuolo cies
foto: sassuolocalcio.it

Il Sassuolo è la squadra di Serie A che ha tesserato più giovani negli ultimi dieci anni

Il CIES, Osservatorio del Calcio Internazionale con sede a Neuchatel in Svizzera, ha rilasciato in questi giorni il Monthly Report 78. L’argomento di questo lungo post è l’età media dei giocatori, presenti attualmente nelle rose delle squadre dei cinque maggiori campionati europei (Serie A, Liga, Bundesliga, Ligue 1 e Premier League), al momento della firma con la squadra in cui stanno militando. Non sono stati inclusi nell’analisi i giocatori cresciuti nel proprio vivaio: la Serie A, in tal senso, è il campionato che più ha acquistato giocatori in confronto a quelli cresciuti nel vivaio (90% contro l’86,5 della Premier e l’86% della Ligue 1). E quindi, mediamente, le società di Serie A sono quelle che puntano meno sul proprio vivaio preferendo acquistare da fuori.

La Bundesliga è il campionato dove gli Under 21 firmano più contratti (17.6% sul totale) e dove se ne concedono meno, invece, agli Over 30 (8,3%). La Serie A segue a ruota con il 16,6% di contratti ad Under 21 e l’11,8% agli Over 30. A livello di club, la società con le firme più “green” nei top-5 campionati europei è lo Stoccarda: l’età media dei giocatori attualmente in rosa al momento dell’acquisto è di 22,39 anni. A seguire il Real Madrid (22,70 anni) e il Bayer Leverkusen (22,73 anni). E il Sassuolo? I neroverdi sono al terzo posto in Serie A alle spalle di Torino e Spezia: i giocatori nella rosa di Dionisi, ad eccezione di quelli promossi dal vivaio, hanno firmato mediamente a 23,77 anni. A livello europeo, è il 17esimo dato più giovane ma, considerando i trasferimenti nell’ultima decade (2013-2022), i neroverdi sono al primo posto in Italia ed al 18esimo in Europa, in linea con la classifica riguardante l’attuale rosa. L’età media dei nuovi acquisti, come si evince dal grafico, è diminuita costantemente, dai 25,14 anni della sessione 2015 ai 23,17 della scorsa estate: sono esclusi i giocatori come Berardi, Raspadori, Adjapong e D’Andrea che, se inclusi, avrebbero ulteriormente abbassato il dato.

Leggi anche > TRAORE: “CONCORRENZA DI LAURIENTE? FA SOLO BENE”

foto: CIES

Cosa ci dice questa analisi? Che il Sassuolo è la società italiana, tra quelle mai retrocesse nell’ultima decade, ad aver puntato maggiormente sui giovani. O meglio, è il club che ha comprato da fuori i giocatori più giovani, dal momento che i talenti cresciuti nel vivaio non sono stati inclusi. Come abbiamo spesso rimarcato, questo non è garanzia diretta di risultati: ad una squadra come quella neroverde, qualche innesto d’esperienza non farebbe affatto male. Tuttavia, sicuramente le mosse sul mercato rispecchiano la filosofia della società. Le cinque top leghe europee si affidano molto al calciomercato: soltanto il 3,3% dei giocatori che militano in questi campionati sono cresciuti nel vivaio della medesima società. La Liga spagnola è il campionato che firma i giocatori più anziani, ma è allo stesso tempo la lega dove più si punta sui propri prodotti. Per consultare l’analisi completa, consulta questo link.

Segui CS anche su Instagram!

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Gabriele Boscagli

Appassionato di calcio e di sport in generale, ho deciso di condividere la passione per il Sassuolo e per la scrittura con Canale Sassuolo. In redazione curo la sezione del settore giovanile. Per contattarmi, scrivere a settoregiovanile@canalesassuolo.it.

Potrebbe Interessarti

neri dopo sassuolo ternana

CS – Under 16, Neri dopo Sassuolo-Ternana 4-0: “Non avevo dubbi sulla prestazione di oggi”

Questo pomeriggio, sul sintetico dello Spazzoli del Mapei Football Center, il Sassuolo Under 16 ha …