domenica , 19 Maggio 2024
Intervista Gaetano Masucci
foto: sassuolocalcio.it

La Gazzetta intervista Gaetano Masucci: “Il mio Pisa ricorda il Sassuolo, c’è programmazione”

Nell’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport è presente un’intervista a Gaetano Masucci, storico attaccante del Sassuolo dal 2004 al 2014 con 229 presenze e 40 gol in maglia neroverde. Nonostante l’età che avanza – 37 anni ad ottobre – Tano è ancora nel professionismo e milita nel Pisa, squadra che occupa il primo posto in Serie B. Ecco le parole di Masucci alla Gazzetta.

Sul Sassuolo: “Era l’anno zero, tutto nuovo. Sono arrivato con Magnanelli, Pensalfini, Pagani e Pomini, quelli dello zoccolo duro: siamo ancora amici. Ho giocato con allenatori come Allegri, Pioli, Di Francesco: una grande esperienza. Pomini? Quando mi vede mi prende in giro! Dice che col fisico che ho riesco ancora a giocare e fare gol: se il 29 avessimo giocato, magari uno gliel’avrei fatto. Similitudini tra Pisa e Sassuolo? Le piazze sono ovviamente diverse, ma le società sono unite dalla programmazione, che dovrebbe essere alla base di tutto. Dare continuità con persone serie e strutture serie paga: ho visto questo a Sassuolo e lo sto ritrovando a Pisa. Sono qui da gennaio 2017, mi volle Gigi Riccio, il vice di Gattuso che ebbi con me anche a Sassuolo. Il primo anno siamo retrocessi, ma sono state gettate le basi per vincere”.

Sulla Serie B: “Ho fatto 271 partite dal 2008 a oggi e posso dire che è una categoria cambiata tanto, così come il calcio. E’ un campionato a parte, impronosticabile. L’agonismo c’è sempre, ma ora si nota molto la tendenza al calcio moderno, spregiudicato, con pressing alto e costruzione dal basso. Gli allenatori giovani hanno cambiato la mentalità di questo campionato. Il segreto per vincere la Serie B? E’ fondamentale l’equilibrio e avere uno spogliatoio unito: chi gestisce meglio questi due fattori porta a casa più punti. Abbiamo vinto tutti gli scontri diretti, meritiamo il primo posto anche per le prestazioni: ma ora inizia un nuovo campionato e abbiamo l’entusiasmo giusto per affrontarlo. Il primo anno di B a Sassuolo eravamo primi dopo 10 partite, poi nel ritorno è cambiata la musica. Nessun gol in Serie A? Sono scaramantico, non dico nulla, ma è il mio rimpianto. Sarebbe stato il coronamento di un percorso segnare in A con il Sassuolo, purtroppo mi hanno annullato quello che feci a San Siro per fallo di Zaza”.

Segui CS anche su Instagram!

Riguardo Gabriele Boscagli

Deluso dalle big fin dalla giovanissima età, si è affezionato al Sassuolo e non lo ha più lasciato. In redazione è il pilastro del settore giovanile.

Potrebbe Interessarti

dieci anni canale sassuolo

Canale Sassuolo compie dieci anni di vita!

Canale Sassuolo compie dieci anni. Era infatti il 19 maggio 2014, pochi giorni dopo quel …