lunedì , 5 Dicembre 2022
alessio dionisi sassuolo verona
foto: sassuolocalcio.it

Dionisi dopo Sassuolo-Hellas Verona 2-1: “Pinamonti sta facendo bene, su D’Andrea…”

Alessio Dionisi ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel post partita di Sassuolo-Hellas Verona, posticipo dell’undicesima giornata di Serie A terminato per 2-1 grazie alle reti di Laurienté e Frattesi.

Sull’approccio della partita: “Il gol è abbastanza fortunoso, non si può neanche chiamare tiro. Di sicuro le prime situazioni di pressing le abbiamo sbagliate, posso solo rimproverare ai ragazzi di essere stati superficiali in area. Per il resto, la partita non era facile: il Verona è difficile da affrontare da ora in poi, nonostante le tante sconfitte. Noi abbiamo le nostre difficoltà, come l’assenza di Berardi per la settima partita di fila. E’ stata una partita fisica: Obiang ci ha dato una mano fin quando è stato in campo”.

Su Pinamonti: “Non ha bisogno di alcuna coccola da parte mia. Per me ha fatto bene: se poi si analizza la partita e si guarda lo score, Pinamonti non ha fatto gol. Ma Andrea aiuta tanto la squadra: se non facesse il lavoro che fa, difficilmente la squadra creerebbe situazioni di gioco. Sono contento di quanto ha fatto? Dico di sì. Mi aspettavo più gol? Probabilmente non mi aspettavo queste prestazioni in fase difensiva, con grande abnegazione spalle alla porta. Quando riusciremo ad avere i giocatori che portano assist, vedrete che Pinamonti arriverà più spesso alla conclusione. Oggi ha mandato in porta Laurienté, a Cremona Lopez: ma non è stato fatto gol, quindi non se ne parla”.

Berardi? Non so se sarà pronto per la prossima. Come detto in conferenza, è già tanto che lavora a parte. Pensiamo a chi c’è. Frattesi? Lo conoscevo prima di arrivare a Sassuolo: gli ho dato fiducia perché, dopo il percorso che ha fatto, era giusto che avesse un’opportunità in Serie A. Ha qualità che mancano nella nostra squadra come in tante altre squadre. Laurienté? Veniva da un periodo di stop: ad inizio settimana non sapevamo neanche se sarebbe stato disponibile. Il primo obiettivo era averlo in campo: anche lui ha qualità diverse da altri interpreti del ruolo, è più maturo. Ancora deve imparare a legare il gioco, ma in campo aperto è devastante. Per certi aspetti ricorda Boga: secondo me ha una migliore finalizzazione, anche se Jeremie nel breve era pazzesco. E’ un ragazzo introverso: appena arrivato lo abbiamo buttato dentro a destra perché ne avevamo bisogno, nonostante giochi a sinistra. Traorè, Berardi e Lauriente dietro a Pinamonti? Non lo so. Intanto bisogna averli tutti a disposizione. Traorè ad oggi non ha più di mezz’ora e Berardi non è disponibile”.

Su D’Andrea: “Titolare al Maradona contro il Napoli dei suoi sogni? Io speravo fosse innamorato del Sassuolo, perché l’opportunità gliela sta dando il Sassuolo. Deve pensare al Sassuolo. Adesso abbiamo cinque giorni per recuperare le energie e andare a Napoli, contro una squadra che esprime il calcio migliore d’Italia e uno dei migliori in Europa. Sappiamo di essere sfavoriti ma oggi con il Napoli lo sono praticamente tutti”.

Sulla classifica: “Noi in testa al gruppo degli inseguitori delle big? La cosa importante era vincere oggi: tutto poi si vede con un’altra prospettiva. Adesso dobbiamo confermarci, nonostante i tanti cambi nell’undici titolare. Non possiamo pensare di essere quelli dell’anno scorso ma possiamo provare a migliorare il bottino della scorsa stagione”.

Segui CS anche su Instagram!

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Gabriele Boscagli

Appassionato di calcio e di sport in generale, ho deciso di condividere la passione per il Sassuolo e per la scrittura con Canale Sassuolo. In redazione curo la sezione del settore giovanile. Per contattarmi, scrivere a settoregiovanile@canalesassuolo.it.

Potrebbe Interessarti

focus junior traorè

Sassuolo, il punto alla sosta: quando vedremo il miglior Traorè?

E’ dedicato a Hamed Junior Traorè, il terzo degli approfondimenti sui giocatori del Sassuolo alla …