domenica , 27 Novembre 2022
gyasi boga
foto: acspezia.com

Non è più domenica – L’Inter non passa a Bergamo e il Milan perde in casa, un segnale che si riaprono i giochi?

articolo di Giovanni Pio Marenna

Si rimescolano le carte? Non più di tanto. L’Inter fermata a Bergamo, da un’Atalanta mancante di tanti suoi effettivi decisivi, ha guadagnato 2 punti sul Milan domato dallo Spezia al 96’. Il Napoli vince senza tante fatiche ercoliane a Bologna e ritrova Osimhen, apparso in buona forma fisica e di grinta, ma è ancora a 4 punti dalla squadra di Inzaghi, che deve recuperare la partita contro il Bologna. La Juventus, che ha anche le sue rogne tra Dybala (in partenza o in fase di ingrassamento del proprio ingaggio?) e Allegri non pienamente apprezzato anche da parte della tifoseria, sbarazzandosi dell’Udinese è arrivata ad un solo punto dall’Atalanta, anch’essa con una partita in meno, che sarà tutt’altro che semplice.

Leggi anche > BASTA ARRIMPICARSI SUGLI SPECCHI: IL SASSUOLO HA UN PROBLEMA IN DIFESA

La Fiorentina di Italiano sta dando del filo da torcere a chiunque, seppur fin qui le sconfitte sono state comunque 8. Si rimescolano le carte, dunque? Proviamo a fare un esempio contemporaneo: avete presente l’eruzione del vulcano Hunga Tonga che ha spazzato via sé stesso, l’isoletta su cui era poggiato e speriamo il meno vittime possibile? L’Inter, forse, non ha ancora raggiunto quel livello di forza e di dominio, ma se dovesse fare piazza pulita dei 3 punti a Bologna, avrebbe la mano migliore di tutte per fare terra bruciata dei diretti avversari: sarebbero 5 punti sul Milan, che ne ha perse 4, e 7 sul Napoli, che pure 4 sconfitte ha subito, rispetto all’unica disfatta subita dai nerazzurri, quella contro la Lazio. In quel caso gli scontri diretti sarebbero decisivi. Se invece il vulcano dovesse deflagrare sarebbe complicato riprendere la situazione.

Al contrario, invece, se si dovesse avviare ad una inaspettata implosione, dovuta ad una crisi di prestazioni e di realizzazioni, tutto si riaprirebbe. E persino Atalanta e Juventus potrebbero tornare a dire la loro nella lotta al titolo. E intanto, alle spalle di Roma e Lazio, Torino e Verona stanno confermando stabilità e continuità nel gioco, nelle prestazioni, negli assetti tecnico-tattici e nei risultati. Non è assolutamente un caso che i granata di Juric, che certamente non è un difensivista all’italiana, abbia finora preso meno gol di Milan, Atalanta e Juventus, e che gli scaligeri di Tudor abbiano l’attacco migliore di Napoli e Juventus. Rimaneggiata nel reparto offensivo, la prima, ancora ingarbugliata come un cubo di Rubik la seconda. Ma, in tutta onestà, quanti di voi avrebbero scommesso mezzo euro sul, fin qui, decimo posto di Simeone e compagni? Segnali di cambiamento nelle prime file della griglia assolutamente piacevoli. E, per certi versi, anche necessari.

Seguici anche su Instagram

foto: legaseriea.it

 

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Redazione

La redazione di Canale Sassuolo è costantemente al lavoro per fornirvi informazioni in tempo reale riguardo al Sassuolo Calcio.

Potrebbe Interessarti

Non è più domenica – Inseguendo il caterpillar Napoli, padrone del proprio destino….

articolo di Giovanni Pio Marenna E adesso che siamo al giro di boa chiamato Mondiale …