domenica , 25 ottobre 2020
Home / Campionato / Filippo Romagna prima di Juventus-Sassuolo: “Amo la filosofia di De Zerbi. Giocare alla Juve è stato un privilegio”
foto: sassuolocalcio.it

Filippo Romagna prima di Juventus-Sassuolo: “Amo la filosofia di De Zerbi. Giocare alla Juve è stato un privilegio”

Filippo Romagna, cresciuto nel vivaio bianconero, ha parlato prima di Juventus-Sassuolo ai microfoni di Nero&Verde.

Il difensore del Sassuolo ricorda con affetto i suoi anni a Torino: Sono arrivato là che avevo 14 anni, nei Giovanissimi Nazionali. Sono stato cinque anni a Torino. È un periodo della mia vita che mi è servito tanto sia dal punto di vista calcistico che da quello morale e umano. Passare quegli anni in un ambiente come quello della Juventus è un privilegio e un onore. Ho avuto la fortuna di essere allenato da Fabio Grosso per circa due anni. Sono stati anni molto importanti. Mi ha insegnato tanto a livello tecnico e mi ha aiutato a cambiare il modo di ragionare in campo. Posso solo dirgli grazie”.

Leggi anche > DUNCAN: “CON LA JUVE GIOCHEREMO COME ABBIAMO SEMPRE FATTO”

Il ragazzo racconta un po’ la sua crescita personale: Ho iniziato a giocare come centrocampista. Negli Allievi Nazionali, mister Della Morte mi spostò in difesa. Poi Grosso ha provato a tenermi di nuovo a centrocampo, nella Primavera Juve ma anche lui ha scelto di riportarmi dietro. Mi piacciono i ruoli dove devi tenere il pallone. A Sassuolo, per le idee di De Zerbi, un difensore deve avere qualità nel palleggio e avere la voglia di dominare ogni azione. È una filosofia di gioco che mi piace molto e con la quale mi trovo molto bene. Comporta dei rischi, ma li mettiamo in preventivo. Poi c’è Cagni, un allenatore vecchio stampo ma con bellissime idee, diverse da quelle di De Zerbi, ma con lui a Brescia ci salvammo. Non posso per ringraziarlo per quello che mi ha dato e per quello che ha dato al Brescia. È un allenatore che mi è entrato molto nella testa”.

filippo romagna juve

L’avversario di domenica non è certo dei più facili:Cristiano Ronaldo è un fenomeno. Non ho ancora avuto la fortuna di giocare contro di lui. Comunque vada sarà un’esperienza bellissima. In campo ho ammirato tanti avversari, mi piace molto Mertens, ma sono davvero tanti quelli che ammiro e alcuni li abbiamo anche noi. Il livello della serie A si è alzato perché soprattutto nel reparto offensivo ci sono giocatori veramente di qualità“.

Infine, per lui che ha giocato nel vivaio bianconero, c’è forse il sogno di tornare a indossare quella maglia:La Juve è un livello altissimo, il sogno di tanti. Io ho avuto la fortuna di vestire la maglia del settore giovanile. Lavoro giorno dopo giorno per arrivare al massimo delle mie potenzialità. Poi vedremo cosa accadrà. Per il momento sono felicissimo di essere a Sassuolo e darò il massimo per questa maglia“.

Leggi anche > LOCATELLI: “LA JUVE È LA PIÙ FORTE, MA PROVEREMO A METTERLI IN DIFFICOLTÀ”

foto: sassuolocalcio.it
GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

I numeri di Sassuolo-Torino 3-3: spettacolare rimonta nella nebbia

Nella nebbia di Reggio Emilia, il Sassuolo fornisce un’altra prestazione convincente e compie la seconda …