mercoledì , 21 Febbraio 2024
dionisi dopo empoli sassuolo
foto: sassuolocalcio.it

Sassuolo-Fiorentina 1-0, Dionisi: “Non ero sicuro di vincere, ma che avremmo fatto una partita così”

Alessio Dionisi ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine di Sassuolo-Fiorentina 1-0: “Consigli è il leader, sarebbe il capitano. Poi Ferrari lo fa, ha esperienza, è qui da anni. Ho scelto così perché ha più presenze con il Sassuolo. Poi il giocatore di movimento ha più tempo per parlare con l’arbitro e più facilità. Il rigore? Preferisco non esprimermi, saltare con le braccia lungo il corpo è impossibile, capisco le discussioni, che si possa dare ma concettualmente – per chi ha giocato a calcio a qualsiasi livelli – non è possibile saltare in maniera diversa. Prima del Var si discuteva, c’erano dibattiti sui rigori per i falli di mano in area. Difficile trovare una regola definitiva, la prossima volta Ferrari salterà più basso e non andrà al contrasto“.

Poi aggiunge: “I ragazzi sono stati bravi, la Fiorentina attacca con tanti giocatori, alza più la palla. Non volevamo abbassare tanto gli esterni, volevamo attaccare con qualità ma abbiamo sbagliato qualche transizione che poteva essere decisiva. Dopo l’1-0 si è aperto il campo, avevamo contro una squadra di qualità, con fiducia, con i cambi. Non ero sicuro di vincere, ma che avremmo fatto una partita… Come stiamo facendo da tempo. Poi perdiamo, vengo qui e dico che abbiamo fatto una partita buona… Gli episodi hanno determinato: se Consigli non para il rigore forse la perdiamo, se non ci annullano il secondo gol la vinciamo“.

Si chiude il girone di andata: “Già ora si insegue una cosa più grande di noi, non c’è. Alla diciannovesima partita abbiamo chiuso a diciannove punti, speravo di arrivare a venti ma per ora è un buon bottino. Un gol di Pinamonti ha determinato la vittoria, è una cosa importante. Ci sono tante cose positive, ma c’erano anche nelle partite precedenti. Se giochi in 10 con la Roma, in 10 con il Cagliari, poi prendi gol al novantanovesimo… Due partite le hai giocate senza Berardi, non siamo la Fiorentina che abbiamo ricambi di pari livello“.

La squadra mantiene i soliti problemi: “Di solito andare in vantaggio e poi fare il secondo ti dà le sicurezze. Ora facciamo un gol e cerchiamo di difenderci, non dovrebbe succedere ma non è facile per il percorso che stiamo facendo. Non riuscire a finalizzare tutto quanto creiamo perché abbiamo, magari, qualcuno meno efficace e deve crescere. Io lo sapevo, qualcuno lo capisce durante perché in base ai risultati ci si aggiusta. È normale, se investi sui giovani ci può stare che qualcuno abbia bisogno di tempo, la Serie A non ti aspetta. Io sono molto fiducioso per il nostro obiettivo. Io so qual è, cioè confermarci in Serie A. Poi cercheremo di ottenere qualcosa in più, poi bisogna anche pensare che oggi c’erano 6000 fiorentini, eravamo fuori casa. Prima c’era lo stadio vuoto ed è chiaro che ambientalmente cambia tutto“.

Segui CS anche su Threads!

Riguardo Giuseppe Guarino

Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

sassuolo empoli in tv

Sassuolo-Empoli in tv: dove vederla, info streaming e telecronisti

Dove vedere in tv Sassuolo-Empoli, sfida valida per la 26^ giornata della Serie A 2023/2024, …