mercoledì , 23 ottobre 2019
Home / Campionato / I numeri di Sassuolo-Sampdoria 3-5: montagne russe neroverdi

I numeri di Sassuolo-Sampdoria 3-5: montagne russe neroverdi

La stagione del Sassuolo non ha visto periodo più altalenante di quello che sta attraversando da due mesi a questa parte, non tanto in termini di risultati bensì di prestazione. La vittoria effettiva manca da quasi due mesi, quella meritata da una settimana: contro il Napoli i neroverdi hanno condotto per 80 minuti sull’1-0 chiudendo con un punto e numerosi rimpianti e, andando a ritroso, contro il Milan il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. Se i neroverdi hanno lasciato per strada punti preziosi pur fornendo prestazioni sorprendenti, si sono però resi protagonisti in più occasioni di debacle clamorose caratterizzate da atteggiamenti rinunciatari o blackout generali, soprattutto con squadre di medio-alta classifica (non con le big, contro le quali il Sassuolo storicamente si esalta), in primis quella contro l’Atalanta il 29 dicembre, passando poi Empoli a metà febbraio per arrivare a Sassuolo-Sampdoria di ieri pomeriggio. Una sorta di montagna russa dalla quale, in questo girone di ritorno, il Sassuolo non riesce ad uscire.

Foto: Sito uff. Sampdoria (Sau alle prese con un Sensi fresco di convocazione in nazionale)

E’ inequivocabilmente l’aspetto mentale quello sul quale mister De Zerbi dovrà provare ad intervenire, impresa non semplice in quanto l’età media non è delle più alte. Lo stesso De Zerbi nel post-gara ha fornito una lettura semplice e veritiera in merito: “Quella dell’essere discontinui in termini di atteggiamento è una caratteristica che ci portiamo avanti da inizio stagione, però se avessimo raccolto tutti i punti che avremmo meritato non ci discosteremmo molto dall’andamento di inizio campionato”.

Leggi anche > DE ZERBI DOPO SASSUOLO-SAMPDORIA 3-5: “PECCHIAMO NEL MANTENERE VIVA L’ATTENZIONE GARA DOPO GARA”

I numeri della partita > Il Sassuolo paga a caro prezzo i propri errori: come accaduto contro il Napoli, al primo errore gli avversari puniscono, è accaduto anche questa volta, e il caso vuole che a punire sia proprio l’ex neroverde Defrel. Di lì in poi la partita prende una piega ben precisa: è la Sampdoria a comandare su quasi tutti i fronti, in primis nel possesso palla (55%), possesso tutt’altro che sterile in quanto le numerose palle perse dei neroverdi a centrocampo (36) hanno innescato potenziali ripartenze pericolose che si sono tradotte in 17 tiri per i blu-cerchiati (di cui 11 nello specchio). I neroverdi hanno tirato 12 volte ma in sole 5 occasioni nello specchio. Si può parlare di 8 nitide occasioni da gol create dagli ospiti, la meta quelle del Sassuolo. Un Sassuolo impreciso: lo conferma il dato sull’accuratezza dei passaggi (79% con 331 passaggi riusciti contro l’86% della Samp con 451 passaggi riusciti). Sebbene la Sampdoria non abbia fornito una prestazione sopra le righe e comunque riuscita a mettere alle corde un Sassuolo che deve però recriminare con sé stesso. Paradossalmente, i neroverdi sono riusciti a segnare ben 3 reti ma non sono mai stati in vantaggio.

L’esultanza di Defrel (sinistra) e Boga nella giornata del primo gol in neroverde (destra)

Curiosità > Finalmente in gol Jérémie Boga, che segna la sua prima rete in neroverde. Il franco-ivoriano è il 16° giocatore in rosa ad aver siglato al meno un gol in questa stagione. La dura legge dell’ex colpisce ancora, questa volta tocca a Grégoire Defrel; per il francese è il secondo gol segnato al Sassuolo, il primo lo siglò nella stagione 2014-15 con la maglia del Cesena.

La salvezza è ancora da raggiungere, questa è un’aggravante per questo genere di prestazioni. Anche se la classifica vede il Sassuolo navigare in acque tranquille non è lecito abbassare la guardia: dopo la sosta il Sassuolo dovrà affrontare un Bologna che, proprio in chiave salvezza, è in cerca di punti preziosi davanti al proprio pubblico, un Bologna che con Mihajlovic e i ritocchi del mercato (tra cui l’approdo dell’ex Sassuolo Nicola Sansone) sta dando segnali importanti di risveglio.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Andrea Manderioli

Andrea Manderioli
La favola del Sassuolo lo ha fatto appassionare al calcio. Possiede un archivio personale di dati statistici da lui raccolti e organizzati sul Sassuolo dell'era Mapei. Blogger e collaboratore presso un giornale locale con la passione di raccontare il mondo neroverde anche attraverso i numeri.

Potrebbe Interessarti

I numeri di Sassuolo-Inter 3-4: impresa quasi riuscita

Il Sassuolo doveva ripartire e dare un segnale dopo la pesante sconfitta subita contro l’Atalanta …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi