martedì , 23 Aprile 2024
uros racic editoriale
foto: sassuolocalcio.it

Sassuolo, su Uros Racic ci eravamo sbagliati tutti

Sabato scorso, il Sassuolo è tornato alla vittoria piegando il Frosinone al Mapei Stadium: il primo successo della (breve) era Ballardini ha portato i neroverdi a quota 23 punti. Si è parlato estensivamente di ciò che il Sassuolo dovrà e non dovrà fare in queste ultime 10 partite di campionato e più o meno tutti i punti all’ordine del giorno vertono su un’unica questione: essere più pragmatici, andare al punto e a punti. Il Sassuolo non ha molti giocatori “asciutti”, che badano al sodo e siano al contempo abituati a lottare per la salvezza: uno di questi però è sicuramente Uros Racic.

Arrivato dal Valencia tra mille critiche, Racic non si è mai ritagliato spazio durante l’era Dionisi che, anche in assenza di Boloca, gli ha spesso preferito Lipani. Il motivo è anche tattico: Dionisi ha sempre giocato a due mediani, mentre con Bigica e Ballardini si è passati ad una mediana più folta, con fulcro proprio nel serbo. A Racic si è spesso affibbiato l’appellativo di giocatore scarso, o svogliato, più in associazione all’ex compagno al Valencia Castillejo che per un reale motivo. Ma il serbo è uno dei giocatori che più determineranno le sorti del Sassuolo in ottica salvezza.

uros racic editoriale
foto: sassuolocalcio.it

Racic risponde a tutte quelle necessità di cui ha bisogno il Sassuolo in questo momento: è un giocatore solido, una diga davanti alla difesa che non si perde in virtuosismi palla a terra. Non sente la pressione e sbaglia poco: con il Frosinone ha avuto l’85% di passaggi riusciti, 41 in numero assoluto e 25 giocati in avanti. Che non sono niente rispetto ai 90/100 passaggi a partita a cui ci hanno abituato i vari Lopez e Locatelli, ma erano altri tempi e questi due dati – 41 passaggi di cui 25 in avanti – sono ugualmente i più alti tra i giocatori scesi in campo.

Inoltre, Racic ha la licenza per portarsi fino agli ultimi 20/25 metri per mettere i compagni davanti porta – Thor ringrazia – oppure per scoccare tiri in prima persona, come contro il Napoli. Proprio su quest’ultimo aspetto il Sassuolo dovrà fare maggiore affidamento: negli anni i neroverdi sono stati abituati ad entrare in porta con il pallone e hanno continuato a provarci anche adesso che la qualità negli interpreti davanti si è abbassata. Andare al tiro dalla distanza dà una soluzione in più per tutte quelle situazioni di stallo dove la squadra avversaria è ben piazzata.

Su Uros Racic ci eravamo sbagliati tutti. Magari non diventerà un giocatore-progetto o uno di quei gioielli da vendere a peso d’oro: il suo apporto è più situazionale che altro, ma adesso siamo esattamente nella situazione in cui Racic può dire la propria.

Segui CS anche su Instagram!

Riguardo Gabriele Boscagli

Deluso dalle big fin dalla giovanissima età, si è affezionato al Sassuolo e non lo ha più lasciato. In redazione è il pilastro del settore giovanile.

Potrebbe Interessarti

Sassuolo-Lecce 0-3

Sassuolo-Lecce 0-3: niente alibi, potrebbe essere troppo tardi

Sassuolo-Lecce 0-3. Male, malissimo. Una sfida che non doveva finire così. Anzi. Non sarebbe mai …