domenica , 25 ottobre 2020
Home / Campionato / Di Francesco dopo Sassuolo-Fiorentina: “Serve la malizia di saper gestire la palla”
Eusebio Di Francesco
foto: repubblica.it

Di Francesco dopo Sassuolo-Fiorentina: “Serve la malizia di saper gestire la palla”

Eusebio di Francesco, allenatore del Sassuolo, ha commentato il pareggio di oggi contro la Fiorentina. Ecco le sue parole:

Questa doccia gelata dopo l’ultimo gol di Bernardeschi non ci voleva. Avete subito gol dopo aver rimontato la partita ed essere stati con l’uomo in più: “Partiamo dall’inizio. Abbiamo disputato un’ottima gara. Ci sono state delle situazioni particolari durante la partita. Nel primo tempo meritavamo qualcosa di più. Nel finale la gestione della palla è mancata. Ai miei giocatori serviva la malizia e l’intelligenza di tenere palla. Sono peccati di gioventù e li paghiamo. Io ho la mentalità sempre di attaccare, ma quando mancano venti secondi bisogna essere bravi a gestire il pallone. Questo non lo abbiamo fatto e guarda caso è venuto fuori un gol assurdo”.

Quando parla di situazioni particolari si riferisce alla direzione arbitrale di Gavillucci?: “Sicuramente anche quello. In determinati momenti della gara ciò non aiuta. Io, però, voglio parlare della partita dove ho visto belle trame di gioco e una squadra viva. Ci sono dei giovani che stanno crescendo davvero tanto. Peccato che alla fine questa partita venga vista come due punti persi e non uno guadagnato. Questa è stata un’ottima gara, nonostante tutto”.

Come in passato dei giocatori sono entrati dalla panchina e hanno segnato. Oggi è toccato a Iemmello e Politano: “Bravi a farsi trovare pronti. Ad Empoli così non era accaduto e gli è servito da lezione. Matteo (Politano) è stato bravo, ma poteva essere ancora più bravo nell’ultima palla. E’ entrato molto bene in partita.

Quinto risultato utile consecutivo e avete giocato bene con squadre con mezzi superiori ai vostri: “In questo momento squadre come il Napoli o Fiorentina qualcosa in più. Noi abbiamo giocato a viso aperto, creando molte occasioni da gol. Abbiamo creato tanto, ma dovevamo essere bravi a concretizzare di più. Paradossalmente, nel secondo tempo, abbiamo subito gol nel loro unico tiro in porta. A lunghi tratti abbiamo gestito una partita ottima, per non dire perfetta”.

Domenica c’è l’Inter, in crisi nera: “Noi giocheremo con la stessa intensità, determinazione e voglia di far punti. Abbiamo tanti ragazzi giovani che hanno grandissime motivazioni per far bene e mettersi in mostra”.

Domanda scontata, è il 7 maggio, il tuo futuro?: “Siamo vicini a quella che sarà la mia scelta. Non mi interessa dei discorsi che vengono fuori. In questo momento vivo di sensazioni. Voglio aspettare l’incontro che ci sarà con la mia società per sentire ciò che sento in questo momento. Il desiderio di continuare con questa società e questi ragazzi giovani che sono cresciuti tanto, oppure provare altre cose”.

 

 

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Federico Anarratone

Federico Anarratone
Chi in Liguria tifa Sassuolo? Forse solo lui! Fede è di Genova, folgorato dai colori neroverdi durante un Sampdoria-Sassuolo gara playoff del 2011/12, da quel momento per lui esiste solo la squadra di Piazza Risorgimento.

Potrebbe Interessarti

I numeri di Sassuolo-Torino 3-3: spettacolare rimonta nella nebbia

Nella nebbia di Reggio Emilia, il Sassuolo fornisce un’altra prestazione convincente e compie la seconda …