martedì , 27 luglio 2021
Home / Notizie Neroverdi / Tardelli a SportWeek: “Io e Locatelli siamo giocatori diversi, ora è difficile toglierlo dalla Nazionale”
Marco Tardelli locatelli
foto: ilgiornale.it

Tardelli a SportWeek: “Io e Locatelli siamo giocatori diversi, ora è difficile toglierlo dalla Nazionale”

Marco Tardelli, eroe del Mondiale ’82, ha rilasciato una lunga intervista a SportWeek durante la quale ha parlato del momento della Nazionale allenata da Roberto Mancini e ha dato la sua versione sul paragone con Locatelli. Ecco le sue parole.

Leggi anche > Magnanelli a SportWeek: “Orgoglioso di aver aiutato Locatelli nella sua crescita, è un predestinato”

Manuel Locatelli le somiglia davvero, come dicono tanti? “Siamo giocatori diversi. Io facevo la fase difensiva e offensiva, ero più dinamico, segnavo qualche gol in più. Lui è maggiormente riflessivo e gestisce benissimo la palla. Io venivo cercato dai compagni perché mi buttassi nello spazio verso la porta avversaria, lui perché è un equilibratore di gioco”.

Cosa la convince del Locatelli giocatore? “Mi piace perché dà via la palla di prima e perché è silenzioso. Non mi va a genio chi parla troppo. Lui è uno di quelli che, quando mancano, si nota“. 

Foto: Corriere della Sera

È pronto per tornare in una grande dopo l’esperienza al Milan? “L’Europeo da protagonista gli ha consentito il salto di qualità a livello internazionale che gli mancava e che gli serviva per poter candidarsi a giocare ovunque. Di suo, Locatelli ha un tipo di gioco che gli permette di ambire a qualsiasi squadra di alto livello. Per me sarebbe adatto per esempio a una squadra di Guardiola. All’inizio dell’Europeo pensavo che Verratti avrebbe dato peso e qualità al centrocampo azzurro, ma adesso dico che è molto difficile togliere questo Locatelli“.

Le grandi squadre non investono sui giovani: “Ci sono club che devono vincere a tutti i costi. Ci sono momenti in cui hai bisogno del giocatore pronto, come il Milan con Ibra – lo svedese ha portato qualità, esperienza, leadership, alzando il livello di tutta la squadra – e ci sono momenti in cui bisognerebbe avere più coraggio. Locatelli voleva giocare e al Milan non aveva più spazio, forse perché il Milan non ha creduto abbastanza nel giocatore. A volte si commettono degli errori. Ma, soprattutto a causa della crisi economica, le nostre società stanno puntando di più sui giovani. E poi, certe cose sono sempre successe: agli inizi della mia carriera fui regalato al Pisa perché nessuno mi voleva. Dopo, qualcosa di buono ho fatto“. 

Marco Tardelli Locatelli
foto: figc.it

Unisciti al gruppo Telegram di CS! 

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Martino Cozzi

Appassionato di calcio sin da piccolo. Ha trovato in Canale Sassuolo la redazione su misura per lui nella quale poter coltivare il suo sogno: vivere raccontando il gioco più bello del mondo!

Potrebbe Interessarti

domenico berardi allenamento

Domenico Berardi è tornato: l’attaccante si sottopone ai test Mapei

Domenico Berardi è tornato a Sassuolo dopo la vittoria dell’Europeo con la Nazionale italiana. Il …