giovedì , 26 novembre 2020
Home / Campionato / Obiettivo doppia cifra: Defrel a un passo dai 10 gol in campionato

Obiettivo doppia cifra: Defrel a un passo dai 10 gol in campionato

Con la rete dell’illusorio vantaggio siglata all’Olimpico nei primi minuti di Roma-Sassuolo, Grégoire Defrel è arrivato a quota nove centri in campionato. Con le quattro segnature in Europa League il francese è già in doppia cifra, con riferimento all’intera stagione: è chiaro però che l’obiettivo di arrivare a dieci segnature in questa edizione della Serie A riveste particolare importanza per il giocatore, che non ha ancora raggiunto questo livello di reti in carriera.

Leggi anche > ROMA-SASSUOLO: E’ MANCATO IL VALORE, NON IL CORAGGIO

A condizione che il problema alla caviglia che l’ha visto uscire anzitempo dal terreno di gioco domenica sera si riveli rapidamente risolvibile, un Defrel in buona forma come quello visto nelle ultime sue apparizioni non dovrebbe avere grossa difficoltà nel raggiungere e superare l’asticella del 10. Questo target segnerebbe anche il ritorno di un giocatore neroverde alla doppia cifra, obiettivo che nella scorsa stagione, paradossalmente la migliore della storia del club, non fu appannaggio di alcun giocatore. Lo stesso Defrel, Berardi e Sansone si fermarono infatti a quota sette centri ciascuno, in una sorta di “cooperativa del gol” che fece raccogliere frutti prelibati alla squadra pur evidenziando l’assenza di un vero bomber. Scorrendo all’indietro il nastro delle statistiche, basti pensare che nelle stagioni 2013/2014 e 2014/2015 Domenico Berardi, che a livello realizzativo quest’anno sta pagando molto cara la lunga assenza dai campi, realizzò rispettivamente 16 e 15 reti, e che due stagioni fa anche Simone Zaza, grazie alla doppietta siglata nella sua ultima gara in neroverde contro il Genoa, raggiunse quota 11. Per non parlare dell’ultima stagione di B, la 2012/2013, nella quale furono ben quattro i neroverdi ad arrivare proprio a 11 gettoni: oltre a Berardi, centrarono l’obiettivo gli ex Boayke, Pavoletti e Terranova.

 

defrel

 

Le riflessioni sul numero dei gol realizzati sono sempre spinose: andrebbero valutati numerosi parametri, come ad esempio il numero di reti siglate in rapporto ai minuti giocati (circa un gol ogni due partite per Defrel), l’apporto complessivo dato al gioco della squadra e il numero di assist che hanno favorito una marcatura dei compagni. Nel gioco di Eusebio Di Francesco la prima punta è parte integrante della manovra e la sua capacità di alzare il baricentro è un valore non immediatamente percepito. Resta il fatto che la mancanza di un centravanti, ritornello che ha praticamente occupato ogni minuto delle discussioni tra i tifosi neroverdi per oltre un anno, sembra aver trovato da qualche tempo una soluzione nella completa trasformazione di Grégoire in un giocatore duttile, in grado di svariare su tutto il fronte d’attacco con uguale efficacia. La discontinuità di Matri e l’ancora incompleta maturazione di Iemmello hanno fatto il resto, rendendo il numero 11 una pedina fondamentale nello scacchiere di Di Francesco. Rovescio della medaglia, come recentemente sottolineato dall’agente del giocatore, potrebbe essere ben difficile trattenere in Emilia il classe ’91, da tempo nel mirino di numerosi club di tutta Europa.

Leggi anche > L’AGENTE DI DEFREL: “PER LUI TRATTATIVE IN CORSO, MA LA ROMA E’ SALTATA”

Su un fatto, però, ci sono pochi dubbi: Defrel si sta dimostrando capace di non farsi condizionare dalle voci di calciomercato. Il suo rendimento costante, pur intervallato in tempi recenti da qualche guaio fisico e da un po’ di panchina, dimostra innanzitutto la sua professionalità, atteggiamento non troppo comune nel calcio di oggi. Grégoire dà tutto per una maglia che tra pochi mesi potrebbe non essere più la sua, ed è proprio questo che tutti i tifosi chiedono ai loro beniamini, a prescindere da quel che accadrà domani.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Massimiliano Todeschi

Massimiliano Todeschi
Giornalista fulminato sulla via di Sassuolo dopo decenni di indifferenza verso il calcio. Miracoli neroverdi.

Potrebbe Interessarti

inter-sassuolo precedenti

Serie A, le probabili formazioni di Sassuolo-Inter: c’è ottimismo per Caputo

La 9^ giornata di Serie A si aprirà sabato 28 Novembre alle ore 15:00 con …