giovedì , 22 ottobre 2020
Home / Campionato / I numeri di Fiorentina-Sassuolo 1-3: a tre punti dalla salvezza
foto: sassuolocalcio.it

I numeri di Fiorentina-Sassuolo 1-3: a tre punti dalla salvezza

Per la terza partita consecutiva, il Sassuolo esce dal campo con tre gol all’attivo, sufficienti ad ottenere i tre punti a differenza dei match contro Verona e Inter; è anche la quarta partita consecutiva che la porta del Sassuolo viene violata, nonostante l’imbattibilità di Pegolo in casa della Fiorentina sia durata quasi 90 minuti, per un totale di 11 gol subiti in 4 match. Il Sassuolo può già ritenersi ufficiosamente salvo, anche considerando i ritmi a cui stanno viaggiando le quattro squadre in fondo alla classifica (Genoa, Lecce, SPAL e Brescia), e una vittoria domani contro il Lecce ci farebbe raggiungere la fatidica quota 40, alla portata anche di Cagliari, Parma e Bologna in questa giornata.

Leggi anche > FOCUS ON SASSUOLO-LECCE: PRECEDENTI E CURIOSITA’

La vittoria contro la Fiorentina di due giorni fa è molto simile a quella ottenuta l’anno scorso grazie all’1-0 firmato Berardi: in entrambi i casi, al nostro cospetto era una Fiorentina spompata, come se fosse già rassegnata ad un campionato mediocre e ad una salvezza assicurata (cosa che, come visto l’anno scorso fino all’ultima giornata, è tutt’altro che vera). Ci sono stati periodi della partita in cui gli uomini di Iachini hanno provato a portare pressing alto ai difensori del Sassuolo per rubargli palla, specie nel secondo tempo, ma senza molto successo. Difatti, Chiriches e Ferrari sono i due giocatori che hanno compiuto più passaggi a buon fine tra i 28 scesi in campo (rispettivamente 46 e 57). Una statistica non sorprendente, dal momento che i due difensori centrali del Sassuolo sono spesso in vetta a questa speciale graduatoria. A differenza delle ultime uscite, poi, il Sassuolo è riuscito ad essere cinico sotto porta: tutti e 8 i tiri neroverdi hanno centrato lo specchio della porta e 3 di essi hanno bucato Dragowski.

foto: sassuolocalcio.it

Come con l’Inter, ci sono state molte “prime volte” anche nella trasferta di Firenze: in primis, è stato il primo gol assoluto in Serie A di Mert Muldur. L’ex terzino del Rapid Vienna ha messo nel mirino questo obiettivo già da qualche giornata, ma prima Handanovic e poi Silvestri glielo hanno negato sul più bello. Stavolta, nessuna incursione palla al piede e nessun uno-due con Berardi: Muldur ha fatto tutto da solo, rubando palla in area a Castrovilli e concludendo sul secondo palo di mancino. Quella con la Fiorentina, poi, è stata la prima presenza di Andrea Ghion in Serie A: il centrocampista mantovano, fulcro del gioco di tutte le squadre giovanili neroverdi in cui ha giocato, è subentrato a Djuricic all’87’ coronando il sogno di una vita, come lo ha definito con un post celebrativo su Instagram. Infine, è stata la prima trasferta con i grandi per Alessandro Mercati, centrocampista classe 2002 che ha iniziato la stagione con l’Under 18, è passato in Primavera e, dopo il lockdown, in prima squadra, con annessa firma del primo contratto professionistico. Mancano ancora 9 giornate alla fine e vedere esordire anche lui prima del triplice fischio di Sassuolo-Udinese non è un’utopia.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Gabriele Boscagli

Gabriele Boscagli
Appassionato di calcio, ha deciso di condividere la passione per il Sassuolo con noi di Canale Sassuolo. In redazione è il pilastro del settore giovanile. Per contattarmi scrivere a settoregiovanile@canalesassuolo.it

Potrebbe Interessarti

Sassuolo-Torino, De Zerbi: “Non dobbiamo avere l’ansia di vincere a tutti i costi, ma la voglia di farlo sì”

Roberto De Zerbi ha parlato in conferenza stampa prima di Sassuolo-Torino. Il secondo posto non …