giovedì , 26 novembre 2020
Home / Interviste / Marco Squinzi: “Entrare al Mapei Fooball Center ricordando mio padre sarà bellissimo”
Gabriele Gravina e Marco Squinzi, Mapei Football Center
foto: Canale Sassuolo

Marco Squinzi: “Entrare al Mapei Fooball Center ricordando mio padre sarà bellissimo”

Nel giorno dell’intitolazione della via d’accesso al Mapei Football Center a Giorgio Squinzi e del campo principale del centro sportivo ad Adriana Spazzoli, Marco Squinzi, figlio della coppia, ha speso qualche parola in ricordo dei genitori.

Siamo molto felici di essere qui in questo giorno, dopo circa un anno dalla scomparsa dei nostri genitori. Intitolare questa strada a nostro padre è molto importante. Ringraziamo il comune per tutto questo. Sarà un momento per ricordare a tutti quanto mio padre, mia madre e la nostra famiglia hanno fatto per Sassuolo e per il Sassuolo. Entrare al Mapei Fooball Center ricordando mio padre sarà qualcosa di molto bello”.

La famiglia Squinzi crede tantissimo in questo progetto. Papà ha voluto entrare nella società quando il Sassuolo era nella bassa C2. Con i suoi investimenti e la direzione della squadra affidandola a manager competenti, ha fatto sì che militasse nelle prime file della serie A. Questo perché la squadra è stata gestita come un’azienda. Meritocratica e con persone competenti. Per forte volere di mio padre abbiamo creato il Mapei Football Center, un centro sportivo, i campi, la struttura intera. Mia mamma era una dei più accaniti tifosi della squadra. A lei sarà intitolato il campo dove giocheranno le giovanili”.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

Carlo Rossi: “L’impegno di Giorgio Squinzi e Adriana Spazzoli ci permette di essere dove siamo”

Anche il presidente del Sassuolo Calcio, Carlo Rossi, ha voluto dedicare un pensiero a Giorgio …