venerdì , 2 Dicembre 2022
De Siervo
Foto: legaseriea.it

De Siervo: “Le società stanno pagando il momento di crisi, i calciatori neanche un euro”

Luigi De Siervo, amministratore delegato della Lega Serie A, è intervenuto nel corso della giornata formativa al centro VAR di Lissone: “I litigi si superano andando avanti e pensando solo ad arricchire il prodotto anche grazie al miglior centro VAR del mondo”. 

Leggi anche > Arbitro Fiorentina-Sassuolo: c’è Serra. Precedenti e squadra arbitrale  

L’AD, inoltre, si è concentrato anche sulla crisi economica che sta colpendo il mondo del calcio a causa della pandemia: “Siamo ancora in piena crisi. E’ ripartito un po’ il mondo dello spettacolo ma quello del calcio ha pagato un prezzo altissimo e a pagare questo prezzo sono state solo le proprietà, mentre i calciatori neanche un euro. Da parte loro c’è stato un atto di egoismo profondo. Non hanno ridotto in nessun modo infinitesimale i propri guadagni. Questo mondo ha perso un miliardo e due, mentre i calciatori nulla. Questo l’ho detto in ogni contesto ed è un fatto grave: sono modelli.

In conclusione, De Siervo ha anche parlato della possibilità di avere un canale della Serie A: “Oggettivamente, penso che il cambio epocale sia in corso. La Lega ha costruito tanto negli ultimi anni  e stiamo andando nella direzione di realizzare un prodotto in maniera autonoma. Questo non vuol dire che teniamo fuori le tv e i network, ma non possiamo essere schiavi di un eventuale accordo di mercato che ci penalizzi: questa possibilità sarà una opzione in più”.

Segui CS anche su Instagram!

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Martino Cozzi

Appassionato di calcio sin da piccolo. Ha trovato in Canale Sassuolo la redazione su misura per lui nella quale poter coltivare il suo sogno: vivere raccontando il gioco più bello del mondo!

Potrebbe Interessarti

video highlights sassuolo-inter 1-2 amichevole

Amichevole Sassuolo-Inter il 29 dicembre: sfida impegnativa al Mapei Stadium

Ve lo avevamo anticipato poco più di un mese fa ed ora è confermato: il …