domenica , 23 Giugno 2024
Felice Tufano
Felice Tufano (foto: Alberto Benaglia)

Tufano: “Sassuolo ambiente ideale, soddisfatto della mia Under 17”

Arrivato in estate dopo l’esperienza con l’Under 17 della Juventus, Felice Tufano ha preso la guida degli ex Allievi Lega Pro di Pensalfini e ne ha fatto una squadra competitiva, attualmente al secondo posto nel girone A alle spalle del solo Spezia. Tufano, per la 13esima puntata di Flash Neroverdi, è stato intervistato da SassuoloChannel: ecco le sue parole sulla nuova esperienza che lo sta vedendo protagonista:

Sassuolo? Mi sto trovando benissimo, è l’ambiente ideale per far crescere i ragazzi come calciatori. Sono molto soddisfatto, indipendentemente dalla classifica e dai risultati. Gruppo? I ragazzi si sono messi fin da subito a disposizione per tutto il collettivo, stanno migliorando tantissimo; c’è anche da dire che erano preparati bene. Per questi ragazzi, questa è una stagione estremamente importante, in quanto si conclude il loro percorso nel settore giovanile; dall’anno prossimo, ognuno di loro diventerà un giovane adulto”.

LEGGI ANCHE > NICHOLAS PIERINI: “GIRONE B? POSSIAMO ARRIVARE TRA LE PRIME DUE”

Singoli? E’ un gruppo con qualche profilo interessante, ma parlare a questa età di singoli è difficile, ma soprattutto questo tipo di discorsi non giova alla crescita dei ragazzi. Senza collettivo, non crescono i singoli: questa Under 17 è un ottimo collettivo e, di conseguenza, anche i singoli si fanno notare. L‘obiettivo di un settore giovanile, però, è quello di portare ogni giocatore, nessuno escluso, al massimo delle proprie potenzialità: sarà il futuro a stabilire la loro categoria”.

Felice Tufano
Felice Tufano (foto: Alberto Benaglia)

 

Credo che il lavoro paghi sempre: chiedo sempre le solite cose, l’importante è stare sempre sul pezzo e applicarsi. La vittoria è importante a livello di mentalità, è ovvio che non si può vincerle tutte: per stare nel calcio dei grandi, si può raggiungere qualsiasi obiettivo solo con una buona mentalità di base. E’ una componente del nostro lavoro: ci permette di scendere in campo e giocarcela contro tutti. Juventus? E’ stato bello incontrare nuovamente lo staff della passata stagione, mi hanno accolto benissimo; ho passato due anni molto intensi in bianconero”.

Ruolo dell’allenatore? Porto come esempio i fratelli Zampano: in pochi li consideravano perché erano indietro nel percorso di crescita, ora giocano entrambi in Serie A. Parlare di giovani talenti è semplice; è molto più utile, invece, per chi fa questo mestiere, portare nello spogliatoio storie di giocatori poco considerati che, però, hanno fatto ugualmente strada. Sampdoria-Sassuolo? La prima squadra deve rialzarsi in campionato, la Samp sta giocando molto bene dopo un inizio stentato. Giampaolo è un tecnico che stimo molto, ha un metodo di lavoro che apprezzo particolarmente. Mi aspetto una bella gara, entrambe le squadre sanno giocare a calcio.

Riguardo Gabriele Boscagli

Deluso dalle big fin dalla giovanissima età, si è affezionato al Sassuolo e non lo ha più lasciato. In redazione è il pilastro del settore giovanile.

Potrebbe Interessarti

neri dopo sassuolo reggiana

Under 17, Neri dopo Sassuolo-Monza 0-1: “I ragazzi non meritavano di uscire”

Stagione finita per il Sassuolo Under 17, che viene superato di misura dal Monza nel …