mercoledì , 2 dicembre 2020
Home / Campionato / De Zerbi verso Hellas Verona-Sassuolo: “Ci vorrà tecnica e fisicità. Al momento siamo al 60%”
fonte: sassuolocalcio.it

De Zerbi verso Hellas Verona-Sassuolo: “Ci vorrà tecnica e fisicità. Al momento siamo al 60%”

Dopo la sosta dovuta agli impegni delle Nazionali, Hellas Verona-Sassuolo (qui la diretta) sarà il prossimo impegno per i neroverdi. Mister Roberto De Zerbi ha introdotto, nella consueta conferenza stampa pre-gara, l’incontro che si giocherà al Bentegodi domani alle ore 15.00.

“Domani mi aspetto di vedere il gusto di giocare con il sangue agli occhi” esordisce il tecnico ai microfoni di Sassuolo Channel “dato che parliamo di una partita che diversamente faticheremo a vincere. Il Verona è una squadra che fa molto bene ormai da un anno e mezzo, ha un’identità forte ed è sempre difficile affrontarla. Lo scorso hanno abbiamo fatto con loro 4 punti ma non è stato semplice. Ogni gara è decisiva, a maggior ragione quando si gioca contro chi gioca un calcio totale: a partire dal duello fino al singolo e al suo atteggiamento mentale, senza dimenticare il coraggio e il singolo episodio, oltre all’aspetto tecnico abbinato a quello fisico. Entrambi sono fondamentali, non si può fare risultato pieno contro il Verona rinunciando ad uno di questi aspetti”.

Leggi anche > HELLAS VERONA-SASSUOLO: IL PRONOSTICO DELLA GARA

“La settimana che si sta concludendo è stata particolare, un po’ come tutto questo periodo” prosegue De Zerbi “la partita è stata di fatto preparata in due giorni, molte squadre hanno infortunati e positivi al Covid. Magnanelli verrà con noi, sta bene ma non ha i novanta minuti; recuperiamo comunque Toljan e abbiamo fuori Caputo, Defrel, Haraslin, Ricci e Pegolo, che ha un problema alla mano. Credo che siamo al 60% perché senza Magnanelli, anima della squadra, oltre a Toljan titolare sulla fascia destra e Caputo non al massimo, così come Boga, valore aggiunto per noi e Defrel, titolare a tutti gli effetti, senza dimenticare Djuricic che è determinante. Le soste e il precampionato particolare non hanno aiutato, ma sono convinto che quando torneremo a giocare con i nostri ritmi abituali miglioreremo la condizione fisica e quella tattica: il rientro di molti giocatori ci agevolerà. Meglio comunque essere prudenti: non è poi detto che quando arriveremo al 100% avremo risultati migliori”.

Le ultime battute dell’allenatore bresciano mostrano la consapevolezza della necessità di mantenere sempre alta l’attenzione senza cedere a voli pindarici: “Sbaglieremo se arriveremo a pensare a più di una partita alla volta: possiamo immaginare un ciclo di 3-4 gare ma non possiamo permetterci di spostare l’attenzione oltre il Verona. Dobbiamo lavorare con serietà e puntare sempre al risultato pieno: dal canto mio so che i complimenti di oggi domani potranno trasformarsi in critiche al quadrato se non ci sarà continuità di risultato. Arriveranno sicuramente momenti difficili ma così come arriveranno le critiche arriveranno anche nuovi elogi nel momento in cui torneremo a far bene. Il calcio è un circo dove si mettono rapidamente etichette, noi facciamo parte di questo mondo e dobbiamo essere in grado di dare a tutto il giusto peso”.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Massimiliano Todeschi

Massimiliano Todeschi
Giornalista fulminato sulla via di Sassuolo dopo decenni di indifferenza verso il calcio. Miracoli neroverdi.

Potrebbe Interessarti

sassuolo roma precedenti

Serie A, le probabili formazioni di Roma-Sassuolo: neroverdi ancora senza Caputo

La 10^ giornata del campionato di Serie A vede il Sassuolo fare visita alla Roma …