venerdì , 2 Dicembre 2022
Intervista Gaetano Masucci
foto: sassuolocalcio.it

La Gazzetta intervista Gaetano Masucci: “Il mio Pisa ricorda il Sassuolo, c’è programmazione”

Nell’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport è presente un’intervista a Gaetano Masucci, storico attaccante del Sassuolo dal 2004 al 2014 con 229 presenze e 40 gol in maglia neroverde. Nonostante l’età che avanza – 37 anni ad ottobre – Tano è ancora nel professionismo e milita nel Pisa, squadra che occupa il primo posto in Serie B. Ecco le parole di Masucci alla Gazzetta.

Sul Sassuolo: “Era l’anno zero, tutto nuovo. Sono arrivato con Magnanelli, Pensalfini, Pagani e Pomini, quelli dello zoccolo duro: siamo ancora amici. Ho giocato con allenatori come Allegri, Pioli, Di Francesco: una grande esperienza. Pomini? Quando mi vede mi prende in giro! Dice che col fisico che ho riesco ancora a giocare e fare gol: se il 29 avessimo giocato, magari uno gliel’avrei fatto. Similitudini tra Pisa e Sassuolo? Le piazze sono ovviamente diverse, ma le società sono unite dalla programmazione, che dovrebbe essere alla base di tutto. Dare continuità con persone serie e strutture serie paga: ho visto questo a Sassuolo e lo sto ritrovando a Pisa. Sono qui da gennaio 2017, mi volle Gigi Riccio, il vice di Gattuso che ebbi con me anche a Sassuolo. Il primo anno siamo retrocessi, ma sono state gettate le basi per vincere”.

Sulla Serie B: “Ho fatto 271 partite dal 2008 a oggi e posso dire che è una categoria cambiata tanto, così come il calcio. E’ un campionato a parte, impronosticabile. L’agonismo c’è sempre, ma ora si nota molto la tendenza al calcio moderno, spregiudicato, con pressing alto e costruzione dal basso. Gli allenatori giovani hanno cambiato la mentalità di questo campionato. Il segreto per vincere la Serie B? E’ fondamentale l’equilibrio e avere uno spogliatoio unito: chi gestisce meglio questi due fattori porta a casa più punti. Abbiamo vinto tutti gli scontri diretti, meritiamo il primo posto anche per le prestazioni: ma ora inizia un nuovo campionato e abbiamo l’entusiasmo giusto per affrontarlo. Il primo anno di B a Sassuolo eravamo primi dopo 10 partite, poi nel ritorno è cambiata la musica. Nessun gol in Serie A? Sono scaramantico, non dico nulla, ma è il mio rimpianto. Sarebbe stato il coronamento di un percorso segnare in A con il Sassuolo, purtroppo mi hanno annullato quello che feci a San Siro per fallo di Zaza”.

Segui CS anche su Instagram!

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Gabriele Boscagli

Appassionato di calcio e di sport in generale, ho deciso di condividere la passione per il Sassuolo e per la scrittura con Canale Sassuolo. In redazione curo la sezione del settore giovanile. Per contattarmi, scrivere a settoregiovanile@canalesassuolo.it.

Potrebbe Interessarti

carnevali

Carnevali: “Crediamo molto in Pinamonti, difficilmente cederemo Frattesi a gennaio”

Giovanni Carnevali, ad del Sassuolo, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Radio Sportiva. Ad una domanda sul …