martedì , 23 Aprile 2024
diretta sassuolo lazio
foto: sassuolocalcio.it

Matheus Henrique: “Il Sassuolo ha la mentalità da grande squadra, devo molto a mister Dionisi”

Matheus Henrique, centrocampista brasiliano del Sassuolo, ha rilasciato un’intervista a Nero&Verde, programma tv settimanale in onda su TRC e Telereggio: “Sono contento di essere arrivato qua dal Gremio. Sin dal primo giorno mi sono sentito molto bene, tutto lo staff e i miei compagni sono sempre molto gentili con me. Così è più facile adattarsi: ci metti meno a imparare la lingua e a conoscere la città. Questa è una cosa diversa rispetto agli altri posti in Brasile. Mi sento molto bene qui al Sassuolo”.

Leggi anche > Sassuolo, Giorgio Squinzi nominato “TILE PERSON OF THE YEAR” 

Dalla favela fino al Sassuolo: “Ho sempre avuto il sogno del calciatore. Sono uscito dalla favela a tredici anni e sono andato al Gremio, una città lontana dove ho fatto cose grandi guadagnandomi la Nazionale e giocando le Olimpiadi. Inoltre, ho anche vinto uno scudetto, mentre adesso sono qui al Sassuolo. Mi aspetto di poter fare come ho fatto al Gremio, ovvero trovare cose grandi”.

Vestire la maglia della Nazionale A del Brasile o la medaglia d’oro alle Olimpiadi, qual è stata l’emozione migliore?
“Difficile, entrambe sono belle. Ma penso che la più bella sia la maglia della Nazionale perché ci giocano giocatori di alto livello come Neymar, Thiago Silva e Marquinho. L’esperienza di Tokio è stata molto bella, con giocatori già consacrati che hanno giocato in Italia, come Dani Alves che era il nostro capitano. I giochi olimpici sono un bel campionato, la medaglia d’oro era il nostro obiettivo principale ed è stata una soddisfazione averla vinta”.

A chi ti ispiri? 
“Iniesta mi piace tantissimo perché ha qualità e caratteristiche simili al mio gioco. Non è che io sono come lui, perché lui è troppo bravo, ma è un giocatore che guardo sempre perché ha fatto grandi cose nel calcio”. 

Il tuo rapporto con Dionisi: “Parla sempre con me e mi dice cosa devo fare in mezzo al campo. Con lui ho già giocato sia mezz’ala, a due che come play davanti alla difesa, ma devo solo ringraziarlo perché mi aiuta sempre. Sia lui che tutto lo staff mi aiutano molto”.

La vittoria con il Milan: “E’ una partita che non dimenticherò mai, nemmeno tra quindici anni. Abbiamo giocato in uno stadio bello come San Siro con tutti i tifosi del Milan e abbiamo fatto una partita epica. Abbiamo vinto 3-1 e ho fatto un assist a Berardi. Non la dimenticherò mai”.

Cosa può fare il Sassuolo da qui fino a fine stagione?
“Penso che a fine stagione potremo essere più avanti rispetto a dove siamo adesso. Abbiamo le qualità per arrivare in Europa perché abbiamo una squadra forte dove ci sono volontà e mentalità”.

I tuoi obiettivi personali da qui a fine stagione?
“Penso sempre prima alla squadra: se la squadra sta bene, io sto bene e faccio di tutto per aiutare. La nostra squadra è giovane, forte e ha tanta volontà. Abbiamo la mentalità di una squadra grande”.

 

Segui CS anche su Instagram! 

Riguardo Martino Cozzi

Appassionato di calcio sin da piccolo. Ha trovato in Canale Sassuolo la redazione su misura per lui nella quale poter coltivare il suo sogno: vivere raccontando il gioco più bello del mondo!

Potrebbe Interessarti

stefano turati frosinone

Prestiti Sassuolo, Settimana 31: clean sheet per Turati e Zacchi

Prestiti Sassuolo Serie A Maxime LOPEZ (Fiorentina): sostituito al 70′ in Salernitana-Fiorentina 0-2, viene ammonito …