domenica , 20 ottobre 2019
Home / Campionato / Verso Roma-Sassuolo, Ricci: “All’Olimpico la gara che sentiamo di più, faremo il nostro gioco”

Verso Roma-Sassuolo, Ricci: “All’Olimpico la gara che sentiamo di più, faremo il nostro gioco”

Federico Ricci è uno dei giocatori con un passato (e forse un futuro) alla Roma, dato che il suo cartellino appartiene alla società capitolina. Ricci è attualmente in neroverde in prestito con diritto di riscatto e controriscatto. Va da sé che la partita di domani sarà per lui qualcosa di speciale.

Intervistato prima della gara, parla così dell’ambiente neroverde: “Sassuolo una piazza più calma di Roma, meno pressioni, una tifoseria diversa e quindi c’è tempo per migliorare e maturare con tranquillità. A Roma magari ci sono più attenzioni, c’è più fretta e cresce così la possibilità di sbagliare, è più difficile migliorare con calma. Questa è una piazza ideale: c’è la societa, e l’allenatore che ti danno fiducia e una piazza diversa che ha richieste opposte a quelle di Roma“.

Parole di stima per Eusebio Di Francesco, anche lui ex romanista: “Il mister è un perfezionista, è attento a tutti i dettagli; cura molto il suo gioco e gli schemi. Se riusciamo a metterli in pratica come vuole lui possiamo davvero fare male a tutti. È un allenatore che lancia i giovani, che sa dare fiducia anche ai ragazzi in linea con la società. È un allenatore con cui puoi migliorare molto“.

Leggi anche > ADJAPONG CONVOCATO PER LA FASE ELITE DELL’EUROPEO UNDER-19

IMG_0851

Quindi, grazie al Difra, si può crescere: “Il suo 4-3-3 è uno schema molto offensivo, anche le pressioni sono sempre legate ad andare a prendere gli avversari e non ad aspettarli, e poi quando hai palla cerchi sempre di verticalizzare, di attaccare la porta il prima possibile“.

La prima stagione con esperienza europea, purtroppo, è andata un po’ storta: “La prima parte della stagione è stata molto dura, avevamo una partita ogni tre giorni, eravamo in pochi a causa di tanti infortuni alcuni pesanti e avevamo poche energie per una competizione importante come l’Europa League. Nel gruppo c’erano tanti giovani, molti alla prima esperienza sia in Europa che in campionato, è stata una bella esperienza che abbiamo onorato fino alla fine. Se avessimo avuto tutta la squadra al completo avremmo potuto fare ancora meglio“.

Federico è passato al Sassuolo dopo aver svolto la preparazione estiva con Spalletti: “È stato molto importante per me perché ho potuto confrontarmi con giocatori di livello mondiale e anche se in poco tempo ho imparato molto da Spalletti. Il mister è simile a Di Francesco, sotto l’aspetto del gioco vuole molto la palla a terra, che si verticalizzi, che si attacchi in profondità. Sicuramente stare con giocatori di quel calibro si migliora sicuramente“.

Leggi anche > SCOMMETTIAMO? QUOTE E PRONOSTICO SU ROMA-SASSUOLO

IMG_1013

L’esordio in serie A è stato con la maglia della Roma, il 1° dicembre 2013: “Non me lo aspettavo, perdevamo 1-0, non pensavo di entrare. Quando il mister Garcia mi ha chiamato ero scosso in principio, ma poi ho cercato di recuperare lucidità e ce l’ho messa tutta in campo. Poi è stato bellissimo pareggiare la partita con Strootman. Me lo ricorderò per sempre, ho esordito nella massima serie, con la maglia della Roma… è il sogno di tutti i ragazzini“.

Accanto a lui, sempre suo fratello gemello Matteo: “Ci sentiamo ogni giorno. Ci confrontiamo, ci sfoghiamo quando le cose non vanno e ci sproniamo a dare sempre meglio. È una figura importantissima per me e aver giocato insieme nel settore giovanile è stato un grande supporto. Per me ai tempi era normale, ma oggi mi accorgo che non capita a tutti. È stato bello“.

Domenica, dunque, scontro con la squadra che lo ha fatto crescere: “La Roma vorrà fare sicuramente risultato. Vorranno avere il pallino del gioco. Sono una squadra fortissima. Noi verremo a Roma come chiede il mister, senza paura, cercheremo di fare il nostro gioco e sarà una bella partita, aperta tra due squadra che vogliono giocare”.

A Sassuolo gli ex giallorossi sono addirittura sette, otto se si conta il mister: “Quella di domenica è la gara che sentiamo di più anche se la partita dopo c’è la Lazio… È bello, emozionante e ci teniamo a fare bene“.

Leggi anche > ROMA-SASSUOLO: LA PARTITA DEGLI OTTO EX

ricci_gol

credits: asroma.com

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

Il Tabellino di Sassuolo-Inter 3-4: sconfitti, ma a testa alta

Fosse durata dieci minuti in più, il Sassuolo avrebbe potuto portare a casa anche un …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi