domenica , 25 ottobre 2020
Home / Settore Giovanile Sassuolo / Under 18 Sassuolo / Paolo Bianco: “Lavoriamo sulle lacune e non sui risultati”
Paolo Bianco
foto: Alberto Benaglia

Paolo Bianco: “Lavoriamo sulle lacune e non sui risultati”

Dopo il ritiro dall’attività agonistica, avvenuto nel 2015, Paolo Bianco si è cimentato nella nuova esperienza da allenatore: prima un anno da vice di Mandelli in Primavera, poi l’incarico da tecnico della neonata formazione Berretti. L’ex difensore centrale foggiano è stato intervistato da SassuoloChannel per la 19esima puntata di Flash Neroverdi: ecco le sue dichiarazioni in merito a questa nuova esperienza.

“Il bilancio parziale è senz’altro positivo: la squadra ha investito soldi nella creazione di questa nuova squadra, ma lo ha fatto con l’intento di migliorare i ragazzi. Speriamo di arrivare a fine anno con una crescita costante. Nello sviluppo di una squadra giovanile bisogna mettere in conto gli alti e bassi: sono fisiologici in questa fase di crescita, a detta anche di chi ha più esperienza di me nei vivai. Abbiamo ricominciato a correre dopo un periodo di appannamento; da questi ragazzi possiamo aspettarci di tutto, sia nel bene che purtroppo nel male. Noi allenatori abbiamo il compito di indirizzarli nella strada giusta“.

Paolo Bianco
Paolo Bianco (foto: Alberto Benaglia)

 

Obiettivo? Non perseguiamo la vittoria come traguardo primario: dobbiamo prima andare a lavorare sulle lacune di ogni singolo giocatore. E’ chiaro che una vittoria ha una sua utilità: i ragazzi acquisiscono autostima ma soprattutto l’ambiente ne risente positivamente, si ha più tranquillità per lavorare e il gruppo recepisce meglio ciò che gli viene detto. Gli allenatori delle giovanili devono mantenere un profilo equilibrato e non lasciarsi influenzare da vittorie o sconfitte. A fine stagione, mi riterrò soddisfatto se riuscirò ad intervenire, a livello individuale e collettivo, e migliorare il gruppo, sia dal punto di vista tecnico che tattico. Pareggio a Napoli come nel 2013? E’ una partita che non dimenticherò mai, è un ricordo indelebile del primo punto in Serie A nella storia del Sassuolo. Al di là degli avversari, non potrò mai scordare il sudore versato da me e dai miei compagni in quel match. Cannavaro? Mi sono emozionato alla visione del video che lo raffigura sotto la curva del Napoli. Per il mio ritiro i miei compagni mi hanno riservato una sorpresa che non mi aspettavo. Magnanelli? E’ un rapporto destinato a durare, a prescindere dai nostri impieghi futuri”.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Gabriele Boscagli

Gabriele Boscagli
Appassionato di calcio, ha deciso di condividere la passione per il Sassuolo con noi di Canale Sassuolo. In redazione è il pilastro del settore giovanile. Per contattarmi scrivere a settoregiovanile@canalesassuolo.it

Potrebbe Interessarti

Filippo Pensalfini

Sassuolo Under 18: successo per 3-0 del Genoa al Begato 9

Battuta d’arresto per il Sassuolo Under 18, che cade per 3-0 in casa del Genoa: …