sabato , 8 maggio 2021
Home / Notizie Neroverdi / Raspadori alla Gazzetta: “De Zerbi chiede completezza e malizia. Il pulmino? Mai stato un sacrificio”
raspadori alla gazzetta
foto: Getty

Raspadori alla Gazzetta: “De Zerbi chiede completezza e malizia. Il pulmino? Mai stato un sacrificio”

Il nome di Giacomo Raspadori è ormai sulla bocca di tutti: a due giorni dalla doppietta di San Siro che ha ribaltato il Milan, coincisa con il suo quinto e sesto gol assoluto in Serie A, l’attaccante bolognese è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport. L’intervista, che potete trovare nell’edizione odierna della Rosea in forma integrale, spazia dai primi mesi in maglia neroverde, dopo il trasferimento dal Progresso, fino alle aspettative per il futuro.

Sui viaggi in pulmino da Castel Maggiore a Bologna: “Mi accompagnavano mamma Roberta o nonno Giorgio. Il tragitto non era breve, ma non è mai stato un sacrificio: la passione era ed è enorme. Durante i viaggi, il sogno più ricorrente era proprio quello di diventare un calciatore: il resto veniva di conseguenza”.

Sulla doppietta contro il Milan: “Non ne ho sognate mica tante, di doppiette, in quei viaggi in pulmino. E’ una cosa talmente grande che la sogni raramente. Sono davvero felice, anche perché il Sassuolo ha vinto. Il secondo gol è un movimento tipico di Aguero, mi piace molto il suo modo di giocare con la squadra. Mi ispiro sia a lui, ma anche a Tevez e Di Natale. Mister De Zerbi mi ripete spesso che la completezza è importante: bisogna saper fare un po’ di tutto in campo”.

Leggi anche > PUCCETTI: “RASPADORI UN LEADER GIA’ A 10 ANNI”

Sull’essere ambidestro: “Vi racconto il mio segreto: da piccolo ero tutto mancino, anche nella scrittura. Mio fratello Enrico, più grande di me, era invece destro e non sopportavo questa differenza, così ho iniziato ad imitarlo. Adesso scrivo con la destra e calcio con entrambi i piedi: è un vantaggio anche nello smarcamento, perché il difensore non può intuire dove deciderò di andare. I rigori li ho quasi sempre tirati di destro, ma ora mi sto allenando a batterli di sinistro. Dovrò ringraziare per sempre mio fratello per questa qualità: è una persona importantissima ed è il primo con cui parlo dopo le partite”.

Sulla malizia sportiva: “De Zerbi vuole che io sia più malizioso: il mister è stato eccezionale con me, mi ha dato fiducia anche quando giocavo poco. A San Siro mi ha abbracciato e fatto i complimenti: ho la fortuna di essere allenato da lui e di passare giornate intere con gente come Berardi, Caputo e i tanti altri grandi giocatori del Sassuolo. Con intelligenza, il tuo bagaglio si arricchisce in fretta. Sfide con Berardi? Punizioni, tiri da fuori, di tutto… A volte vince lui, a volte io”.

cies under 21
foto: sassuolocalcio.it

Sugli studi: “A Bologna avevo iniziato il Liceo delle Scienze Umane, a Sassuolo non c’era e allora ho preso il diploma allo Scientifico. Ho continuato a studiare all’università e mi sono iscritto alla Facoltà di Scienze Motorie: ho dato tre esami finora. Lo studio è molto importante”.

Sull’ottavo posto: “Sarebbe uno splendido risultato arrivarci per il secondo anno di fila, siamo stati bravi a superare il periodo di crisi ad inizio anno. Non ci accontenteremo e chiuderemo al massimo la stagione”.

Sulla Nazionale Under 21: “Siamo un grande gruppo, non partiremo da favoriti ma proveremo a vincere l’Europeo. Vedremo cosa succederà, dando il massimo come sempre. Kean? Sarebbe bellissimo ritrovarlo in Nazionale, per ora abbiamo giocato insieme solo una volta in Under 17. Moise è veramente forte, e poi siamo complementari”.

Se prendessi ora il pulmino?: “I sogni ce li ho, ma li tengo per me. Penso solo ad andare avanti per la mia strada. Il gol è come fare il pieno di benzina: ti ricarica e ti fa andare a mille. Sono fortunato perché anche durante la pandemia ho potuto continuare a fare quello che mi piace. I bambini, invece, sono rimasti in casa per tanto tempo, ingabbiando la loro passione per lo sport: hanno bisogno di normalità e spero che questo sogno si avveri presto”.

Leggi anche > RASPADORI IL MIGLIOR ITALIANO DELLA 32^ GIORNATA SECONDO I MEDIA

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Gabriele Boscagli

Gabriele Boscagli
Appassionato di calcio, ha deciso di condividere la passione per il Sassuolo con noi di Canale Sassuolo. In redazione è il pilastro del settore giovanile. Per contattarmi scrivere a settoregiovanile@canalesassuolo.it

Potrebbe Interessarti

spalletti sassuolo

Sassuolo, visita di Luciano Spalletti alla squadra nella giornata di mercoledì

E’ passata sotto traccia, la visita di Luciano Spalletti al Mapei Football Center di Sassuolo …