martedì , 1 dicembre 2020
Home / Campionato / Focus on Napoli-Sassuolo: precedenti, curiosità e gli ex della gara

Focus on Napoli-Sassuolo: precedenti, curiosità e gli ex della gara

Domenica pomeriggio si gioca Napoli-Sassuolo, gara valida per la giornata numero 11 della serie A 2017-18. Al San Paolo, gli uomini di Bucchi affronteranno la capolista dopo la sconfitta interna arrivata mercoledì scorso contro l’Udinese.

Il Napoli è saldamente al primo posto, avendo finora vinto tutte le sfide di campionato e pareggiato una sola partita, lo scontro diretto con l’Inter di sabato scorso. I partenopei possono contare sul secondo miglior attacco del campionato e la seconda miglior difesa, avendo segnato 29 reti e subitone soltanto 7. Una differenza di +22. Un’infinità se confrontata al -11 dei neroverdi. In classifica, sono separati dal Sassuolo da ben venti punti.

Nettamente favoriti, gli azzurri non perdono una partita di campionato dal 25 febbraio scorso: Napoli-Atalanta 0-2. Prima del pareggio di sabato scorso contro l’Inter, l’ultima squadra a fermare gli uomini di Sarri era stata proprio il Sassuolo: al Mapei Stadium lo scorso 22 aprile sul risultato di 2-2.

Leggi anche > VERSO NAPOLI-SASSUOLO, ARBITRA PAIRETTO

foto: pianetaazzurro.it

Soltanto otto i precedenti tra le due formazioni, con un totale di quattro successi per il Napoli, tre pareggi e una vittoria del Sassuolo. Concentrandoci sulle sfide del San Paolo, possiamo contare due vittorie per i padroni di casa e due pareggi. Lo scorso anno, a Fuorigrotta finì 1-1, con il pareggio di Defrel dopo il temporaneo vantaggio di Insigne.

Contro il Napoli, Diego Falcinelli ha messo a segno la sua ultima rete in maglia neroverde. Su rigore, il 16 gennaio 2016, in Napoli-Sassuolo 3-1. L’ariete umbro, inoltre, deve il suo nome di battesimo al più grande campione della storia del Napoli: Diego Armando Maradona.

Leggi anche > SASSUOLO-UDINESE 0-1: AFFETTI DA UN FORTE DISAGIO PSICOLOGICO

Tra gli ex della partita c’è Cristian Bucchi. Il mister neroverde ha vestito una stagione in maglia azzurra, nel 2006-07, contribuendo con 29 presenze e 8 reti allo storico ritorno in serie A della società di De Laurentiis. Una minuscola parentesi in neroverde l’ha vissuta invece Jorginho, che nel 2010 è approdato in Emilia in prestito dal Verona, disputando il Torneo di Viareggio con la Primavera prima di far ritorno alla base.

Ma il grande ex è senza alcun dubbio Paolo Cannavaro, napoletano verace e capitano della formazione azzurra dal 2007 al 2013. Per lui, cresciuto nelle giovanili napoletane, otto stagioni e mezza con la maglia della squadra della sua città, con un bilancio totale di 278 presenze e 9 reti tra serie A e B, Coppa Italia, Coppe Europee e Supercoppa Italiana (settimo giocatore più presente nella storia del club). Con il Napoli, Cannavaro ha esordito in Champions nella stagione 2011-12, nella quale ha vinto una Coppa Italia. Nel gennaio 2014 ha lasciato la squadra per accasarsi al Sassuolo. Per lui – in precarie condizioni fisiche – sarà come sempre una partita speciale.

Leggi anche > BUCCHI DOPO SASSUOLO-UDINESE: “SIAMO IN TRINCEA, MI METTO DA SOLO IN DISCUSSIONE”

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

sassuolo roma precedenti

Serie A, le probabili formazioni di Roma-Sassuolo: neroverdi ancora senza Caputo

La 10^ giornata del campionato di Serie A vede il Sassuolo fare visita alla Roma …