giovedì , 13 maggio 2021
Home / Settore Giovanile Sassuolo / Primavera Sassuolo / Primavera, Bigica dopo Sassuolo-Milan 1-1: “Abbiamo fatto una grande partita, questa squadra cresce partita dopo partita”
Emiliano Bigica
foto: sassuolocalcio.it

Primavera, Bigica dopo Sassuolo-Milan 1-1: “Abbiamo fatto una grande partita, questa squadra cresce partita dopo partita”

Mister Emiliano Bigica ha parlato ai microfoni di Canale Sassuolo dopo il pareggio casalingo con il Milan.  L’allenatore neroverde è rammaricato per non aver portato a casa i tre punti, ma si è detto soddisfatto per la crescita che la squadra sta avendo giornata dopo giornata. Ecco le sue parole.

Leggi anche > Sassuolo Under 15: sconfitta per 3-1 nel Test Match con l’Inter

Sulla partita: “Questo 1-1 mi lascia la convinzione di aver fatto una bella partita, i ragazzi sono stati bravi in tutto. Probabilmente abbiamo pagato il cattivo approccio al secondo tempo, dove per dieci minuti siamo stati meno aggressivi del solito. Siamo in un campionato di giovani e può capitare che ci siano questi errori. Ho rischiato l’infarto, ma resta la consapevolezza che i ragazzi hanno fatto una prestazione super dando seguito al bel gioco espresso domenica scorsa contro la Lazio”.

Gli obiettivi stagionali: “Questa squadra sta crescendo piano piano. I vecchi hanno integrato bene i ragazzi nuovi e si è formato un bel gruppo, che ha in mente l’obiettivo primario che è quello della salvezza. L’altro obiettivo è quello di giocare meglio e nelle ultime partite sta accadendo. Abbiamo cambiato sistema di gioco per necessità e per mettere in condizione i giocatori di essere nel loro ruolo e di poterlo interpretare al meglio”. 

Su Aucelli e Mercati: “Tutti mi stanno ripagando del lavoro che stiamo facendo. Aucelli e Mercati sono due ragazzi che devono imparare ad essere più ordinati, ma sono ragazzi generosi e che hanno molta qualità. Meritano di trovare spazio in questa squadra, così come ce ne sono tanti altri ai quali dare la possibilità di togliersi qualche soddisfazione. Loro lo sanno e in base alle necessità cerco di attingere a tutte le frecce presenti nel mio arco”. 

Sulla crescita di Raspadori: “Raspadori l’ho convocato nell’Under 17 e lo facevo giocare o da trequartista o da punta. Quando me lo sono trovato contro mi ha fatto impazzire perché vede il calcio ed è nato per giocare a calcio, nessuna sorpresa. Prima o poi sarebbe arrivato, ma grazie a De Zerbi e al Sassuolo ci è arrivato dalla porta principale. Palmieri ci ha visto lungo su di lui e l’ha valorizzato al massimo”. 

Seguici su Instagram! 

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Martino Cozzi

Martino Cozzi
Appassionato di calcio sin da piccolo. Ha trovato in Canale Sassuolo la redazione su misura per lui nella quale poter coltivare il suo sogno: vivere raccontando il gioco più bello del mondo!

Potrebbe Interessarti

Francesco Palmieri

Palmieri dopo Sassuolo-Juventus 1-1: “Pareggiato contro la squadra più tecnica del campionato”

Francesco Palmieri, responsabile del settore giovanile del Sassuolo, è intervenuto in esclusiva ai microfoni di …