domenica , 5 dicembre 2021
Home / Notizie Neroverdi / L’altalena del Sassuolo e i suoi architetti…
diretta Sassuolo Napoli
foto: Sassuolo Calcio

L’altalena del Sassuolo e i suoi architetti…

Sembrava tutto risolto: tre prestazioni di livello con Crotone, Bologna e Napoli e poi di nuovo il blackout.

Prima della gara con l’Udinese avevamo rivisto il Sassuolo di inizio campionato, tre partite a ritmi alti, i gol erano tornati (sei nei tre match). I nostri architetti (a partire da Berardi, Djuricic, Locatelli e Caputo) avevano ripreso a disegnare geometrie perfette, poi di nuovo il buio con l’Udinese, allo stadio Friuli è scesa in campo una squadra priva di idee, incapace di pungere.

foto: sscnapoli.it

Purtroppo, manca la continuità (come visto anche in passato), la squadra è incostante, altalenante, alterna prestazioni esaltanti ad altre disastrose.

Con Crotone, Bologna e Napoli si era rivisto il Sassuolo del bel gioco. Certamente una prestazione negativa dopo tre positive non può essere un dramma, lo stesso De Zerbi, che forse con l’Udinese ha sbagliato la formazione, fatica a comprendere questi stravolgimenti (collegati al gioco) da una domenica all’altra.

Leggi anche: Focus on Sassuolo-Hellas Verona

La strada verso l’Europa ora è in salita, aumenta la distanza dal gruppo delle big, anche il Verona (che incontreremo sabato) ci ha scavalcato in classifica, ma il campionato è ancora lungo, mancano 13 partite (per 39 punti potenziali ancora in palio).

Ci affidiamo quindi ai nostri architetti, serve la loro creatività: l’obiettivo è chiaro, la società ha dettato la strada e provarci è un dovere.

UNISCITI AL NOSTRO GRUPPO TELEGRAM

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Cristian Casali

Non sono mai stato un vero appassionato di calcio, di quelli che battezzano una squadra e se la portano dietro fino alla bara. Guardavo qualche partita qua e là, preferivo ascoltarmi un cd. Ma poi è arrivato il richiamo del Sassuolo, il ranocchio che diventa principe, così mi sono detto "proviamo". Ho iniziato a seguire la squadra allo stadio, e ora non riesco più a farne a meno. Sono stato catapultato involontariamente in questo mondo, sono diventato un tifoso. E poi adesso, grazie al Sassuolo, mi sento un po' principe anch'io.

Potrebbe Interessarti

Domenico Berardi

FIFA 2022, Domenico Berardi entra nella squadra della settimana

Momento magico per Domenico Berardi. Dopo la grande prestazione e il gol contro il Milan, …