sabato , 25 settembre 2021
Home / Calciomercato Sassuolo - Tutte le notizie di calciomercato / Sassuolo: un calciomercato sofferto, ma niente rivoluzioni
pagelle hellas verona sassuolo 2 3
foto: diretta.it

Sassuolo: un calciomercato sofferto, ma niente rivoluzioni

Sono ormai 48 ore che la sessione estiva di calciomercato è finita ed è tempo di tirare le somme sulle mosse del Sassuolo. L’estate neroverde è stata caratterizzata da cambiamenti di rilievo, a partire dalla panchina. L’addio (prevedibile) di Roberto De Zerbi ha consegnato le chiavi del gioiellino Sassuolo ad Alessio Dionisi, fresco di vittoria della Serie B con l’Empoli. Oltre al cambio di guida tecnica, però, ci sono state due cessioni pesanti: Locatelli alla Juventus e Caputo alla Sampdoria.

Se quella di Locatelli era già stata messa in conto, quella di Caputo è stata un fulmine a ciel sereno che, però, ci sentiamo di condividere. Il Sassuolo aveva in rosa quattro attaccanti e uno doveva essere sacrificato. Al netto delle numerose offerte ricevute per Scamacca, i neroverdi hanno deciso di puntare sul numero 91 e hanno scelto di sacrificare Ciccio. I problemi fisici sempre più frequenti che lo hanno colpito a partire dalla seconda metà della stagione (che gli sono costati l’Europeo) hanno fatto sicuramente il loro. Per costi e tempistiche, questa è un’opzione vantaggiosa.

Agente Caputo Sampdoria
Foto: profilo Facebook Sampdoria

Oltre alle cessioni, però, ci sono state tante riconferme e alcuni ritorni che potranno affermarsi in maglia neroverde. In primis, le conferme di Pegolo, Peluso e Magnanelli. Sembrano scontate, ma il peso specifico che loro tre hanno nello spogliatoio può solamente aiutare mister Dionisi a calarsi completamente nella realtà neroverde. Oltre a loro, le conferme di Berardi e Boga sono un vero capolavoro da parte di Carnevali.

Oltre a ciò, il Sassuolo ha investito nel futuro. Sono arrivati Matheus Henrique (1997), Ruan Tressoldi (1999, ma lasciato al Gremio fino a gennaio), Harroui (1998) e sono rientrati dal prestito sia un Davide Frattesi (1999) su cui la società ha deciso di puntare fin dal momento in cui l’addio di Locatelli è parso scontato, che un più stagionato Edoardo Goldaniga (1993), che in difesa potrà dare un importante contributo almeno fino alla prossima finestra di mercato.

Unisciti al nuovo canale Telegram di CS!

La politica è stata chiara sin da subito: confermare quanto più possibile il blocco precedente e aggiungere alcuni ragazzi con esperienza, pur essendo giovani. Ora, finito il calciomercato, nel nuovo Sassuolo la palla passa a mister Dionisi: nelle prime due giornate si è già visto qualcosa di interessante, ma ora che il gruppo è definitivo inizieremo a vedere sempre di più la mano del tecnico senese. L’ex Empoli e Venezia ha una grossa responsabilità sulle spalle: riuscire a portare gioco e risultati, senza vivere nell’ombra di De Zerbi. La dirigenza ha mantenuto intatto lo scheletro della rosa dagli attacchi (preventivati) arrivati nei due mesi del mercato, ma dovrà essere Dionisi a non far rimpiangere il tecnico bresciano al gruppo squadra. I giocatori (per ultimo Raspadori) sono unanimi nel definire Dionisi molto simile a De Zerbi, ma con alcune idee diverse.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Martino Cozzi

Appassionato di calcio sin da piccolo. Ha trovato in Canale Sassuolo la redazione su misura per lui nella quale poter coltivare il suo sogno: vivere raccontando il gioco più bello del mondo!

Potrebbe Interessarti

Davide Manarelli, Martino Ripamonti e Christian Aucelli, Fiorentina-Sassuolo 1-3 Under 18

Calciomercato Sassuolo: Ferla e Ripamonti ripartono dalla Serie D

Archiviato il capitolo Sassuolo, due attaccanti classe 2002 sono ai nastri di partenza del campionato …