venerdì , 20 maggio 2022
Home / Notizie Neroverdi / Scamacca al Corriere dello Sport: “Non penso al mercato, seguirò il cuore”
scamacca milan
foto: sassuolocalcio.it

Scamacca al Corriere dello Sport: “Non penso al mercato, seguirò il cuore”

Gianluca Scamacca è alla sua stagione migliore in Serie A: con i suoi 12 gol, il centravanti è il miglior marcatore del Sassuolo al pari di Domenico Berardi. Nel Corriere dello Sport in edicola oggi c’è una lunga intervista a Scamacca: ecco qualche stralcio.

Sul mercato: “Non ci penso, non mi sono mai dato limiti. Quando ci sarà da decidere, seguirò il cuore. Sono andato all’estero una volta, non mi spaventa rifare quella scelta. L’interessamento di grandi club fa piacere, è uno stimolo. Ma non seguo troppo il calciomercato, certe situazioni non si concretizzano in fretta”. 

Sulla Roma: “Ho un bel ricordo, Roma è casa mia. La Roma è stata un pezzo del mio percorso e della mia storia, conservo bei ricordi di momenti che ho vissuto in giallorosso. Andare via non è stato facile, ma ho sempre avuto le idee chiare, ho sempre seguito il mio istinto e la mia testa: sono convinto di aver fatto le scelte giuste“.

Leggi anche > VALORI DI MERCATO: VOLANO SCAMACCA E RASPADORI

Sulla vittoria con l’Inter: “Non so se sia stata la migliore in assoluto, ma una delle migliori. Vincere a San Siro è sempre una bella impresa. Siamo orgogliosi di quella vittoria, in uno stadio dove hanno giocato tanti grandi campioni, contro una squadra che è tra le migliori”.

scamacca inter
Foto: sassuolocalcio.it

Su Dionisi e Frattesi: “Il mister ha grandi meriti: mi ha dimostrato fiducia fin dall’inizio e mi ha messo nelle condizioni di esprimermi al meglio. E’ bravo a mettermi a mio agio, a Sassuolo ho trovato un ambiente unico. Frattesi? Io e Davide siamo praticamente due fratelli. Ci siamo sempre rincorsi, due destini che si sono incrociati da bambini. Averlo in squadra è un punto di riferimento, un valore aggiunto”. 

Sul capocannoniere e su Ibrahimovic: “Immobile è irraggiungibile, io penso a dare il massimo per la mia squadra, per crescere e migliorare senza pormi limiti. Ibra? E’ un campione, essere avvicinato a un campione del genere fa solo piacere ma io ho la mia strada, il mio modo di giocare”.  

Sulla Nazionale: “Sappiamo tutti che i playoff sono un momento importante. Bisogna essere concentrati e dare tutto, per l’Italia e gli italiani. Tutti daremo il massimo per portare l’Italia al Mondiale. Gli spareggi bisogna vincerli per forza. Solo noi possiamo limitarci. L’Italia ha dimostrato di essere una squadra forte, se la può giocare con tutti. Dipenderà molto da noi, l’avversario conta fino a un certo punto. Siamo l’Italia. Mancini? Mi sono trovato benissimo nelle prime convocazioni, sono stato accolto come in una famiglia. E’ un gruppo compatto, si è visto soprattutto all’Europeo”.

Segui CS anche su Instagram!

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Gabriele Boscagli

Appassionato di calcio e di sport in generale, ho deciso di condividere la passione per il Sassuolo e per la scrittura con Canale Sassuolo. In redazione curo la sezione del settore giovanile. Per contattarmi, scrivere a settoregiovanile@canalesassuolo.it.

Potrebbe Interessarti

Serie A

NON E’ DOMENICA – Ultimi 90 minuti, indizi sparsi sul tavolo? Importanti, ma non teniamone conto per capire come finirà questa stagione…

Articolo di Giovanni Pio Marenna Scudetto, Europa League e ultimo posto in palio per rimanere …