venerdì , 23 aprile 2021
Home / Coppa Italia / Sassuolo-Cesena 1-2: fuori dalla Tim Cup per quattro minuti di leggerezza
foto: ansa

Sassuolo-Cesena 1-2: fuori dalla Tim Cup per quattro minuti di leggerezza

Mai sottovalutare l’avversario. Si tratta di una regola d’oro della quale bisognerebbe più volte fare tesoro. Specie quando si tende a subire rimonte. Ogni volta che il Sassuolo sembra aver imparato la lezione qualcosa va storto. E stavolta gli uomini di Di Francesco pagano un prezzo alto, ritrovandosi fuori dalla Coppa Italia dopo soltanto una partita giocata.

Il Cesena è stato capace di eliminare, di fila, Arezzo, Ternana, Empoli e Sassuolo. I romagnoli sono una squadra che nel campionato di B sta stentando e che lotta per non retrocedere in Lega Pro, che in trasferta non vinceva dal 29 novembre: guarda caso quando espugnò a sorpresa il Castellani, mandando a casa un’altra squadra di serie A.

Leggi anche > POST SASSUOLO-CESENA, DI FRANCESCO: “PERSO PER DEMERITI NOSTRI”

foto: ansa
foto: ansa

Il Sassuolo si trova in vantaggio dopo solo quattro minuti. Da calcio d’angolo, Agazzi respinge un tiro di Politano, ma Pellegrini è lì, rapace, e la mette in rete. Poi, sembra ordinaria amministrazione. E invece no. Il Cesena ci prova e Antei tocca il debuttante Cocco in area: rigore per il Cesena. Forse l’attaccante bianconero aveva accentuato la caduta e sul penalty resta più d’un dubbio. Ma il calcio non si fa con i “forse” e dal dischetto Ciano non sbaglia.

Ma se una cosa va male, può andare anche peggio e, all’85’, tocca all’ex di turno: pescato da Balzano, Karim Laribi insacca Pegolo e porta i romagnoli in vantaggio. Quattro fatali minuti di leggerezza. Signore e signori, il pronostico era sbagliato: ai quarti ci va il Cesena.

Leggi anche > LE PAGELLE DI SASSUOLO-CESENA: ALTRA RIMONTA SUBITA

foto: ansa
foto: ansa

Pegolo, purtroppo, ha subito due gol senza poter far nulla, dopo una partita trascorsa senza alcuna parata. Spento Defrel, che aveva sostituito un Iemmello particolarmente sprecone. Maluccio anche Ragusa e Adjapong, mentre il giovane Dell’Orco si è dimostrato capace di alternare qualità ed imprecisione fatale.

Intanto è finita così. Tutto male, sembra. Fuori dalla Coppa Italia, ora bisogna concentrarsi solo e soltanto sul campionato. Risalire quella dannata classifica il più possibile e mettere a tacere tutte le perplessità che, di volta in volta, non stentano ad emergere.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

finale coppa italia mapei stadium

La finale di Coppa Italia si disputerà al Mapei Stadium

Dopo 12 anni, la finale di Coppa Italia non si disputerà più allo Stadio Olimpico …