lunedì , 12 aprile 2021
Home / Notizie Neroverdi / Magnanelli all’incontro coi giovani dell’ASD Fontanelle: “Ho sempre pensato che restare a Sassuolo fosse l’ideale”
fonte: stopandgol.net

Magnanelli all’incontro coi giovani dell’ASD Fontanelle: “Ho sempre pensato che restare a Sassuolo fosse l’ideale”

L’incontro di Francesco Magnanelli con i giovani dell’ASD Fontanelle ha totalizzato più di 400 visualizzazioni su Facebook e 150 collegamenti sulla piattaforma Zoom per seguire due ore appassionanti tra pensieri, consigli e aneddoti.

Il tema della serata con il capitano neroverde era “Sogni, aspettative e sacrifici in un percorso di crescita per raggiungere i migliori traguardi possibili”. Un evento fortemente voluto dall’Asd Fontanelle, coordinato dal giornalista Massimo Boccucci, in cui allenatori, giocatori e tanti appassionati hanno avuto l’opportunità e il piacere di confrontarsi con chi del calcio è riuscito a farne una professione di altissimo livello dopo averlo rincorso come sogno e obiettivo fin da bambino.

LEGGI ANCHE > QUALE SARÀ IL FUTURO DEL PUMA MAGNANELLI?

Magnanelli, che come giovane calciatore ha mosso i primi passi a Gubbio, non ha mai nascosto il suo forte attaccamento alla città dei Ceri, ricordando in più passaggi la bellissima esperienza in maglia rossoblù con le prime apparizioni in una prima squadra già sedicenne.

Il presidente del Fontanelle Giorgio Saldi ha fatti gli onori di casa salutando i presenti, così come sono intervenuti l’Assessore allo Sport del Comune di Gubbio, Gabriele Damiani, il delegato della Figc Comitato di Gubbio Maurizio Migliarini e Maria Marinangeli dirigente scolastico del Polo Liceale “Giuseppe Mazzatinti” che ha consentito l’accesso ai crediti formativi esterni per i ragazzi del triennio insieme al Polo Tecnico “Cassata-Gattapone”.

I tecnici dell’Asd Fontanelle, Giorgio Bellucci e Massimiliano Lazzoni, quest’ultimo già compagno di squadra di Magnanelli nel Gubbio, così come il preparatore atletico professor Adalberto Angeletti, si sono intrattenuti con domande e curiosità che hanno scaturito l’interesse dei tanti tesserati e le rispettive famiglie in collegamento trovando in Magnanelli un interlocutore carico di educazione e semplicità non comuni per chi ha raggiunto certi livelli e stabilmente tra i 20 capitani della Serie A.

È stato molto coinvolgente ripercorrere le tappe del Magnanelli uomo e calciatore. Non ha nascosto di aver affrontato sfide e scelte difficili, tra grandi soddisfazioni e soprattutto grandi maestri che ancora oggi sono tra gli allenatori più considerati d’Italia e d’Europa, come Allegri, Sarri, Pioli, Di Francesco fino a De Zerbi.

Non sono mancate alcune domande e curiosità da parte dei giovani tesserati del Fontanelle, sentendosi raccontare dal Puma le tante sfide affrontate, l’incontro con rivali di alto calibro (“Mi ha impressionato soprattutto Pjanic”, ha rivelato), così come i portieri migliori che ha incrociato (“I nostri Consigli e Pegolo sono straordinari”).

Mi sono sentito come a casa”, ha detto Magnanelli invitando i giovani a mettersi in gioco: “Questo è un momento difficile e dobbiamo tenere duro. Devono farlo tutti. Bisogna sognare e impegnarsi, crederci fino in fondo”. Il futuro? “Sto facendo il corso allenatori, per ora penso a giocare un altro anno. Ne parleremo insieme alla società”.

Sassuolo per lui è diventato una scelta di vita: “Quando sono arrivato dovevo trovare una dimensione e l’ho trovata. È capitata qualche opportunità per andare via ma ho sempre pensato che restare fosse l’ideale e non ho rimpianti. Forse un rimpianto ce l’ho, la Nazionale. Nel 2016 durante i preliminari di Europa League stavo veramente bene e anche nel mio ambiente erano convinti che avrei avuto un’occasione. Non è andata, pazienza. Ho avuto e sto avendo tante altre soddisfazioni”.

De Zerbi e un rapporto speciale: “In questi tre anni siamo cresciuti tanto e mi sono trovato bene. Cura tutti i particolari, gli piace giocare con la costruzione dal basso e con l’idea che si debba sempre privilegiare il gioco per arrivare al risultato”.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

Prestiti Sassuolo

Prestiti Sassuolo, Settimana 28: Scamacca-gol con la Juve, in rete anche Ghion e Frattesi

SERIE A Cristian DELL’ORCO (Spezia): non convocato per Spezia-Crotone 3-2. Edoardo GOLDANIGA (Genoa): rimasto in …