sabato , 25 giugno 2022
Home / Notizie Neroverdi / Di Francesco: “Il Sassuolo è stato il mio capolavoro, mi piacerebbe allenare in Spagna”
Eusebio Di Francesco marca
Eusebio Di Francesco (foto: sassuolocalcio.it)

Di Francesco: “Il Sassuolo è stato il mio capolavoro, mi piacerebbe allenare in Spagna”

Dopo l’avventura sulla panchina dell’Hellas Verona terminata in malo modo, Eusebio Di Francesco è pronto a ripartire. L’ex allenatore del Sassuolo ha rilasciato un’intervista al giornale spagnolo MARCA durante la quale ha parlato anche della sua avventura in neroverde.

Leggi anche > Pagellone dei tifosi 2021/2022: MVP della stagione è Domenico Berardi 

Ha giocato, tra le altre, a Empoli, Roma, Piacenza e Perugia, e ha collezionato 12 presenze con l’Italia. Che tipo di calciatore era Di Francesco?
“Mi sarebbe piaciuto allenare Di Francesco. Giocavo da esterno in un 4-4-2. Il mio sistema preferito come allenatore è un dinamico 4-3-3 e mi piaceva giocare come mezzala. Penso che, con il fisico che avevo prima e la testa che ho ora, avrei potuto esaltare le mie caratteristiche [sorride]”.

Mi vergogno anche a farti questa domanda: come ti definiresti allenatore?
“Principalmente sono un allenatore a cui piace dominare le partite, ma non sempre è possibile. Dipendi anche dai rivali. Cerco di far sì che le mie squadre, partendo da quel dinamico 4-3-3, siano verticali, pressate e cerchino di passare più tempo possibile nel campo avversario”.

Quale consideri il tuo ‘capolavoro’ in panchina?
“Penso che il mio ‘capolavoro’ da allenatore sia stato al Sassuolo, che sia stata la storica promozione in Serie A o la qualificazione all’Europa League. Il Sassuolo partiva da zero e abbiamo creato una mentalità che ha visto la squadra affermarsi tra le prime 10 in Italia. Lo paragono sempre al Villarreal”.

E’ stato compagno di squadra di Totti alla Roma. Ti è venuta voglia di allenarlo?
“No, se avessi avuto modo di allenare Totti nell’ultimo anno, lo avrei inserito come giocatore avanzato, con libertà di movimento tra le righe. Francesco è un grande amico e gli dico sempre che ha quattro occhi, due davanti e due dietro al collo. È qualcosa che solo gli eletti hanno”.

Com’è stato lavorare con Monchi a Roma?
“Lo ringrazio per avermi dato la possibilità di allenare la Roma dopo tanti anni in panchina. Ci siamo trovati immediatamente. Il primo anno abbiamo fatto un ottimo lavoro. La seconda, con maggiori difficoltà economiche e di mercato, è stata un po’ peggiore. Alla fine siamo partiti entrambi contemporaneamente e lui ha potuto tornare al Siviglia, dove si sente a casa”.

Eusebio Di Francesco marca
foto: sassuolocalcio.it

La ‘sua’ Roma era a un gol dall’andare ai supplementari contro il Liverpool e giocare la finale di Champions League contro il Madrid nel 2018. Cosa prendi dal tuo passato in giallorosso?
“Tornando a quella semifinale, mi dispiace che non ci sia stato il VAR. Sarebbe stato diverso se il rigore fosse stato assegnato da Alexander-Arnold. Ci avrebbe permesso di rivivere la rimonta contro il Barcellona. Ho dei bei ricordi: la Champions è unica”.

Com’è stata preparata la rimonta contro il Barcellona?
Ho vissuto la notte più bella della mia carriera, ma non è stato un caso. La rimonta è nata in preseason. La squadra ha creduto nell’allenatore e in quello che ha proposto. Abbiamo giocato una grande partita dal punto di vista e dalla qualità a Barcellona, ma abbiamo perso 4-1. Nella gara di ritorno ho fatto diversi aggiustamenti tattici per togliere loro la palla. Ho capito che il modo migliore per attaccarli era 3-4-2-1. Siamo stati aggressivi fin dall’inizio e la squadra ha creduto nella rimonta. C’era un’atmosfera speciale da una settimana prima”.

