lunedì , 15 Luglio 2024
inter sassuolo boloca
Foto: sassuolocalcio.it

Boloca si presenta: “La chiamata del Sassuolo è qualcosa che tutti sognano, qui per crescere e imparare”

La nuova stagione è appena cominciata ma il Sassuolo è stato una delle squadre più attive sul mercato. A causa della cessione di Davide Frattesi, il club neroverde è dovuto intervenire per colmare il vuoto lasciato dal centrocampista di Fidene e ha deciso di puntare su Daniel Boloca, reduce dalla vittoria del campionato di Serie B con il Frosinone. Il nuovo centrocampista neroverde si è presentato a Sassuolo Channel.

Leggi anche > Sassuolo Calcio, amichevole di prestigio con il Wolfsburg: i dettagli

La nuova avventura: “Sono contentissimo di essere qui e di vestire i colori neroverde. I miei genitori sono rumeni, ma io sono nato e cresciuto a Chieri, in provincia di Torino. La mia infanzia l’ho passata nel quartiere che si chiama Maddalene. Vengo dalle case popolari, ma i miei genitori non mi hanno mai fatto mancare nulla. Infatti a loro devo tutto quanto, sono stati i primi a credere in me e che mi hanno permesso di giocare a calcio. Tutto il merito è loro”.

Gli inizi: “La prima esperienza l’ho fatta quando avevo nove anni a Chieri. Giocai solo un anno e poi andai al Torino, dove passai solo un anno. Dopo mi trasferì alla Juve, dove sono stato sei anni e sono cresciuto tantissimo. Mi hanno insegnato l’educazione, sono stati dei genitori per me. Anche alla Juve devo tantissimo, per me è stato importante passare la mia infanzia lì. Sono stati anni che mi hanno dato tanto a livello umano. Poi sono andato in prestito al Chieri per un anno e ho giocato in Juniores. Dopo quell’anno ho deciso di andare al Tatran Prešov, che è una squadra slovacca: ho giocato sia in Primavera che in Prima Squadra”.

La scelta di andare in Slovacchia: “L’ho fatta per vedere com’era il mondo al di fuori dell’Italia, per capire nuove culture e tradizione. Per me era importante mettermi in gioco in un’esperienza totalmente diversa”.

La Serie D: “E’ stato un periodo molto formativo. Ripartire dai dilettanti e mettersi in gioco non è mai semplice, ma è una cosa importante: la gavetta ti permette di arrivare pronto quando si riesce a fare il salto di categoria”.

Il direttore Angelozzi: “Lo ringrazierò sempre perché lui è stato il primo a darmi la possibilità nei professionisti. Mi prese allo Spezia durante il Covid, poi non firmai più e quando andò al Frosinone la prima cosa che fece fu portarmi lì con sé. Questa è la dimostrazione che quando trovi le persone giuste che credono in te ti danni una marcia in più”.

daniel boloca intervista
Foto: sassuolocalcio.it

La chiamata dello Spezia: “Ero quasi incredulo, fare un salto di due categorie è qualcosa che uno sogna.  Poter arrivare in Serie B, partendo dai Dilettanti, era qualcosa di inimmaginabile. Ero emozionatissimo. Ci ho sempre sperato e creduto, io ho sempre basato tutto sul duro lavoro e la dedizione”.

L’ultimo anno a Frosinone: “E’ stata un’annata fantastica, che non ci aspettavamo. Con il tempo abbiamo formato una squadra che ci ha permesso di fare qualcosa d’importante. La nostra forza è stata quella della squadra, eravamo tutti uniti e andavamo verso un’unica direzione. Questo ci ha permesso di fare un’annata così”.

La scelta del Sassuolo: “E’ stata semplice. Quando ti arriva una chiamata da una società così importante che valorizza bene i giovani e con strutture importanti, è qualcosa che tutti sognano. Non ho mai esitato nella scelta. Quando ho saputo dell’interessamento ero entusiasta e contento, lo sono tutt’ora. Non vedevo l’ora che la cosa si concretizzasse”. 

I primi giorni di ritiro: “Stanno andando bene. Con i compagni mi sto trovando alla grande, sono tutti disponibili perché ho ancora molto da migliorare. Sono focalizzato nell’imparare il più possibile da loro e nel migliorare, ma anche nel lavorare forte e con dedizione”.

Il Sassuolo: “Mi avevano raccontato di come fosse qua. Di quello che mi immaginavo, c’è molto di più. Non ero abituato a un contesto così professionale e con così tante strutture. Per me è l’ambiente perfetto per poter crescere e migliorare”.

Leggi anche > Mulattieri si presenta: “Nessun dubbio sulla scelta del Sassuolo, ho avuto una bella impressione di Dionsi”

Mister Dionisi: “Mi sta dando tantissime indicazioni e mi sta aiutando nell’inserirmi nella squadra e nella categoria. So di dover migliorare e imparare tantissimo, però mi sta dando una mano e sto cercando di capire il prima possibile per entrare nei meccanismi della squadra”.

Obiettivo stagionale: “E’ quello di pensare giorno dopo giorno, di poter migliorare il più possibile e di fare uno step importante, quello di riuscire a fare la categoria”.

La Nazionale: “La mia prima esperienza è stata in quella rumena, l’ho fatto più per loro. Ho avuto problemi con la lingua perché non lo so parlare e non lo capisco, per questo motivo ho avuto difficoltà nell’inserimento. Quando ho ricevuto la chiamata della Nazionale italiana per lo stage si è realizzato il sogno e quello che desideravo realmente. Mi sento italiano al 100%, la mia scelta è quella di andare nella Nazionale italiana”.

La preparazione estiva: “Ho avuto dimostrazione nell’anno dei dilettanti che quando ho saltato la preparazione ero indietro rispetto agli altri. L’unico anno che l’avevo fatto, poi sono riuscito a mettermi in mostra e fare il salto di due categorie. Penso che la preparazione sia importantissima per poter stare al passo di tutti e potersi mettere in mostra”.

Hobby: “Il mio unico obiettivo era quello di giocare a calcio. Quando ero piccolino, la mia infanzia l’ho passata al campetto rosso che c’era vicino a casa. E’ sempre stato il mio hobby”. 

Segui CS anche su Instagram!

Riguardo Martino Cozzi

Appassionato di calcio sin da piccolo. Ha trovato in Canale Sassuolo la redazione su misura per lui nella quale poter coltivare il suo sogno: vivere raccontando il gioco più bello del mondo!

Potrebbe Interessarti

federico casolari cittadella

Federico Casolari raggiunge il Sassuolo in Serie B: è un nuovo giocatore del Cittadella

Il mondo è fatto a scale, c’è chi scende e c’è chi sale. Il Sassuolo …