giovedì , 26 novembre 2020
Home / Coppa Italia / Sassuolo-Athletic Bilbao: non poteva andare meglio di così
foto: sportmediaset.it

Sassuolo-Athletic Bilbao: non poteva andare meglio di così

Esordio europeo fatato per il Sassuolo: non poteva andare meglio di così. Uno straripante 3 a 0 ha travolto i leoni baschi dell’Athletic Club de Bilbao, trasformando in una bolgia quella che era già una festa.

Un grande giorno per il Sassuolo, considerando anche che – insieme al Napoli – è stata l’unica italiana a vincere alla prima europea della stagione, dati i pareggi di Juventus, Roma e Fiorentina e il flop a San Siro dell’Inter di De Boer.

L’idea vincente del team emiliano, che con umiltà si è imposto contro una squadra di lunga tradizione europea, è imperniata su una determinazione fuori dal comune e una concentrazione da manuale. Il collettivo ha retto in solidità e ha dimostrato che si può pungere e far male anche senza Berardi (e Missiroli e Gazzola).

Leggi anche > DEFREL DOPO SASSUOLO-ATHLETIC BILBAO: “BENE COSÌ MA LA STRADA È LUNGA”

Pol Lirola
Pol Lirola (foto: repubblica.it)

Eppure all’inizio, con gli spagnoli che avevano lasciato in panchina il loro bomber Aduriz, il rojiblanco Beñat ha fatto paura almeno un paio di volte alla difesa neroverde. Bravi Consigli e tutta la retroguardia a non farsi prendere alla sprovvista e a dimostrare di non essere un avversario da prendere sottogamba.

Tanto è vero che Valverde ha dovuto mettere dentro i rinforzi, Susaeta e lo stesso Aduriz, per tentare di alzare il baricentro e prendere in mano la situazione. Nulla da fare. Ci ha pensato lo spagnolo Lirola, che si è inventato un’azione impossibile, facendo fuori tre avversari e infilando sicuro in rete all’esordio da titolare.

Paura e confusione per i baschi, che da quel momento hanno perso lucidità aprendosi, sbilanciandosi, talvolta barcollando: Defrel ha dunque sfruttato un retropassaggio malriuscito di San José, infilandosi con un guizzo e mettendo a segno il gol del raddoppio, senza contare poi la sponda per Politano che di piatto ha insaccato di precisione anche la terza rete.

Leggi anche > SASSUOLO-ATHLETIC BILBAO: LA STAMPA SPAGNOLA CELEBRA IL TRIONFO NEROVERDE

foto: sportmediaset.it
foto: sportmediaset.it

Soluzioni non particolarmente innovative ma coraggiose, quelle che hanno portato alla vittoria, tenendo conto che senza un punto di riferimento importante come Missiroli – piuttosto che Berardi – certi equilibri rischiavano di saltare. Avere in campo cinque undicesimi sotto i 24 anni è un valore aggiunto dal sapore di una scommessa, anche questa vinta senza ombra di dubbio.

Mentre a Torino, Milano, Roma e Firenze già ci si interroga su cosa ci sia che non va, a Sassuolo si festeggia una vittoria già storica. Ma ora non bisogna montarsi la testa e, portati a casa i primi tre punti, c’è già da pensare alla prossima: il 29 settembre si va in Belgio ad affrontare un Genk che ieri a Vienna è stato sconfitto dopo essere passato in vantaggio per primo.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

Enrico Brignola

Coppa Italia, Brignola chiama il Sassuolo: “Sarà una partita importantissima”

Con un 2-0 ai danni del Monza, la SPAL ha passato i sedicesimi di finale …