martedì , 29 Novembre 2022
dionisi sassuolo roma

Dionisi presenta Sassuolo-Roma: “La nostra voglia dovrà fare la differenza, ho tanta fiducia in Defrel”

Alessio Dionisi ha parlato ai microfoni di Sassuolo Channel alla vigilia della gara di campionato con la Roma. Il mister neroverde è tornato sul quarto di finale di Coppa Italia, ha parlato del mercato invernale, dei nuovi arrivi e della gara di domani, che vedrà il Sassuolo dover far fronte a molte assenze. Queste le sue parole.

Leggi anche > LE PROBABILI FORMAZIONI DI SASSUOLO-ROMA 

Le assenze in vista della prossima gara di campionato: Mancheranno Scamacca e Raspadori ma non possiamo farci niente. Erano diffidati e dovremo fare a meno di loro. Giocheremo contro la Roma senza loro due, ma dovremo essere pronti e far partita alla pari con loro a prescindere delle assenze. Non saranno le uniche assenze, ma dobbiamo farci l’abitudine. Ayhan dovremo valutarlo oggi: ieri non ha fatto niente dopo la contusione contro la Juventus. Conto che possa essere della partita”. 

La Roma: “Se si guardano gli organici, la Roma ha qualcosa in più rispetto a noi e ha un obiettivo diverso. E’ una squadra che dovrebbe lottare per le posizioni alte della classifica, ma sulla partita secca ce la possiamo giocare. Con la Juve sapevamo che ce la potevamo giocare nonostante il pubblico e l’entusiasmo dalla loro parte. Abbiamo fatto una buona partita ed è quello che dovremo fare anche domani cercando il risultato”.

I cambi in Coppa Italia: “E’ troppo facile tornare indietro. Gli allenatori non tornano indietro ma guardano avanti e non era un cambio in funzione alla partita ma in funzione alla prossima. Non siamo in tanti davanti e devo cercare di gestire la forze. Volevamo passare il turno a tutti i costi e forse Domenico poteva rimanere in campo, ma non dimentichiamoci che al suo posto e al posto di Traorè sono entrati Matheus Henrique, che ha bisogno di ritrovare minutaggio perché non gioca da un po’ di tempo, e Defrel, che se non ci fosse stata la squalifica di Scamacca avrebbe giocato titolare. Sono entrati giocatori bravi, che sono già stati titolari e lo saranno presto, magari già domani. E’ anche per questo che ho dovuto fare quelle sostituzioni. Aggiungo che, a differenza della Juve, giochiamo contro una squadra che ha giocato martedì, mentre noi giovedì. Possono sembrare solo dettagli, ma non è poco”. 

Su Ruan: “Sono contento, ha fatto bene con la Juve. Sinceramente, quando è arrivato, non credevo che in così poco tempo riuscisse ad integrarsi e a giocare in questo modo. La prestazione dell’altro ieri non mi ha sorpreso perché in questo mese si è applicato, ci ha messo volontà. Ovviamente ad oggi non conosce ancora bene la lingua, i compagni e il gioco perché viene da un calcio totalmente diverso. Però giocava a calcio: è un giocatore bravo che ha delle doti e lo ha dimostrato. Questo vale per tutti i giocatori. La prima conta, la seconda conta ancora di più, anche se per lui sarebbe la terza dato che aveva già giocato in coppa contro il Cagliari. Questa, però, aveva una valenza diversa, era una partita più difficile”.

I nuovi arrivati: Non sono pronti subito, ma si stanno avvicinando. Hanno tre storie diverse: Oddei è tornato dalla Serie B dove giocava poco e non può essere pronto ma sicuramente è un giocatore che dirà la sua perché ha delle qualità, l’esperienza di sei mesi a Crotone gli è servita. Ciervo era alla Samp, è la sua prima esperienza tra i grandi, è giovanissimo, in blucerchiato non ha giocato tanto ma è arrivato con un’ottima condizione fisica e troverà il suo spazio: bisogna dargli un po’ di tempo. Ceide è un giocatore che ha qualità negli ultimi trenta metri, mentre nei restanti settanta deve conoscere di più il calcio. Le nostre cose le sta imparando e sicuramente a partita in corso è un’arma. Dall’inizio ancora no”.

Leggi anche > Focus on Sassuolo-Roma: precedenti, curiosità, statistiche, quote scommesse e gli highlights dell’andata

Il mercato invernale: “La società sa quello che ho chiesto e ha fatto quello che era possibile per quella che è la storia e lungimiranza di questa società. Abbiamo 29 punti, che non sono pochi. La società ha fatto delle valutazioni, io le ho condivise e le ho accettate. Sicuramente sono arrivati giovani di prospettiva e in più il mercato della società ha dimostrato quanta fiducia ho e abbiamo sui nostri giovani. Non è da tutti dare continuità a ragazzi del ’99, del 2000 e del 2001. E’ questo quello che vogliamo fare”.

C’è rivalsa per la gara d’andata? “Assolutamente sì, sia per la gara d’andata che per le ultime due sconfitte. La partita dell’andata era stata giocata molto bene da entrambe le squadre, ma il risultato più giusto sarebbe stato il pari perché abbiamo preso gol allo scadere su un eurogol di El Sharaawy. Le squadre sono cambiate un pochino perché nella partita di andata giocavano Boga e Djuricic, mentre domani al loro posto giocheranno altri giocatori che avranno la possibilità di riscattare il risultato dell’andata. Rispetto all’andata, dove era molto in fiducia, la Roma la troviamo più forte. Stavolta speriamo di essere noi in fiducia perché arriviamo da un risultato negativo ma da una prestazione positiva”.

Su Mourinho: Non posso permettermi di giudicare l’operato di altri e nemmeno quello di un mister come Mourinho che all’andata ha festeggiato le mille panchine. Ha passato e superato moltissime difficoltà”.

Cosa farà la differenza nella gara di domani? “Per quanto ci riguarda, la volontà farà la differenza. L’ha fatta in positivo in alcune partite e in negativo in altrettante partite. Domani sarà una partita difficile: non sarà sempre una partita pulita. Nella partita pulita siamo bravi, in quella sporca non sempre. Domani, a prescindere da come sarà la partita, la nostra volontà dovrà fare la differenza per prenderci quello che non siamo riusciti a prendere all’andata con la Roma e per prenderci quello che abbiamo perso contro la Sampdoria”.

Su Defrel: “Me lo aspetto come lo vedo in settimana e nelle partite nelle quali è subentrato. Meriterebbe di giocare di più. All’inizio giocava di più, ora meno perché ho deciso di dare più fiducia a Scamacca perché stava facendo bene. Greg è un giocatore sul quale faccio affidamento al 120%. E’ un giocatore forte e mi aspetto che lui abbia voglia di fare l’attaccante perché ogni tanto gioca più per i compagni. Lui gioca molto per i compagni perché è molto altruista. Spero che domani possa essere un po’ egoista”.

Segui CS anche su Instagram! 

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Martino Cozzi

Appassionato di calcio sin da piccolo. Ha trovato in Canale Sassuolo la redazione su misura per lui nella quale poter coltivare il suo sogno: vivere raccontando il gioco più bello del mondo!

Potrebbe Interessarti

serie a

Serie A: ufficiali le date di inizio e fine del campionato 2023/2024

La Lega Serie A ha pubblicato, con anticipo rispetto alla stagione passata, le date di …