domenica , 29 novembre 2020
Home / Campionato / Sassuolo-Brescia, parla Kyriakopoulos: “Sarà triste giocare senza tifosi, ma ci aspettiamo un bel match”
Giorgos Kyriakopoulos
foto: sassuolocalcio.it

Sassuolo-Brescia, parla Kyriakopoulos: “Sarà triste giocare senza tifosi, ma ci aspettiamo un bel match”

Giorgos Kyriakopoulos ha parlato in occasione di Sassuolo-Brescia, rivelando anche qualche dettaglio sulla sua avventura a Sassuolo e le ottime prestazioni che hanno convinto De Zerbi.

L’ambientamento sta andando molto bene:I primi mesi in Italia sono stati fantastici. Mi piace l’Italia, mi piace Sassuolo, mi piace tutto. L’unica difficoltà è la lingua, il resto è molto simile alla Grecia e non ho avuto problemi. Mi hanno sorpreso molte cose, i campi, il Mapei Football Center, l’organizzazione della società. Lavoriamo molto bene ed è tutto altamente professionale per ogni calciatore. Sassuolo ha un’atmosfera familiare che mi piace molto. Passare dalla Grecia alla serie A significa passare ad un altro livello. All’inizio è stato difficile ma, mese dopo mese, lavorando duro con il mister e con lo staff sono cresciuto e ora mi sento parte integrante della squadra e voglio continuare a migliorare sempre di più”.

Leggi anche > ECCO LA POSSIBILE DATA DEL RECUPERO DI ATALANTA-SASSUOLO

Poi, quache dettaglio sul suo ruolo: Fare il terzino in Italia è molto difficile. Devi essere sempre concentrato sia in difesa che in attacco. Ci sono tante cose difficili ma cerco di dare il 100%. Penso che le mie migliori qualità siano il tiro e i recuperi difensivi, dove posso ancora migliorare. Ho provato diverse volte a far gol ma ancora non sono riuscito. Ci riproverò nelle prossime partite, con l’aiuto dei miei compagni”.

Il momento del Sassuolo: Penso che siamo in un buon momento. Prima della gara col Parma abbiamo vinto una serie di partite. Abbiamo messo in campo molte prestazioni anche se abbiamo perso molti punti all’inizio, specie sul finale. Penso che possiamo continuare a far bene e a conquistare posizioni in classifica.

L’impatto con la serie A:Tra i miei compagni mi hanno impressionato Boga e Locatelli. Parlo molto con Muldur e Toljan. Degli avversi mi ha impressionato Cristiano Ronaldo, ovviamente, poi Dybala e Lukaku. Per me la gara più emozionante è stata quella contro la Roma. Abbiamo giocato bene e abbiamo vinto contro una grande squadra. Anche al mio debutto contro il Lecce è stata emozionante”.

Leggi anche > I PRECEDENTI DELLA SFIDA TRA I NEROVERDI E I BRESCIANI

Domenica c’è il Brescia: Giocare a porte chiuse sarà triste. Ma è triste ciò che sta accadendo con questo virus. La salute viene prima di tutto. Sarà triste giocare senza i nostri tifosi ma dobbiamo far fronte a tutto ciò. Ci aspettiamo un bel match contro il Brescia. È una squadra tosta e verranno agguerriti. Sarà difficile”.

Infine, qualche obiettivo personale: “In Grecia ho tanti amici, tanti fan che mi seguono. La mia famiglia è venuta a vedere tre partite. Il mio sogno è giocare in un grande club e fare la Champions League. Ma il mio primo obiettivo è lavorare duro qui e rimanerci tanti anni perché sto bene a Sassuolo. Sarebbe bello per me giocare in Nazionale, sarebbe il raggiungimento di un obiettivo”.

SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM

sassuolo parma 0 1
foto: Parma Calcio
GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

I numeri di Sassuolo-Inter 0-3: i neroverdi dominano le statistiche, ma i tre punti vanno all’Inter

Sassuolo-Inter 0-3 è la prima caduta stagionale della formazione neroverde, sconfitta dopo otto risultati utili …