giovedì , 28 gennaio 2021
Home / Campionato / De Zerbi prima di Sassuolo-Milan: “Diamo continuità e cerchiamo di battere la capolista”
foto: Enrico Bellei Canale Sassuolo

De Zerbi prima di Sassuolo-Milan: “Diamo continuità e cerchiamo di battere la capolista”

Roberto De Zerbi ha parlato in conferenza stampa prima di Sassuolo-Milan, facendo il punto sul gioco, sul valore degli avversari e sulla formazione che metterà in campo.

Il Sassuolo viene dal pareggio del Franchi: “A Firenze abbiamo fatto un punto importante contro una squadra che sta attraversando un momento particolare ma che ha tanti giocatori di grande qualità. Lo abbiamo ottenuto con la nostra identità. È tornato il Sassuolo che conoscevamo. Ci sono tanti spunti positivi e cose importanti che dovevamo ritrovare. Ora si tratta di dare continuità contro la squadra che è in testa con merito dall’inizio del campionato”.

Leggi anche > I PRECEDENTI DI SASSUOLO-MILAN

L’avversario è la capolista: “Il Milan ha un’identità precisa. Ripetono le stesse partite sempre, con qualsiasi avversario. Per noi è una partita difficile, come lo è contro Juve o Inter. Loro sono la squadra che sta in testa e non si ferma, hanno quell’entusiasmo, quella convinzione. Per noi è una partita importante. Dopo tre anni di lavoro ci giochiamo una partita contro la prima. Vincendola andremmo a due punti da loro. Questo è un motivo d’orgoglio, che ci fa capire che qualcosa di buono abbiamo fatto”.

Non ci sarà Ibra: Ibrahimovic è un campione e lo ha dimostrato, anche a 40 anni. Forse uno dei pochi che abbiamo in Italia. Per noi è meglio che non ci sia. Poi però il Milan ha altri giocatori forti. Non è solo questione d’attacco, ma generale dal portiere al resto della squadra. Si difendono bene, attaccano bene. Hanno tutto. Noi non entriamo in campo per trascorrere la domenica pomeriggio, ma per cercare di vincere e mantenere anche noi la striscia positiva”.

Leggi anche > LE PROBABILI FORMAZIONI DI SASSUOLO-MILAN

Il Sassuolo è in crescita: “Stiamo crescendo. Stiamo rimettendo tutti i giocatori al centro del progetto. Domani giocheranno tanti che non hanno giocato a Firenze. Arriviamo con coraggio e convinzione. C’è bisogno di attenzione e di tenere il pallone con qualità, convinzione e gusto di giocare. Ma lo dobbiamo fare anche quando la palla ce l’hanno gli altri. Gli avversari ora hanno un atteggiamento diverso con noi. È una responsabilità in più. Più l’avversario ti rispetta, più è complessa la gara. Nel nostro gioco serve pazienza, precisione, capacità di leggere i momenti della gara”.

Mancheranno alcuni ragazzi, tra cui lo squalificato Locatelli: Si è fermato Schiappacasse, ed è ancora fuori Ricci. Gli altri stanno bene. Il turnover lo faccio da quando è venuto il Benevento e in base all’avversario che abbiamo di fronte. Cerco di alternare facendo meno danni ed errori possibili. Locatelli per noi è molto importante per la qualità e la personalità. Non era così quando è arrivato da noi. Per portare più giocatori a diventare così bisogna accettare la sua assenza e cercare di sopperire con qualcuno che non è ancora così forte, dando fiducia. La sua assenza ci dispiace, ma ci dà la capacità di far prendere responsabilità ed oneri a qualcun altro” .

SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM

foto: Getty
GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

Serie A, le probabili formazioni di Cagliari-Sassuolo: in dubbio Defrel, Boga dall’inizio

La sconfitta in casa della Lazio ha lasciato un po’ di scorie in casa neroverde e …