domenica , 1 agosto 2021
Home / Notizie Neroverdi / Caos Sambenedettese: i calciatori mettono in mora il club, tra loro un ex Sassuolo
caos sambenedettese

Caos Sambenedettese: i calciatori mettono in mora il club, tra loro un ex Sassuolo

E’ nota da qualche settimana la difficile situazione che stanno vivendo i calciatori della Sambenedettese, che non hanno ricevuto quattro mensilità di retribuzioni. Il capitano del club marchigiano è l’ex Barcellona e Milan Maxi Lopez, che si è esposto già il 9 marzo scorso sul proprio profilo Instagram parlando di una situazione “pesante e poco chiara”. Dal canto suo, il presidente Domenico Serafino sta trattando la cessione del club al coreano Kim Dae Jung, ma la sua società è stata messa in mora quest’oggi dai calciatori della Samb, tra cui c’è il centrocampista Vittorio Mehmetaj.

Mehmetaj è un classe 2001 passato quest’estate a titolo definitivo in addestramento tecnico dal Sassuolo alla Sambenedettese: ciò significa che, soltanto fino al termine della stagione, Mehmetaj è ancora un giovane di serie e non un professionista. A giugno, il Sassuolo potrà riportarlo in neroverde. L’esordio in Serie C di Vittorio Mehmetaj, in quella che finora è l’unica sua presenza nella terza serie italiana, è arrivata il 3 febbraio scorso in casa della Fermana. Questo il comunicato firmato da tutti i calciatori della Sambenedettese in merito alla messa in mora del club:

Seguici anche su Instagram!

«Ancor oggi non risultano pagate le retribuzioni di novembre, dicembre 2020, gennaio e febbraio 2021, nonostante si sia più volte evidenziato alla Società le gravi conseguenze che tutto ciò sta causando agli scriventi; ciò nonostante, non abbiamo ancora ricevuto alcuna rassicurazione sulle tempistiche di pagamento delle mensilità arretrate. La Società colposamente tace.

Per questo motivo, stante l’insostenibilità della situazione venutasi a creare, la squadra – con il supporto dell’Assocalciatori – ha deciso di mettere formalmente in mora la Società in relazione al pagamento delle retribuzioni dovute, nelle forme previste dall’art. 17 dell’Accordo Collettivo AIC – Lega Pro – FIGC. Si tratta di un atto formale e necessario, finalizzato alla salvaguardia dei nostri diritti retributivi costituzionalmente garantiti, nel rispetto delle previsioni del contratto collettivo.

Da parte nostra, in queste settimane ed ancor oggi, la chiarezza e l’impegno non sono mai mancati e così sarà anche nel prosieguo del campionato. Purtroppo, non abbiamo incontrato chiarezza dalla nostra società; a fronte di molteplici interventi a mezzo stampa, non è stata spesa una sola parola per rassicurarci in ordine al ripristino della ordinaria gestione economica del Club.

Riteniamo giusto e corretto che la Città sia messa al corrente della nostra scelta, fiduciosi di poter incontrare la comprensione e il sostegno da parte di tutti i tifosi del nostro glorioso Club con i quali condividiamo oggi le medesime sofferenze e speranze».

I calciatori della S.S. Sambenedettese S.r.l.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Gabriele Boscagli

Appassionato di calcio, ha deciso di condividere la passione per il Sassuolo con noi di Canale Sassuolo. In redazione è il pilastro del settore giovanile. Per contattarmi scrivere a settoregiovanile@canalesassuolo.it

Potrebbe Interessarti

amichevole parma sassuolo diretta live

FINALE Parma-Sassuolo 0-3: i neroverdi vincono l’amichevole del Tardini

Benvenuti sulla diretta di Parma-Sassuolo, amichevole estiva in programma oggi, domenica 1° agosto alle ore …