Lasciare la Roma ti ha lasciato un retrogusto amaro?
“Penso che avremmo potuto strutturare meglio il mercato. La squadra, invece di rafforzarsi, si è indebolita. Il primo anno, prima del mio arrivo, abbiamo perso Rüdiger e Salah, che ora sono leader mondiali. Nonostante ciò, abbiamo fatto una buona stagione in Serie A e in Champions League”.

Le tue ultime tre avventure (Sampdoria, Cagliari e Hellas Verona) si sono concluse prima del previsto. Che giustificazione trovi?
“Non ho intenzione di intrattenermi a dare giustificazioni perché sarebbe molto lungo. Mi assumo la piena responsabilità. Ora voglio lasciarmi il passato alle spalle e scegliere bene, a mente fredda, l’opzione migliore”.

Come vorresti che fosse il tuo prossimo progetto?
“Ho cambiato agenzia -ha firmato per ‘You First’- con l’idea di andare all’estero. L’idea di allenare in Liga mi attira molto. Non significa che il prossimo anno andrò ad allenare in Spagna, ma mi piace l’identità e la mentalità del calcio spagnolo. Ovviamente analizzerò tutte le proposte. Ora, non sto cercando di allenare subito a tutti i costi”.

eusebio di francesco marca
foto: Hellas Verona

Parliamo di attualità. Come valuta il lavoro di Mourinho alla Roma?
“Mourinho ha fatto un ottimo lavoro, soprattutto in Europa, arrivando in finale di Conference. A Roma c’è una voglia tremenda di vincere un trofeo. Da ex giocatore e allenatore, sarei molto felice per la passione delle persone che circondano la Roma. Quello che vorrei sottolineare di più di Mourinho, anche al di sopra della sua capacità dialettica o della sua gestione dei media, è che ha fatto esordire molti giovani interessanti. Questo è motivo di congratulazioni”.

Come vede la finale di Champions League tra Real Madrid e Liverpool?
“Il Real Madrid mi ricorda i miei gatti: ha 7 vite. Le sue partite sono come punti di paddle tennis. Finché non esce la palla non puoi finire il punto. Il Liverpool è una squadra molto forte, ma penso che sarà una bellissima finale. È al 50%”.

Alisson gioca al Liverpool, che ha allenato alla Roma.
“È un grande portiere e un professionista straordinario. Sempre molto positivo. Alla Roma lo tenevano in grande considerazione quando sono arrivato. Aveva un grande potenziale ed è cresciuto molto lavorando con Marco Savorani. Ha la migliore qualità che un portiere possa avere ed è la tranquillità e la sicurezza che trasmette. Qualcosa che ha anche Courtois”.

Credi che il Milan abbia meritato di vincere la Serie A?
“Assolutamente… si! Oltre all’aspetto tecnico, tattico e alla qualità dei giocatori, ha sempre dato la sensazione di essere una squadra. Un merito che va concesso a Stefano Pioli. Lui, Maldini e Massara sono stati i tre protagonisti dello ‘scudetto’ del Milan”.

L’Italia ha vinto l’Europeo, ma è stata esclusa dal Mondiale. Come valuti lo stato del calcio italiano?
“Ci è mancata un po’ di fortuna. Abbiamo dominato le partite, ma abbiamo sbagliato gol e rigori nei momenti cruciali. Da italiano, ovviamente, mi dispiace non vedere l’Italia ai Mondiali”.

Segui CS anche su Instagram!

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Martino Cozzi

Appassionato di calcio sin da piccolo. Ha trovato in Canale Sassuolo la redazione su misura per lui nella quale poter coltivare il suo sogno: vivere raccontando il gioco più bello del mondo!

Potrebbe Interessarti

Massimo Carcarino

Massimo Carcarino lascia il Sassuolo dopo quattro anni: “Me ne vado con dispiacere”

Si interrompe dopo quattro anni il rapporto lavorativo tra il Sassuolo e il match analyst …