martedì , 16 Luglio 2024

Dopo Rapid Wien-Sassuolo, Di Francesco: “Risultato positivo”

Il Sassuolo torna da Vienna con un punto importante. Gli austriaci, andati in vantaggio nel primo tempo, sono stati ripresi dai neroverdi grazie ad una autorete. Nonostante il pareggio sia arrivato in modo fortuito, il Sassuolo, nella ripresa, si è reso più volte pericoloso e il risultato finale appare, quindi, giusto e meritato, come testimoniato da mister Di Francesco in sala stampa dopo la partita.

Innanzitutto il Difra ha chiarito cosa sia cambiato tra primo e secondo tempo: “Noi giochiamo sempre per vincere e oggi abbiamo ripreso la partita, indipendentemente dall’autorete, perché nella ripresa abbiamo messo pressione agli avversari, giocando con più qualità nel palleggio e sugli esterni. Bisogna ricordare che nel girone ci sono squadre di qualità, ad esempio il Rapid davanti ha giocatori importanti, come noi del resto. Siamo stati bravi a rimanere in partita, abbiamo sistemato qualcosa nell’intervallo e nel complesso sono soddisfatto della prova dei ragazzi.”

Nella prima frazione di gioco il Sassuolo è stato messo in difficoltà dal Rapid, salvo poi rifarsi nella ripresa: Sbagliavamo quando avevamo la palla, eravamo troppo aperti come linea difensiva, così ho chiesto di stare più stretti senza aprire i centrali e cercando di verticalizzare. In campo ci sono anche le altre squadre, noi siamo stati bravi ad attaccare senza cambiare mentalità, senza buttare via la palla. Nella ripresa abbiamo attaccato con più qualità, ma è impensabile dominare per 90 minuti, per questo il risultato è positivo.”

Il pareggio (meritato) è arrivato grazie ad un autogol, un episodio come tanti per il mister: L’autorete fa parte del calcio: a volte la subisci, a volte è a tuo favore. In ogni caso la squadra ha meritato il risultato e alla fine abbiamo anche provato a vincere.”

Per Di Francesco il Sassuolo sta effettuando un percorso di crescita: “Stiamo facendo esperienza in Europa, siamo alla seconda trasferta e dobbiamo capire, ad esempio, che in Europa gli arbitri fischiano meno, quindi dobbiamo evitare di andare a terra facilmente nei contrasti. Inoltre diamo spazio a tanti giovani, ad esempio ha esordito anche Adjapong, con un buon approccio.”

 

 

Riguardo Gabriele Gandolfi

Studente di Giurisprudenza, vive a Sassuolo e tifa Sassuolo, al Mapei è una presenza fissa. Scrive di calcio per passione e lo fa solo sulle nostre pagine.

Potrebbe Interessarti

coppa italia

Coppa Italia 2024-25: la prima gara neroverde sarà Sassuolo-Cittadella. I possibili incroci

Sarà Sassuolo-Cittadella la prima gara di Coppa Italia 2024-25 che vedrà scendere in campo la …