venerdì , 21 giugno 2019
Home / Interviste / Sassuolo-Atalanta 2-6: “Questa sconfitta non deve cancellare quanto di buono fatto quest’anno”

Sassuolo-Atalanta 2-6: “Questa sconfitta non deve cancellare quanto di buono fatto quest’anno”

Sassuolo Atalanta 2-6Dopo questo pesante risultato ha parlato Rogerio, difensore del Sassuolo, protagonista di una prestazione insufficiente. Ecco le sue parole:

Sconfitta molto larga nel punteggio. Avete provato a riaprirla, ma l’Atalanta ha dimostrato di essere molto più forte: “Sconfitta che brucia. Volevamo fare meglio. Abbiamo avuto anche noi delle occasioni. Ci è mancata lucidità ad inizio secondo tempo ed in occasione di alcuni gol loro. Questa sconfitta non deve cancellare quanto di buono fatto nel campionato. Adesso riflettiamo su cosa abbiamo sbagliato per fare un grande girone di ritorno”. 

Sassuolo diverso rispetto a quello che siamo abituati a vedere, soprattutto nel primo tempo: “Ci è mancata lucidità. Non siamo riusciti a fare quello che volevamo. Nel secondo tempo abbiamo creato, ma abbiamo preso dei gol che non si possono prendere”.

Alcuni gol che non si possono prendere. Errori personali importanti: “Sicuramente sì. Mi metto davanti per primo, anche io ho sbagliato”.

Siete stati tanto negli spogliatoi, che vi siete detti?: “Niente di particolare. Ci siamo fatti tutti gli auguri ed abbiamo detto che dobbiamo partire bene. C’è la Coppa Italia”. 

Peccato questa sconfitta così dura come ultima foto dell’anno: “Sconfitta che brucia. Abbiamo fatto anche grandi partite e non abbiamo raccolto i punti che meritavamo. Potevamo fare molto di più. Sappiamo della qualità del nostro gruppo. Dobbiamo chiedere di più a noi stessi, la società ci fa lavorare bene”. 

Ora Coppa Italia contro il Napoli poi San Siro a porte chiuse contro l’Inter: “Due partite importanti. Se vinciamo abbiamo grande entusiasmo. Dovremo fare grande attenzione”.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Federico Anarratone

Federico Anarratone
Chi in Liguria tifa Sassuolo? Forse solo lui! Fede è di Genova, folgorato dai colori neroverdi durante un Sampdoria-Sassuolo gara playoff del 2011/12, da quel momento per lui esiste solo la squadra di Piazza Risorgimento.

Potrebbe Interessarti

Squinzi: “De Laurentiis ci scippò Zapata. Il decimo posto? Non sono soddisfatto”

Il patron neroverde Giorgio Squinzi parla a La Gazzetta dello Sport dei prossimi impegni neroverdi, …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi