martedì , 16 Luglio 2024
alessio dionisi 100 panchine serie a
Foto: sassuolocalcio.it

Dionisi alla Gazzetta: “Berardi calciatore inimitabile, voglio portare il Sassuolo più in alto possibile”

A due giorni dalla splendida vittoria di San Siro, l’allenatore del Sassuolo Alessio Dionisi ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport, dove è tornato a parlare della gara con l’Inter. Ma non solo: “Quando ho letto la formazione dell’Inter, poco prima dell’inizio, ho detto ai ragazzi di essere orgogliosi: “Ci sono tutti i migliori, vi rispettano, adesso dimostrate di meritare la loro considerazione’. Ci sono riusciti”.

Leggi anche > Serie A, le probabili formazioni di Sassuolo-Monza: in difesa torna Tressoldi, Pedersen titolare?

Berardi è il miglior giocatore italiano?
“Difficile fare paragoni tra ruoli. Nella mia formazione ideale della Serie A Mimmo c’è sicuramente. Quella del gol di San Siro è la sua giocata, ma, come accadeva a Robben, nessuno riesce a limitarlo perché Berardi è in
grado di fare qualunque cosa. Ha talmente tanto calcio dentro che potrei metterlo a centrocampo. La palla di esterno per Laurientè contro la Juve è pazzesca”.

Si emoziona ancora arrivando a San Siro?
“Sempre. Da bambino per me era l’apoteosi. Sognavo di entrarci, ma da giocatore: purtroppo non ero abbastanza bravo”. 

Lei è tornato al 4-2-3-1 usato nel primo anno al Sassuolo. Quali sono le differenze?
“Quel Sassuolo aveva giocatori adatti al possesso e al palleggio e quindi cercavamo di sfruttare certe qualità verticalizzando quando si poteva. Adesso, invece, ci basiamo di più sulle transizioni perché abbiamo elementi di gamba e di minore qualità tecnica. Bisogna sempre adattarsi alle caratteristiche della rosa. Adesso ho calciatori che non amano il gioco corale e cerco di valorizzarli come posso. Se non ho gente che entra in area, devo studiare strade diverse da un possesso ragionato”.

alessio dionisi gazzetta dello sport intervista
Foto: sassuolocalcio.it

Boloca e Henrique hanno retto benissimo il confronto con il centrocampo di Juve e Inter.
“Merito loro, che stanno crescendo molto, e degli esterni che li hanno aiutati in copertura. Lì non abbiamo molta fisicità, dobbiamo usare altre armi. Non dico che sono sorpreso, però non era semplice cambiare il modulo e i titolari del centrocampo e trovare un certo equilibrio in tempi brevi. Però nella fase difensiva abbiamo ancora ampi margini”.

Sappiamo che a Sassuolo sta bene. Ma si sente pronto per altri palcoscenici?
“Sono sempre più a mio agio in Serie A, credo di essere cresciuto rispetto a due anni e mezzo fa. Avevo preso il posto lasciato da un certo De Zerbi, non era un compito agevole, ma l’ho svolto con tutto me stesso. E sento ancora l’entusiasmo del primo giorno. Io amo il calcio e sono ambizioso. Non voglio fermarmi. Studio inglese per dialogare meglio con i nostri stranieri e mi emoziono nell’attesa delle partite. Non mi accontento mai, mi metto sempre in discussione e credo che nel medio o lungo periodo ognuno ottenga ciò che merita. Vedremo cosa meriterò e intanto mi godo la sfida di portare più su possibile il Sassuolo. Non è facile, ma è bello”.

Segui CS anche su Instagram!

Riguardo Martino Cozzi

Appassionato di calcio sin da piccolo. Ha trovato in Canale Sassuolo la redazione su misura per lui nella quale poter coltivare il suo sogno: vivere raccontando il gioco più bello del mondo!

Potrebbe Interessarti

staff fabio grosso sassuolo

Staff di Fabio Grosso: tra novità e conferme. Non c’è Pegolo

Il Sassuolo Calcio ha diramato ufficialmente le notizie riguardo allo staff di Fabio Grosso per …