venerdì , 19 Aprile 2024
Ryan Flamingo prestiti
foto: Andrea Vignoli per sassuolocalcio.it

Petizione per far esordire Ryan Flamingo in Serie A prima di fine stagione

Si è parlato spesso – lo abbiamo fatto anche noi – dell’annoso problema del Sassuolo con i difensori, ancora rimasto irrisolto. E si è parlato anche di avere più coraggio nel lanciare i giovani in prima squadra, a maggior ragione dopo la seconda eliminazione di fila alle qualificazioni Mondiali. Ryan Flamingo è olandese, certo, e il suo exploit non interessa la Nazionale azzurra; ma è pur sempre un classe 2002, diciannove anni compiuti lo scorso dicembre. Giovane sì, ma non giovanissimo per il salto nei grandi: parliamo di un fuoriquota in Primavera. Vengono i brividi se pensiamo che Pietro Pellegri, un solo anno in più di lui, sabato ha ritrovato il gol in Serie A quasi cinque anni dopo quel sigillo all’Olimpico nel giorno dell’addio al calcio di Francesco Totti.

Ryan Flamingo è approdato a Sassuolo nel mercato invernale di gennaio 2021 dall’Almere, decidendo di proseguire la propria carriera in Italia con l’espressa intenzione di arrivare in prima squadra. Oltre che per migliorare nella tecnica difensiva, nella patria dei difensori. In Olanda non riusciva a trovare posto, anche a causa del Covid che lui stesso ha contratto e che gli ha causato complicazioni fisiche per tornare in forma. Nel primo semestre in neroverde, Flamingo è subito riuscito a diventare un titolare inamovibile, al fianco di Stefano Piccinini che ha senz’altro contribuito al suo ambientamento e alla sua crescita.

diretta sassuolo roma primavera
Ryan Flamingo esulta dopo un gol in Sassuolo-Inter 3-3 della stagione 2020/2021 (foto: sassuolocalcio.it)

Da quest’anno, invece, il nativo di Blaricum ha spiccato il volo per conto proprio: 27 presenze e ben 12 gol, sei su azione e sei su rigore. Una cifra esorbitante per un difensore centrale: una cifra che lo issa al sesto posto nella classifica marcatori del Primavera 1. Flamingo ha una propensione naturale ad offendere, e lo stesso Bigica ai nostri microfoni ha detto che deve tenere a mente di essere un difensore, e di tenersi a freno in certe sortite. Aggiungendo però che è uno dei tre migliori difensori della categoria e che potrà trovare il suo posto nel mondo del calcio.

Ma sarebbe riduttivo parlare di Flamingo solo come l’uomo-gol del Sassuolo. Parliamo di un centrale di destra molto educato con i piedi, affidabile tanto in impostazione quanto nei duelli aerei. L’olandese conosce già quelle malizie che un difensore navigato usa per sfilare palla all’attaccante – dettagli che gli faranno molto comodo in carriera – e conosce altrettanto bene i ritmi di gioco. Flamingo è sempre il primo a velocizzare l’azione, a cercare lo spiraglio per verticalizzare e, banalmente, è anche uno dei giocatori con più fame di vittoria nella squadra. Non sorprende che, in partita, Bigica abbia sempre meno indicazioni per lui.

Segui CS anche su Instagram!

A gennaio, quando Dionisi convocò numerosi ragazzi della Primavera come Aucelli, Mata, Kumi, Paz, Pieragnolo e Samele, Flamingo non venne chiamato. L’emergenza allora era sulle fasce e a centrocampo, e vennero convocati giocatori funzionali a ricoprire certe zone del campo. Prima di fine stagione, a maggior ragione con l’obiettivo salvezza già raggiunto e con l’Europa ormai lontana, non è affatto improbabile che mister Dionisi gli conceda la convocazione e, perché no, anche l’esordio in Serie A: sarebbe il giusto riconoscimento per un giocatore che sta facendo le fortune della Primavera e in futuro, si spera, anche quelle del Sassuolo.

Ryan Flamingo
foto: sassuolocalcio.it

Riguardo Gabriele Boscagli

Deluso dalle big fin dalla giovanissima età, si è affezionato al Sassuolo e non lo ha più lasciato. In redazione è il pilastro del settore giovanile.

Potrebbe Interessarti

sassuolo esports

Sassuolo eSports, finisce l’avventura nella eSerie A TIM 2024

Il Sassuolo eSports è stato ufficialmente eliminato dalla eSerie A TIM 2024: il club neroverde, …